function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};

Come ridiventare "trendy" grazie alla tecnologia
La rivincita del filobus
che ora tutti desiderano
ANDREA STERN


È la rivincita del filobus. Quel mezzo di trasporto spesso accantonato come fosse una reliquia - a Lugano la rete è stata dismessa nel 2001 - sta oggi vivendo una seconda giovinezza. Merito della tecnologia "in motion charging", che gli permette di staccarsi dalla filovia. Grazie a una batteria, il filobus può ora percorrere anche parecchi chilometri in maniera autonoma, senza il collegamento con la rete bifilare.
Il filobus è così tornato a essere "trendy". E ad attirare gli investimenti di chi punta su una mobilità più "green". È di pochi mesi fa, ad esempio, la decisione del governo italiano di stanziare oltre 470 milioni di euro per la realizzazione di una rete filoviaria a Genova. Si tratta in un certo senso di un ritorno al passato, visto che una rete è già esistita tra il 1938 e il 1973, ma con tecnologia del futuro.
E tra i progetti più innovativi ne emerge uno realizzato interamente in Svizzera. È il filobus Tosa, capace di trasportare fino a 133 passeggeri e soprattutto di ricaricarsi in soli venti secondi, grazie a una tecnologia nata dalla collaborazione tra canton Ginevra e Abb. Dopo una prima fase di test, oggi il Tosa è attivo sulla linea 23 dei Trasporti pubblici ginevrini, un percorso di una dozzina di chilometri tra l’aeroporto e Carouge.
Sul percorso si trovano 50 fermate, 13 delle quali dotate di stazione di ricarica. È qui che il filobus alza il suo braccio automatico e si collega al polo della stazione di ricarica. Nemmeno il tempo di lasciare scendere e salire i passeggeri che il filobus ha già immagazzinato l’energia sufficiente per proseguire la sua corsa. Grazie all’estrema efficienza del sistema, non è nemmeno necessario effettuare la ricarica a ogni fermata.
La tecnologia Tosa è stata installata su veicoli dell’azienda solettese Carosserie Hess, un punto di riferimento nel mondo dei filobus. I primi, prodotti tra il 1939 e il 1940, erano destinati ai trasporti urbani di Basilea e Bienne. Oggi Carrosserie Hess si è specializzata nella produzione di filobus a batteria, quindi capaci di circolare anche senza essere costantemente attaccati alla rete. I suoi veicoli circolano in diverse città svizzere ma anche europee, da Verona a Salisburgo.
a.s.
21.11.2020


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I bitcoin diventano adulti
e rischiano di snaturarsi
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
In aiuto ai ranger del Congo
si ricorre all'intelligence
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Un viaggio tra i popoli
sull'idea del nuovo inizio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Confinamento più efficace
dei negoziati dell'Onu
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Si pensi anche ai costi
causati da altre limitazioni

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Bider ordina
all’intelligence
di indagare
sulla Russia

Hong Kong
chiusa
per
coronavirus

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00