function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};





Le nuove produzioni librarie secondo gli editori ticinesi
Immagini articolo
L'"onda apocalittica"
resisterà nei romanzi
ANDREA BERTAGNI


La tendenza letteraria dei prossimi mesi sarà all’insegna della pandemia da coronavirus". Armando Dadò, fondatore delle edizioni di Locarno, che portano il suo nome, spiega: "Il Covid-19 fornirà talmente tanti spunti a romanzieri e saggisti, che non c’è dubbio che leggeremo del virus ancora per parecchi mesi". Anche perché, aggiunge, "non si sa ancora se il nemico è stato sconfitto o se rialzerà la testa".
In un mercato difficile, visto il calo dei lettori, ma anche piccolo e "condizionato" dalle scelte editoriali delle grandi case editrici italiane, è dunque immaginabile, secondo gli editori ticinesi, che l’onda pandemica proseguirà tra le pagine di romanzi e saggi. Così come del resto sta già avvenendo oggi, dove in libreria vanno forte i libri che parlano di virus (vedi articolo a lato).
Fabio Casangrande, titolare delle edizioni omonime di Bellinzona, ha del resto puntato proprio su un romanzo ambientato a Milano durante la pandemia. Pubblicato di recente. "Chiuso nella sua casa di Milano durante l’epidemia, Francesco Cataluccio osserva l’Italia nei mesi di quarantena. Ne nasce un racconto ironico, in cui si mescolano memorie biografiche, cronaca e aneddoti", racconta Casagrande. Anche Dadò ha previsto un libro sulla malattia in Ticino. "Lo stiamo preparando in questi mesi, uscirà in autunno, sarà un saggio. Per i romanzi stiamo invece concludendo la traduzione di un libro di uno scrittore bernese, Lukas Hartmann, che tra l’altro è il marito della presidente della Confederazione, Simonetta Sommaruga, La pestilenza. Narra della peste arrivata nella regione di Berna nel 1300". Un romanzo storico, dunque. "Ma che ha molti collegamenti con la pandemia di oggi e quindi propone molte riflessioni, che sembrano d’attualità".
Quasi una letteratura di servizio, quindi. Utile per alleviare e a volte aiutare a superare il dolore della perdita e della malattia. Parole per leggere se stessi. Condividendo l’esperienza di altri. È anche quello che stanno sperimentando sempre le edizioni Casagrande con la forma delle testimonianze, del racconto personale. "Una nicchia che potrebbe prendere sempre più piede - afferma il titolare -. Le storie devono però essere forti e avere un contenuto importante". Storie come quelle pubblicate da Casagrande, con i titoli Felici basta esserlo del municipale di Bellinzona Christian Paglia, "un racconto toccante, non a caso è il best-sellers del momento", e Infanzia rubata, di Sergio Devecchi, la storia di un bambino sottratto alla famiglia.
Gabriele Capelli, editore di Mendrisio, non si fa illusioni. "Catturare i gusti del pubblico non è facile e ci vuole anche fortuna. Tante volte si pubblica e si incrociano le dita". Vero è che i gusti vanno a momenti. "Spillover di David Quammen era per esempio un romanzo sconosciuto - continua Capelli -, mentre oggi grazie al virus è diventato un best-seller". E Capelli osserva: "Noi case editrici ticinesi ci affidiamo alla qualità di un testo e ai nostri gusti personali, non siamo in grado imporre una tendenza al grande pubblico. Lo possono semmai fare i grandi gruppi editoriali".
Gruppi che attraverso potenti strumenti di marketing, secondo Capelli, agiscono come le aziende di abbigliamento. "Che impongono al pubblico come vestirsi, dettano quali devono essere le nuove mode -. Noi siamo come un piccolo negozietto di prodotti bio, mentre loro sono i mega store".
Anche perché i numeri dei titoli pubblicati ogni anno non sono paragonabili. Di fronte alle centinaia di opere pubblicate in Italia da una singola casa editrice, le quantità in Ticino sono decisamente molto più piccole. Perché, spiega Capelli, "io posso scegliere solo tra sei-sette titoli ogni anno".  
an.b.
27.06.2020


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
13.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2020
06.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2019
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2020
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2020
12.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2020
10.06.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 22 giugno 2020
04.06.2020
Swiss Mobility: opportunità di stage professionale in Svizzera per neodiplomati 2020
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Libia è una polveriera
ormai pronta a esplodere
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Le gang dettano legge
in sessanta città Usa
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

25 anni
dal massacro
di Srebrenica

Belgrado:
assalto
al Parlamento

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00