Torna il lattaio all'alba nelle case dei giovani londinesi
Immagini articolo
Suona il "Milkman",
latte fresco a casa
ALESSANDRO CARLINI DA LONDRA


Il "milkman" è tornato alle porte dei britannici, quelle dei giovani londinesi in particolare, per consegnare le sue bottiglie di latte fresco in vetro prima che tutti si sveglino e facciano colazione. Ricompare così una figura tipica della tradizione inglese, un pezzo di storia che era andato scomparendo col successo delle grandi catene di supermercati, dei prodotti in svendita e del latte nei contenitori di plastica. Con la sensibilità ambientalista sempre più diffusa fra i "millennials" e gli "young professionals" si sta assistendo, come dicono i media e confermano i maggiori produttori, a un ritorno al passato: tanti preferiscono le bottiglie di vetro, riciclabili, ancora meglio se recapitate tintinnanti all’ingresso di casa, anche se costa un po’ di più ma è un lusso che molti si vogliono concedere. Felici di una tradizione come tante altre tornate di moda in questa Gran Bretagna governata dai Conservatori e ai tempi della Brexit, in cui è normale riscoprire le vecchie abitudini non più amate solo dai nostalgici della Old Britannia. Ed ecco quindi che c’è la corsa ai prodotti tipici, alle ricette perdute del passato, si fa il pane come una volta, spuntano forni all’insegna dei prodotti biologici e locali un po’ ovunque, insieme al latte vengono consegnati anche uova, miele, frutta e verdura.
E il "milkman" è una sorta di "re" del revival: a bordo del suo caratteristico furgone coi colori di una mucca pezzata e un paio di corna sul tetto che scorrazza alla mattina nelle vie residenziali della capitale. Non si sente il rumore del motore, perché il veicolo è rigorosamente elettrico, e così non disturba il sonno di quanti di lì a poco si prepareranno per la giornata. Stando ai dati, negli ultimi due anni il fenomeno è aumentato in media del 25%. Per la Dairy Uk, che riunisce le compagnie del settore, si parla di oltre un milione di consegne al giorno. La società leader, Milk&More, vede una media di 2500 nuovi clienti ogni mese, soprattutto concentrati a Londra.
L’azienda, che ha sede nel sud-ovest della capitale, era di proprietà della Dairy Crest, che l’ha venduta nel 2016 al colosso tedesco Müller, segno che anche i grandi vedono possibilità di sviluppo in questo mercato non più di nicchia. Può contare su un piccolo esercito di 1200 dipendenti, uomini e donne, che fanno le consegne a domicilio: si calcola che ogni anno servano 750 mila clienti sparsi nel Regno.
"Il lattaio torna così ad essere una figura molto importante nella vita di una comunità locale - ha detto Patrick Müller, "ceo" della Müller Milk&Ingredients (la sussidiaria britannica della multinazionale fondata in Germania) -, non consegna solo latte, ma anche prodotti a chilometro zero, in modo puntuale e creando un rapporto diretto coi consumatori". Alla base del servizio c’è il riciclo del vetro, con le bottiglie vuote che vengono rese. Ci sono anche aziende di dimensioni minori, come la Parker Dairies, distributore a conduzione famigliare con sede nel quartiere londinese di Woodford Green. Serve circa 11 mila clienti, fra famiglie, scuole e uffici, con l’impegno tassativo di consegnare il latte entro le otto di mattina. I milkmen di Londra non hanno dubbi quando devono spiegare da cosa sia mai rinata questa abitudine: dagli appelli ambientalisti lanciati da David Attenborough, il seguitissimo divulgatore scientifico e star della Bbc, che ha dichiarato guerra alla plastica.
17.11.2019


Articoli Correlati
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
18.03.2020
Pubblicazione straordinaria: Decreto esecutivo concernente l’annullamento e il rinvio delle elezioni comunali per il periodo 2020-2024 del 18 marzo 2020
18.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2020
13.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2020
11.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
28.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2020
26.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 marzo 2020
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
L'economia malata
cambierà la società
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi



IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Coronavirus:
il business
della paura

Wuhan:
prove tecniche
di normalità

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00