function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
Libri, film e serie tv per combattere la violemza domestica
Immagini articolo
La cultura contrasta
anche il femminicidio
MARINA CAPPA


Dieci ogni ora, 240 al giorno. Di queste 240, 137 sono state uccise da un componente della famiglia. In particolare, in un anno 30mila donne sono scomparse per mano del loro partner, attuale o ex. Sono gli ultimi dati sui femminicidi nel mondo, che l’associazione We World (il cui claim è "Con i bambini, con le donne, per i loro diritti") presenta il 21 novembre. Partendo da questi numeri, e dalle statistiche secondo cui in Svizzera ogni due settimane si verifica un caso di violenza domestica con esito letale e in Italia una donna su tre nella vita subisce una violenza (il che non è poi così eccezionale, nel panorama mondiale) ma non sempre lo denuncia, il 25 novembre è stata indetta la "Giornata internazionale contro la violenza sulle donne".
Negli stessi giorni, a Genova, si affronta il tema "Il corpo delle donne", in un festival dedicato all’"Eccellenza femminile" e arrivato alla quindicesima edizione (17-25 novembre). Un’occasione per celebrare signore che in campi anche molto lontani rappresentano oggi e hanno rappresentato in passato il meglio, e per conoscerle attraverso mostre, spettacoli, incontri, dibattiti.
Qual è allora la questione? Da una parte la violenza. Quella che un tempo, come ci ricorda Alberta Basaglia (vedi intervista a destra), faceva sì che i manicomi fossero pieni di donne non "pazze" ma socialmente disturbanti, magari recluse per ragioni economiche o perché non si assoggettavano a una vita gestita da padri e mariti. E la violenza di oggi, quella che - uscita dagli spazi manicomiali - è però sopravvissuta all’interno delle relazioni e delle famiglie, con maltrattamenti che il più delle volte, secondo i dati di We World, si svolgono sotto gli occhi (quando non sulla pelle) dei figli. Botte e minacce che nei casi peggiori - in Italia finora nel 2019 sono 70 le vittime di femminicidio - diventano assassini. Dall’altro lato, tuttavia, l’obiettivo è non chiudersi (come mette in guardia l’attrice Viola Graziosi, protagonista, il 20 novembre a Genova e poi in tournée, del Racconto dell’ancella) in un puro "vittimismo". Ma cercare la risposta positiva, l’"assunzione di responsabilità" che porti a far sentire la propria voce, la rivendicazione di una eccellenza fino a pochi decenni fa negata.
Di recente per esempio, l’associazione Gi.U.Li.A. con l’Osservatorio di Pavia e la Fondazione Bracco ha pubblicato l’elenco delle cento esperte, le migliori specialiste in ogni campo del sapere. Il progetto intende estendersi dall’Italia alla Francia e al Belgio, così da fornire riferimenti femminili (e non solo i soliti nomi maschili) a chi avesse bisogno di contattare per lavoro una voce autorevole in un determinato settore, dall’astronomia alla matematica, dalla politica all’economia.
Quanto all’eccellenza allestita a Genova, quest’anno si è cercato di indagare su come la società, la politica, l’arte, la storia, l’economia e anche lo sport abbiano influenzato la condizione del corpo femminile nelle diverse epoche. A partire dalla "top model ante litteram" Simonetta Vespucci Cattaneo, che nel Quattrocento posò per Botticelli. Per arrivare alle atlete paralimpiche Giusy Versace e Caterina Selleri, testimoni del tema - che è anche un sogno e un traguardo - "Il corpo oltre gli ostacoli".
03.11.2019


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
30.04.2020
Pubblicato il Rendiconto 2019 del Consiglio di Stato
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Notte
di violenze
nelle città
statunitensi

La lenta
ripartenza
della cultura
europea

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00