Anche svizzeri fra i ladri di singolari "souvenir turistici"
Immagini articolo
Rubano la sabbia
dalle spiagge sarde
MAURO SPIGNESI


È un viaggio di andata e ritorno. Uno strano viaggio, quello della sabbia, dei sassi, dei pezzetti di corallo. Presi, rubati meglio dire, come souvenir di una vacanza. E, poi, resi. Succede in Sardegna dove diversi ladri hanno deciso di cedere alla propria coscienza e hanno restituito bottiglie e sacchetti colmi di granelli e altri oggetti portati via dalle località costiere dell’isola, spesso da aree marine protette. Una delle ultime è Angela, una donna che vive a Milano e che quasi trent’anni fa s’era portata via un "cimelio" estivo di is Arutas, sulla costa di Oristano, "quasi per gioco", perché allora "non c’era coscienza dell’ambiente come bene comune", ha scritto in una bella lettera che accompagnava il pacco. Dieci chili di sabbia e frammenti di roccia che poi i volontari ambientalisti hanno ributtato in mare.
"Sicuramente è cresciuta una sensibilità e una consapevolezza che oggi porta molte persone a pentirsi - spiega il comandante del Corpo forestale della Sardegna, Antonio Casula -. Un tempo purtroppo si pensava di poter fare tutto, oggi esiste anche una precisa normativa che vieta espressamente di portar via sabbia, sassi o altri elementi naturali. È un primo passo, che viaggia parallelamente con le campagne di informazione, ma bisogna ancora continuare. Anche per questo abbiamo chiesto di creare un osservatorio permanente. Perché i controlli li facciamo noi, la polizia, i carabinieri e altre forze dell’ordine, oltre la vigilanza privata. Serve da una parte un coordinamento e dall’altro uno scambio di informazioni costante per contrastare il fenomeno".
Ma chi sono i ladri? Secondo le segnalazioni sul sito che fa capo all’associazione "Sardegna rubata e depredata", una vasta rete che su Facebook è seguita da 35mila persone, si tratta soprattutto di "stranieri di nazionalità francese, spagnola, ungherese, polacca, tedesca, svizzera e inglese. Ma anche diversi turisti italiani". Anche svizzeri dunque? "Assolutamente, confermo tale notizia. Alcuni quest’estate sono stati pesantemente multati", spiega al Caffè Franco Murru, responsabile e portavoce dell’associazione.
Ma se tanti hanno capito, altrettanti continuano a depredare le spiagge. E, come ha spiegato il Touring club svizzero nelle sue raccomandazioni per le vacanze, "le multe per chi non rispetta questa regola vanno dai 400 ai 1’000 euro". Dunque, attenzione.
Il fenomeno è vasto, tanto che, sempre Antonio Casula, ha spiegato che si sta valutando la possibilità di far scattare le "ganasce fiscali" da applicare alle auto degli stranieri "perché è difficile ottenere il pagamento della sanzione".
"Va sottolineato - spiega Nadia Passalacqua, portavoce per la Svizzera italiana dell’Amministrazione federale delle dogane - che alcuni Paesi (ad esempio la Francia o le Maldive) considerano il prelevamento della sabbia sulla spiaggia come una violazione del demanio marittimo pubblico. Vale a dire che la sabbia è considerata parte del patrimonio culturale del Paese e si può arrivare a considerare questo prelevamento come furto. A nostra conoscenza, queste disposizioni sono per il momento solo nazionali o addirittura regionali".
Per quanto riguarda il corallo - aggiunge Passalacqua - "circa 100 specie sono protette dalla Convenzione Cites: ad esempio il corallo nero dei Caraibi o quello maculato o ancora il corallo rosso. Di conseguenza, è assolutamente vietato importare gran parte del corallo o lo stesso è soggetto all’autorizzazione all'importazione".
mspignesi@caffe.ch
27.10.2019


Articoli Correlati
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
18.03.2020
Pubblicazione straordinaria: Decreto esecutivo concernente l’annullamento e il rinvio delle elezioni comunali per il periodo 2020-2024 del 18 marzo 2020
18.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2020
13.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2020
11.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
28.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2020
26.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 marzo 2020
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
L'economia malata
cambierà la società
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi



IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Coronavirus:
il business
della paura

Wuhan:
prove tecniche
di normalità

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00