La comunità baha'i ricorda la nascita del profeta
Immagini articolo
Il Báb venne a unire
Gesù con Maometto
ANDREA STERN


Duecento anni fa nasceva il Báb. Fosse nato prima, forse, si sarebbero evitate molte delle guerre di religione che hanno funestato la storia mondiale. "Nella nostra fede - spiega Feri Mazlum, ingegnere e membro della comunità bahá’i di Locarno - si considerano vere tutte le religioni. Tutte le religioni hanno origine divina. Quindi non ha senso combattere o anche solo cercare di convertire chi pratica un culto diverso dal nostro. Cristiani, ebrei, musulmani, buddisti, zoroastriani, Hare Krishna… crediamo tutti nello stesso Dio e siamo tutti fratelli. Ecco come la pensiamo".
Per aver detto ciò, il Báb fu fucilato all’età di trent’anni. Era nato il 20 ottobre 1819 a Shiraz, in Iran, con il nome di Mírzá Alí Muhammad e sin da giovane aveva iniziato a diffondere un messaggio rivoluzionario. Un messaggio di pace, di amicizia verso le persone di ogni fede e razza, di uguaglianza tra uomo e donna, di giustizia sociale. Concetti che in brevissimo tempo fecero breccia tra centinaia di migliaia di persone di ogni ceto sociale. Ma un successo intollerabile per le autorità persiane di allora, che preferirono mettere a tacere in modo definitivo l’autore di quei messaggi potenzialmente sovversivi.
Tuttavia il Báb sapeva che dopo la sua fucilazione sarebbe subito arrivato un altro messaggero di Dio, il Bahá’u’lláh, che ne avrebbe ripreso e ulteriormente diffuso gli insegnamenti. E così fu. Anche Bahá’u’lláh fu perseguitato, quindi incarcerato e mandato in esilio. Ma nonostante quasi quarant’anni di prigione riuscì a proseguire l’opera di divulgazione. E così, la fede bahá’i diventò un fenomeno inarrestabile, che travalicava i confini della Persia di allora.
Oggi il movimento conta circa 8 milioni di fedeli, sparsi in praticamente tutti i Paesi del mondo. In Ticino la comunità è composta da un centinaio di persone, molto attive nella vita pubblica (vedi articolo a destra).
"Diventare bahá’i - riprende Mazlum - è come passare dal liceo all’università. Noi riteniamo che la verità religiosa non sia assoluta bensì relativa. La rivelazione divina, per noi bahá’i, è progressiva. Quindi tutti i profeti, da Abramo a Bahá’u’lláh passando per Gesù Cristo e Maometto, fanno parte di un processo che deve permettere all’umanità di progredire nel suo percorso di conoscenza della verità di Dio. I profeti sono tutti maestri di uno stesso bambino, nessuno è più importante degli altri, sono tutti uguali".
Va tuttavia riconosciuto che i bahá’i considerano il Báb forse un po’ più uguale degli altri messaggeri di Dio. È infatti verso il suo mausoleo, che si trova ad Haifa, in Israele, che si rivolgono quando inneggiano una preghiera, un po’ come fanno i musulmani in direzione della Mecca. Ed è il Báb, non un profeta qualunque, a meritarsi l’onore di una serie di celebrazioni per il bicentenario dalla sua nascita.
"Ma con questi eventi - insiste Mazlum - non vogliamo fare proselitismo. Il nostro obiettivo è quello di far conoscere gli insegnamenti del Báb affinché ognuno possa crescere spiritualmente. La fede è qualcosa di personale che ognuno di noi deve sviluppare come meglio crede. Noi possiamo solo dare il nostro contributo con l’auspicio di una migliore comprensione tra le persone di diverse religioni". In sostanza, se si considera che tutti i profeti sono uguali allora anche tutte le persone sono uguali.
"E alla fine anche tutte le religioni sono uguali, o meglio sono legate da un filo conduttore - conclue Mazlum -. Si basano infatti tutte sullo stesso principio: non fare agli altri quello che non vuoi sia fatto a te".
a.s.
20.10.2019


Articoli Correlati
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
18.03.2020
Pubblicazione straordinaria: Decreto esecutivo concernente l’annullamento e il rinvio delle elezioni comunali per il periodo 2020-2024 del 18 marzo 2020
18.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2020
13.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2020
11.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
28.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2020
26.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 marzo 2020
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
L'economia malata
cambierà la società
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi



IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Coronavirus:
il business
della paura

Wuhan:
prove tecniche
di normalità

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00