Trovata all'Usi una soluzione per combattere i "suini"
Immagini articolo
Caccia selezionata...
ed è "cinghialmania"
GIANFRANCO QUAGLIA


A Brè è scoppiata la "cinghialmania", se così può essere definita la manifestazione d’affetto nei confronti di "Piggy", un ungulato che dimostra una particolare empatia per le persone, alle quali si avvicina con atteggiamento mansueto. Per lui è stato aperto addirittura un gruppo su Facebook allo scopo di tutelarlo e preservarlo dai fucili dei cacciatori.
Di tutt’altro tenore è invece l’attenzione per i cinghiali in Italia e soprattutto in Piemonte, dove la presenza di questi animali selvatici rappresenta un incubo. Anzi, un flagello. Bastano alcuni dati per comprendere la portata del fenomeno in negativo: oltre un milione di esemplari in tutta la Penisola, almeno 1.100 incidenti (alcuni anche mortali), causati sulle strade del Piemonte. Invasi dai cinghiali, con incursioni anche nelle grandi città (episodi a Genova e Roma), gli agricoltori assistono impotenti alla distruzione dei raccolti e gli abitanti in generale chiedono interventi radicali. Fin qui, quelli adottati, non hanno risolto il problema.
Ma proprio da Lugano viene in soccorso il cosiddetto "Modello svizzero", una strategia nuova, più mirata, messa a punto da due ricercatori dell’università ticinese, già sperimentata con successo in Valdossola, ai confini con il Vallese, e ora pronta per essere adottata. Si chiama "Community Empowerment" e si basa sulla consapevolezza e la responsabilità del mondo agricolo e di quello venatorio. Il metodo dei due studiosi, il professor Michael Gibbert e il dottor Stefano Giacomelli, testato nell’arco di 17 anni (dal 2001 al 2018) è stato oggetto di un articolo pubblicato su "Ecology and Society", prestigiosa rivista di ecologia a livello internazionale, una certificazione della validità del modello cui ora le organizzazioni agricole italiane e gli enti locali vogliono ispirarsi.
I due ricercatori, coadiuvati dal dottor Roberto Viganò dello studio di consulenza veterinaria AlpVet, hanno operato nell’ambito del World Challenge Program, iniziativa lanciata dall’Università della Svizzera italiana, dimostrando esattamente l’opposto di quanto si è fatto finora in Italia e non solo. In altre parole la metodologia più efficace per il "contenimento" dei cinghiali non è la battuta di caccia massiva, ma al contrario una limitazione della pressione venatoria poco regolata e una maggiore responsabilizzazione delle comunità locali coinvolte. Non a caso i due ricercatori sono docenti della facoltà di Scienze della comunicazione. Come dire, un’informazione più corretta del problema, che vada oltre gli stereotipi e le abitudini. Lo strumento si basa sulla caccia di selezione, praticata in solitaria o con un accompagnatore, senza cani, e prevede il prelievo solo di capi con caratteristiche precise (per sesso, età, eventuali problemi di salute). Scelti sulla base di censimenti e piani faunistici. Lo stesso tipo di caccia che si pratica per il capriolo, il cervo, il camoscio. Ma i cacciatori devono seguire corsi con rigorosi esami finali, in maniera tale da diventare specialisti in grado di individuare tutte le caratteristiche dell’animale prima di sparare.
22.09.2019


Articoli Correlati
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
18.03.2020
Pubblicazione straordinaria: Decreto esecutivo concernente l’annullamento e il rinvio delle elezioni comunali per il periodo 2020-2024 del 18 marzo 2020
18.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2020
13.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2020
11.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
28.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2020
26.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 marzo 2020
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
L'economia malata
cambierà la società
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi



IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Coronavirus:
il business
della paura

Wuhan:
prove tecniche
di normalità

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00