Da Lugano a Bellinzona i murales ridisegnano il territorio
Immagini articolo
Quando l'arte 'fiorisce'
fra le strade cittadine
ANDREA BERTAGNI


Da Lugano a Bignasco, da Bellinzona a Novaggio. Da arte di strada, in passato combattuta e odiata, ad apprezzata forma artistica capace di valorizzare case, quartieri, edifici pubblici e privati. Anche in Ticino. Parenti ricchi dei graffiti, oggi i murales colorano e ridisegnano il profilo urbano. "Forse da noi si è dovuto aspettare che il fenomeno street art esplodesse prima nel resto del mondo - osserva Christian Rebecchi, che con Pablo Togni forma il duo Nevercrew - ma oggi si può dire che stiamo riguadagnando terreno".
A Lugano, durante il cantiere del nuovo campus Usi-Supsi di Viganello, ad esempio, decine di artisti svizzeri hanno dato vita con affreschi e pitture alle recinzioni che delimitavano i lavori di costruzione. Obiettivo: proporre una riflessione collettiva sull’avvenire scientifico del cantone. Dipinti e disegni a tutta parete non mancano anche in altri punti cittadini. Tanto che il Comune ha aperto un ufficio ad hoc - Arte urbana Lugano - e uno street art tour. Un percorso che dall’ex macello fino al parco Ciani vuole incuriosire gli abitanti della città. "Oggi si è più propensi a cambiare i luoghi - continua Rebecchi -, mentre in passato quello che frenava era l’idea che uno spazio andava bene così com’era".
Novaggio è un piccolo comune del Malcantone. Eppure anche qui l’arte urbana ha preso il sopravvento. Passeggiando tra le viuzze del paese è possibile ammirare diversi dipinti sulle facciate e sui muri delle case. "Ogni opera è diversa dalle altre - spiega Rebecchi, che con Togni ha, ad esempio, realizzato un murales alle scuole di Bozzoreda a Pregassona -. Ci possono essere contenuti politici, messaggi provocatori o soltanto sollevare alcuni interrogativi. Sta all’artista immaginare e produrre il tema più adeguato".
Bignasco, in Vallemaggia, non è Las Vegas. Eppure, dopo varie esperienze internazionali, due giovani artiste di Cevio hanno dipinto un grande spazio della piscina comunale. Blu come l’acqua delle vasche, l’opera d’arte a cielo aperto è un tributo all’estate con ombrelloni, salvagenti e una giovane bagnante che tiene in mano una paperella di gomma.
L’ironia è stata al centro anche dell’affresco realizzato sulla trafficata via Motta all’incrocio con via Franscini a Bellizona nell’ambito del progetto "The Walls Bellinzona" della fondazione Kaspar e Sophie Spörri. Prevede la creazione di un’esposizione permanente di murales ad opera di artisti svizzeri e internazionali nello spazio pubblico della capitale. Alzando agli occhi al cielo, la pedana sul riale Dragonato è stata trasformata in una lunga serie di mattoncini della Lego. Dopo le matite sulla vecchia caserma dei pompieri, la street-art bellinzonese ha coinvolto anche la sede del Gruppo canoisti ticinesi di via al Maglio, che da verde militare è diventata rossa, rosa, arancione e turchese.  
"Il potenziale per un ulteriore sviluppo dei murales in Ticino c’è sicuramente - sottolinea Rebecchi -, anche se qui non esistono vere e proprie periferie, come in altre parti del mondo dove la street-art è conosciuta e apprezzata da anni, tanto da lambire i centri cittadini. Il nostro territorio presenta caratteristiche differenti, ma sono sicuro che le abitudini di molte amministrazioni comunali e degli abitanti stanno cambiando".
an.b.
08.09.2019


Articoli Correlati

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
18.03.2020
Pubblicazione straordinaria: Decreto esecutivo concernente l’annullamento e il rinvio delle elezioni comunali per il periodo 2020-2024 del 18 marzo 2020
18.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2020
13.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2020
11.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
28.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2020
26.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 marzo 2020
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Se si stampa il denaro
solo per indebitarsi
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Coronavirus,
negli Stati uniti
1500 decessi
in appena 24 ore

Francia:
accoltella persone
nel centro
di Romans-sur-Isère

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00