Il paesaggio delle città trasformato dalla crisi dei negozi
Immagini articolo
Ghost shops simbolo
dei negozi in agonia
MAURO SPIGNESI


C’è chi si ferma, si avvicina con sorpresa alla vetrina e guarda dentro le stanze vuote. Poi scrolla la testa, come dire che non se l’aspettava, e va via. Quel negozio, dove molti erano entrati, dove forse avevano trovato un articolo interessante, non c’è più. Chiuso. Lo dice - come raccontano le foto di questa pagina - il cartello ingiallito. Ed è un’immagine che si ripete, in centro come in periferia, nelle città e nei paesi, dove i "ghost shops", i negozi fantasma, sono ormai diventati parte del panorama. Negli ultimi cinque anni sono scomparsi oltre trecento punti vendita in tutto il Ticino.
Alcuni erano marchi storici, botteghe portate avanti da generazioni che non hanno retto alla metamorfosi degli ultimi anni. Altri, invece, hanno solo cambiato sede, seguendo una tendenza rilevata anche nell’ultimo rapporto sull’immobiliare della società di ricerca Wüest Partner, e cioè un ridimensionamento. In pratica ormai a molti negozianti non serve più avere magazzino, e dunque le grandi superfici di vendita non sono più adatte. Ed ecco perché parecchi hanno cambiato sede, riducendo anche i costi d’affitto, una delle ragioni che ha mandato a fondo parecchie aziende che ormai con la contrazione degli affari non riuscivano più a pagare mensilmente cifre importanti.
Attorno al commercio si è insomma formato un grumo di problemi. Che vanno appunto dagli affitti all’eccesso di punti vendita a una geografia di posizionamento, alcune volte sbagliata perché si sono scelte zone poco adatte allo shopping, agli ordini online che stanno rosicchiando progressivamente importanti fette di affari, sino a problemi che sono irrisolti da anni, come il turismo degli acquisti all’estero (particolarmente sentito in Ticino, cantone di frontiera), gli orari e i parcheggi.  
Tutto questo ha profondamente mutato non soltanto le storiche strade dello shopping, dove un tempo arrivavano (e spendevano), come raccontano gli stessi negozianti, tanti italiani che avevano i soldi nelle banche ticinesi, ma anche i piccoli paesi dove ormai è un’emorragia continua e dove i pochi "eroi" resistono ancora a malapena inventandosi ogni giorno, come ad esempio i piccoli chioschi che la domenica vendono pure il pane. Un impoverimento del tessuto urbano, perché i negozi - come hanno fatto notare i commercianti - sono l’identità di una città. Tuttavia, di fronte alle serrande abbassate, alle luci spente, qualche iniziativa c’è. A Chiasso alcuni commercianti pagano l’Iva per i clienti e il Comune ha riaperto i negozi trasformandoli in centri d’arte o d’animazione in attesa vengano riaffittati. A Mendrisio si finanzia chi abbellisce le vetrine. A Locarno si sta cercando di collegare il centro con la città vecchia, mentre a Lugano pochi giorni fa si sono riuniti i negozianti per sollecitare l’entrata in vigore della nuova legge sul lavoro e le aperture flessibili.
17.02.2019


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

La rivolta dei medici
contro il loro vertice
L'INCHIESTA

"Col telelavoro avremo
impiegati più motivati"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

L'Emmental migliora
con il rock e Mozart
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il sogno globalista
sulla "via della seta"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La labile ideologia
dei nuovi terroristi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
a Londra marcia
per un nuovo
referendum

Gilet gialli,
un sabato
tranquillo