L'analisi del meteorologo e climatologo
Immagini articolo
Il manto bianco si ritira
lo si vedrà solo in cima
LUCA MERCALLI


C’è un gran sole sul ghiacciaio del Sabbione in alta Formazza: è il 19 settembre 2018, al termine della quarta estate più calda di oltre due secoli sulle Alpi italiane. Dal coronamento della diga vedo il ghiacciaio stremato dalla fusione, annerito dai detriti, completamente privo del suo manto di neve residua invernale che dovrebbe nutrirlo e proteggerlo.
Nell’estate 2011 avevamo installato una rete di paline per la misura dell’ablazione (l’insieme dei processi che consumano ghiaccio), ora non più in servizio, ma dai dati rilevati sul ghiacciaio Ciardoney, nel Parco Nazionale del Gran Paradiso e sul vicino Basodino misurato dal team di Giovanni Kappenberger, si può stimare per quest’anno una perdita di spessore di circa un metro e mezzo di ghiaccio. Un dato ormai comune a tutti i ghiacciai delle Alpi, che da oltre trent’anni perdono molta più massa di quanta ne accumulino e sono dunque condannati alla pressoché totale scomparsa entro questo secolo, complice ovviamente il riscaldamento globale.
La temperatura alpina è infatti aumentata di almeno 1,5 gradi nell’ultimo secolo e ha determinato la scomparsa di ben il sessanta per cento dell’estensione dei ghiacci alpini, passati da 4500 km2 a meno di 1800. La Svizzera del resto ospita alcuni degli istituti di ricerca più antichi e autorevoli nel campo della glaciologia mondiale: il World Glacier Monitoring Service - le cui basi furono poste nel 1894 - è ospitato all’Università di Zurigo, e per conto delle Nazioni Unite organizza e pubblica tutte le osservazioni dei ghiacciai mondiali. Al Politecnico federale di Zurigo opera invece un dipartimento di glaciologia all’avanguardia. E le notizie sulla ritirata glaciale ormai arrivano da tutti i ghiacciai del mondo, dalle Ande, dall’Alaska, dall’Himalaya e soprattutto dalle delicate regioni polari. In Groenlandia la grande calotta glaciale è particolarmente esposta alla fusione, e preoccupa per il contributo che può dare all’aumento del livello marino (se fondesse completamente potrebbe causare un innalzamento di ben sette metri delle acque oceaniche).
Ma anche l’Antartide, continente di ghiaccio più freddo e stabile, mostra i primi segni di cedimento sulla penisola antartica, dove nel luglio 2017 dalla piattaforma glaciale "Larsen-C" si è distaccato un iceberg grande più della Liguria. Ma torniamo ai nostri ghiacciaietti alpini. Da oltre un secolo sono misurati tramite semplici variazioni frontali: si stabiliscono dei punti fissi su rocce antistanti il limite del ghiaccio e anno dopo anno si misura la distanza che intercorre. Molti apparati si sono ritirati anche più di un chilometro, celebre il comodissimo sentiero glaciologico del Vadret da Morteratsch: dalla stazione del trenino rosso del Bernina si percorre un sentiero dotato di pannelli che segnano decennio dopo decennio le tappe del vistoso arretramento di oltre 2 chilometri.
Più recentemente sono stati introdotti i bilanci di massa, misure più complete dello spessore perso o guadagnato dall’intero ghiacciaio, e dagli anni Cinquanta la fotografia aerea. Oggi la frontiera della ricerca sono i rilevamenti da satellite e da drone che permettono di ottenere dettagliate cartografie al computer. Il mestiere del glaciologo guadagna così in precisione ma perde un po’ della sua epica alpinistica, si fa sempre più seduti davanti a un computer e meno tra crepacci e bufere di neve.
Ciò che conta è però il responso che offre alla collettività: un sintomo inequivocabile del riscaldamento globale, una rapida evoluzione del territorio alpino, un campanello d’allarme che dovremmo tutti ascoltare, se vogliamo almeno che i nostri nipoti possano vedere ancora un po’ di ghiaccio sulle vette più elevate.
04.11.2018


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

La rivolta dei medici
contro il loro vertice
L'INCHIESTA

"Col telelavoro avremo
impiegati più motivati"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

L'Emmental migliora
con il rock e Mozart
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il sogno globalista
sulla "via della seta"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La labile ideologia
dei nuovi terroristi
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
a Londra marcia
per un nuovo
referendum

Gilet gialli,
un sabato
tranquillo