Nuove "armi" danno più speranza ai malati di tumore
Immagini articolo
Oltre il cancro c'è vita
e oggi fa meno paura
PATRIZIA GUENZI


Aumenta la sopravvivenza. Il tumore fa un po’ meno paura. Le cure si fanno sempre più mirate. Come l’immunoterapia, considerata la nuova frontiera della lotta al cancro. Un metodo basato sull’impiego di sostanze che agiscono sul sistema immunitario. A seconda delle circostanze induce, amplifica o sopprime una risposta "difensiva" dell’organismo. Non per niente la scoperta è valsa il Nobel per la medicina a due scienziati, James P. Allison, 70 anni, capo del dipartimento di immunologia dell’Anderson Cancer Center di Houston, e Tasuku Honjo, 76 anni, responsabile del dipartimento di immunologia e medicina genomica all’Università di Tokyo. Premiati proprio questa settimana. "È sicuramente una nuova arma, che si aggiunge alla chirurgia, alla radioterapia e alla chemioterapia, ma il miglior alleato resta la prevenzione, uno stile di vita sano", osserva il dottor Franco Cavalli, direttore scientifico dell’Istituto oncologico della Svizzera italiana.
Un’arma in più, dunque. In grado di aumentare, almeno in teoria, il numero di chi al cancro sopravvive. In media, in Svizzera (dati 2008-2012), considerando tutte le forme tumorali il tasso di sopravvivenza a cinque anni è del 65% negli uomini e del 68% nelle donne. Rispetto al periodo 1998–2002 l’aumento è di 9 e 6 punti percentuali. "Tutte le terapie a nostra disposizione - riprende Cavalli - si stanno sicuramente rivelando un ottimo modo per combattere la malattia. Nei Paesi ricchi si muore globalmente o in percentuale meno, è vero. Ma solo un quarto di questo successo è dovuto alle cure. Il resto è merito di una miglior prevenzione e di una diagnosi sempre più precoce".
Prevenzione e diagnosi tempestiva, dunque. Anche se le probabilità di sopravvivenza sono influenzate pure dalla localizzazione tumorale, dall’accessibilità ed efficacia dei trattamenti. "Pensiamo che ancora oggi quasi le metà dei pazienti non ce la fa", dice Cavalli. In Svizzera sono diagnosticati ogni anno 38mila nuovi casi di tumore e 16mila persone muoiono. E dalle statistiche emerge che in Svizzera fanno ancora giustamente paura i tumori del pancreas, del fegato e del polmone e il mesotelioma pleurico (tassi di sopravvivenza a cinque anni inferiori al 20%). Buone invece le prognosi per quello del testicolo, melanoma cutaneo, tumore della tiroide, linfoma di Hodgkin e tumore della prostata e seno (tassi superiori all’80%). "Grazie anche all’immunoterapia - riprende Cavalli -, alcuni tumori reagiscono molto bene alle cure. Mentre è in netto calo il numero di casi di cancro ai polmoni negli uomini, che fumano meno, e allo stomaco in generale. Scesi anche quelli al collo dell’utero, grazie alla diagnosi precoce, e al seno (le donne assumono meno ormoni contro i sintomi della menopausa)".
Tornando ai due Nobel, Allison e Honjo hanno in sostanza scoperto quelle molecole che tolgono il "freno" che blocca la reazione del nostro organismo. Favorendo quindi l’avvio di una reazione del sistema immunitario, in grado così di aggredire virus e batteri provenienti dall’esterno e quindi anche di colpire le cellule neoplastiche. "In teoria il nostro organismo dovrebbe essere in grado di farlo da solo, in presenza di una cellula cancerogena - sottolinea Cavalli -. Invece no, subentra una sorta di paralisi per cui la cellula cancerogena ha il sopravvento".
Se aumenta la sopravvivenza e se la lotta alla malattia è migliorata, alcuni tipi di tumore sono però oggi più frequenti rispetto ad anni fa. Come i melanomi, i tumori cattivi della pelle, a causa della maggior esposizione ai raggi ultravioletti. In aumento anche il cancro al polmone nelle donne, sempre più fumatrici. "Più frequente pure il tumore all’intestino, dovuto al consumo esagerato di carne", osserva Cavalli. E allora prevenzione, vuol anche dire che a tavola frutta, verdura e cereali non dovrebbero mai mancare.
pguenzi@caffe.ch
07.10.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

La rivolta dei medici
contro il loro vertice
L'INCHIESTA

"Col telelavoro avremo
impiegati più motivati"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

L'Emmental migliora
con il rock e Mozart
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il sogno globalista
sulla "via della seta"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La labile ideologia
dei nuovi terroristi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
a Londra marcia
per un nuovo
referendum

Gilet gialli,
un sabato
tranquillo