Perché le suonerie, un tempo popolari, non esistono più
Immagini articolo
Dalla "hit" Hello moto
agli smartphone muti
MAURO SPIGNESI


Chi si ricorda di Hello Moto? Eppure è stata scaricata milioni e milioni di volte. Era una suoneria, la più celebre degli anni Novanta, la più ascoltata di tutti i tempi. Era diventata quasi uno status symbol, visto che la utilizzava chi aveva un Mororola, allora il cellulare più in voga. Eppure sembra sia passato un secolo. Oggi le suonerie, un modo per personalizzare il proprio telefonino, per far capire agli altri gusti musicali, tendenze politiche o anche solo la squadra del cuore, non ci sono quasi più. Si usa spesso la vibrazione, visto il moltiplicarsi di apparecchi e visto che è nata una sorta di autoregolamentazione che porta quasi tutti ad evitare che il telefono squilli a tavola come durante una riunione di lavoro.
Sino a pochi anni fa le suonerie erano anche un grande business. C’erano centinaia di siti dai quali si potevano scaricare, c’erano aziende specializzate che componevano brevi musichette cogliendo al volo magari la pubblicità del momento, o personaggi celebri come il Pulcino Pio. C’era chi ne possedeva diverse e ne accoppiava una alle chiamate e una, diversa, ai messaggi sms. Poi, la progressiva picchiata. Soltanto negli Stati Uniti la Recording industry association of America ha calcolato un calo vertiginoso. I fatturati delle società che producono suonerie sono passati da 977 milioni di dollari del 2008 ad appena 16 dell’anno scorso.
E il mercato, che a livello globale valeva 4.4 miliardi di dollari nel 2005 secondo Billboard, rivista statunitense dedicata alla musica, oggi non offre segnali di risveglio. Anzi. Per gli esperti è tutta colpa dell’evoluzione dei cellulari che oggi non sono più soltanto telefoni ma raggruppano una miriade di funzioni, dalle mail alla navigazione sul web. Negli anni Novanta chi acquistava un nuovo cellulare invece di settare la casella postale, la password del wi-fi di casa o dell’ufficio, come avviene oggi, andava sul menu e cercava subito la voce "suoni", dove appariva una lunga lista di musichette. Un rito che restituiva note di tutti i tipi. Si andava dai brani di musica classica sino al jazz, dalle canzoni popolari a quelle politiche, come "bandiera rossa" versione squillo d’entrata di una chiamata. Si faceva di tutto per distinguersi e stupire.
Oggi al massimo l’unico suono che si sente è quel breve alert di WhatsApp, perché poi si sta sempre con lo smartphone in mano, perennemente connessi e in una frazione di secondo, prima ancora del suono, si è già risposto a mail, sms, messaggi che passano da un social all’altro.
Un altro aspetto che ha contribuito al calo delle suonerie sono stati i costi. Oggi, soprattutto i giovani sono abituati a scaricare qualsiasi prodotto gratis. Un tempo si pagava. Poco, ma si pagava.

m.sp.
29.04.2018


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

La privacy è morta
evviva la privacy
L'INCHIESTA

Gli affiti il business
delle Ferrovie federali
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

E il dentista incassa
i soldi dei contribuenti
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il gioco a scacchi
tra Trump e Kim
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il dopo Chavez
che avvelena Caracas
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.02.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da martedì 19 febbraio 2019 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
06.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 18 febbraio prossimo
01.02.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 1° febbraio 2019 alle ore 9:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
30.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2018
29.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole medie superiori per il periodo 2019-2023
28.01.2019
I giovani e le aziende interessate a partecipare al programma di scambio Swiss Mobility sono invitati a porre candidatura entro il 15.3.2019
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ultimo
assalto
all'Isis
in Siria

Francia:
gilet gialli,
atto
numero 14