Leggere il futuro con un test genetico è semplice, ma...
Immagini articolo
Uno svizzero su 25
conosce il suo dna
CRISTINA GAVIRAGHI


Dopo il sequenziamento del genoma umano nel 2000, i test genetici, alcuni in realtà già in uso in ambito medico, sono diventati sempre più familiari e l’abbattimento dei costi ne ha permesso la diffusione anche con il commercio online. E per un elvetico su 25 - stando ad un sondaggio - il Dna non ha più segreti.
In realtà la Svizzera consente i test solo per necessità mediche, ma la facilità con cui vi si può accedere ne ha fatto aumentare i fruitori. Analizzare il proprio genoma non è complicato e spopolano le aziende che offrono tale servizio per poche centinaia di franchi. I test genetici analizzano il Dna e forniscono molte informazioni sulla salute che vanno però correttamente interpretate, per non risultare inutili o addirittura dannose perché fonte di pericolosi allarmismi. Ci deve essere un supporto medico, sia nel decidere di eseguire un test sia nel leggerne i risultati, supporto spesso assente nei prodotti reperibili online.
Diverso è invece quando si ricorre a queste analisi in modo ponderato e razionale. Certe patologie sono legate a mutazioni in alcuni geni e il medico può prescrivere un test diagnostico per confermare una malattia che già manifesta i sintomi.
Anche quando questi non sono presenti, ma c’è una familiarità per la patologia, l’analisi genetica può individuare un rischio più alto di svilupparla perché esistono certe variazioni geniche, come ad esempio per il tumore al seno e all’ovaio, dove le mutazioni nei geni Brca 1 e 2 aumentano di oltre l’80 e 40 per cento la probabilità della malattia. Questo può aiutare a migliorare la strategia preventiva e a decidere eventuali interventi o terapie.
L’analisi del Dna offre anche preziose informazioni a chi decide di avere un figlio, ad esempio nella diagnosi prenatale, per verificare se il nascituro avrà gravi patologie. Dal 2012 è disponibile un test che individua, analizzando il Dna fetale presente nel sangue della madre, l’eventuale presenza di sindrome di Down e altre anomalie cromosomiche, senza ricorrere alle più invasive amniocentesi e villocentesi, cui si ricorrerà solo per confermare il risultato. Dallo scorso anno, poi, anche in Svizzera è ammessa la controversa diagnosi preimpianto, l’analisi del genoma degli embrioni ottenuti con fecondazione assistita, per selezionare quelli sani ed evitare aborti futuri. Nel sospetto di essere portatori sani di geni legati a particolari patologie, questo test dei genitori aiuterà a scoprire se c’è la possibilità di concepire un figlio malato. L’analisi di alcuni geni può aiutare inoltre a prevedere il grado di risposta a certe terapie farmacologiche, ottimizzando quindi le cure.
I test genetici scavano nella profonda identità dell’individuo e aprono la strada a una medicina sempre più personalizzata, ma non sono scevri da errori. Non sempre poi danno certezze, ma indicazioni probabilistiche perché certe patologie dipendono da vari fattori, oltre quelli genetici. Il supporto medico specialistico è dunque fondamentale, perché possano realmente essere d’aiuto all’individuo.
09.07.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Dalle risse ai coltelli
ecco il Ticino violento
L'INCHIESTA

I segreti di Madre Tekla
nella Banca di Lugano
L'IMMAGINE

Una settimana,
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Non è svizzero lucrare
sulle armi in guerra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La 'Trumponomics'
non ha alcun merito
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I nuovi pirati del mare
sono gli scafisti armati
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il secessionismo
scuote l'Europa
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il colore "pervinca"
emblema di artificio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.11.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2017
15.11.2017
Istituto della formazione continua - Pubblicato il nuovo programma gennaio-giugno 2018 dei corsi base per formatori di apprendisti
15.11.2017
Comunicazione di prassi cantonale concernente le deduzioni di spese professionali particolari degli espatriati domiciliati nel Canton Ticino
08.11.2017
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 8 novembre 2017 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
07.11.2017
I dati del censimento annuale dei rifiuti sono ora consultabili in modo interattivo anche sul portale dell'Osservatorio Ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
30.10.2017
Pubblicato nuovo formulario per la compilazione elettronica della dichiarazione dei redditi 2017 dei Patriziati, con la funzione di somma automatica
24.10.2017
Aggiornato il sito tematico del Parco del Piano di Magadino [www.ti.ch/ppdm]
19.10.2017
Pubblicati i dati del traffico sulla rete stradale in Ticino nel 2016 [www.ti.ch/conteggi]
19.10.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2017
18.10.2017
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da mercoledì 18 ottobre 2017 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Molestie:
TripAdvisor
segnala
hotel "insicuri"

"Brexit
alle 23
del 29 marzo
2019"