A volte un solo boccone scatena reazioni allergiche
Immagini articolo
Quando a tavola
il cibo è nemico
CRISTINA GAVIRAGHI


Se dopo un pasto cominciano mal di pancia, diarrea e magari anche prurito, ci potrebbe essere una reazione avversa al cibo. Allergia o intolleranza? Sulla questione spesso si fa confusione e il fenomeno sembra in aumento. Oggi le allergie alimentari riguardano in Svizzera l’8% dei bambini e il 2% degli adulti. Un elvetico su cinque, invece, sarebbe intollerante a qualche cibo. Attenzione però a non confondere i due disturbi. Un’allergia alimentare comporta un coinvolgimento del sistema immunitario con produzione di anticorpi e un successivo rilascio di istamina che scatena i sintomi dell’allergia come orticaria, gonfiore a labbra e gola, difficoltà respiratorie e anche sintomi gastrointestinali, fino al pericolo, seppur raro, dello shock anafilattico. Tutto compare poco dopo aver ingerito l’allergene, anche in piccolissime quantità.
Altra cosa sono invece le intolleranze alimentari in cui la componente immunitaria non entra il gioco. La scarsa o nulla presenza di un enzima impedisce la digestione di un alimento che si accumula provocando disturbi come diarrea, gonfiore addominale, vomito, come nel caso dell’intolleranza al lattosio, zucchero del latte che non viene degradato per via dell’assenza dell’enzima lattasi. Altre intolleranze possono essere innescate dalla presenza di additivi negli alimenti come coloranti o conservanti o da alcune componenti dei cibi assunte in grandi quantità.
L’intolleranza non scatena reazioni immediate ed è tanto più accentuata quanto più alta è la dose del cibo incriminato ingerito. Provoca per lo più sintomi gastrointestinali, non comporta la minaccia di anafilassi e in certi casi può anche regredire, controllando la quantità di alimento scatenante che si assume. In tanti, però, scambiano per allergia, una semplice intolleranza. Molte auto-diagnosi poi, cui si arriva con test non scientificamente validi, portano a modificare la dieta, magari inutilmente, eliminando alimenti preziosi e ritardando la diagnosi di altre patologie.
Secondo gli esperti l’inquinamento, le abitudini alimentari modificate e un sistema immunitario non più "ben allenato" a contrastare i veri patogeni sarebbero gli ipotetici responsabili dell’aumento delle allergie. Per l’incremento delle intolleranze tanto farebbero, però, le mode e il desiderio di trovare il responsabile di disturbi inspiegabili, a volte di natura psicologica.
C’è poi la celiachia, patologia cronica autoimmune in cui il glutine, complesso proteico presente in grano, orzo, segale e altri cereali, scatena una reazione contro i villi intestinali in chi è geneticamente predisposto, con il pericolo di malnutrizione, ritardo di crescita e, a lungo andare, di sviluppo di tumori. Ne soffre uno svizzero ogni 132, numero raddoppiato negli ultimi 40 anni, ma molti potrebbero essere celiaci senza saperlo.
Qualunque sia la reazione avversa al cibo, la cura è comune a tutte: eliminare l’alimento responsabile. Niente "fai da te", però. Occorre impostare, sotto controllo medico, una dieta che possa garantire il giusto apporto nutrizionale, per mantenersi in salute anche senza l’alimento nocivo.
28.05.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Dalle risse ai coltelli
ecco il Ticino violento
L'INCHIESTA

I segreti di Madre Tekla
nella Banca di Lugano
L'IMMAGINE

Una settimana,
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Non è svizzero lucrare
sulle armi in guerra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La 'Trumponomics'
non ha alcun merito
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I nuovi pirati del mare
sono gli scafisti armati
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il secessionismo
scuote l'Europa
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il colore "pervinca"
emblema di artificio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.11.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2017
15.11.2017
Istituto della formazione continua - Pubblicato il nuovo programma gennaio-giugno 2018 dei corsi base per formatori di apprendisti
15.11.2017
Comunicazione di prassi cantonale concernente le deduzioni di spese professionali particolari degli espatriati domiciliati nel Canton Ticino
08.11.2017
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 8 novembre 2017 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
07.11.2017
I dati del censimento annuale dei rifiuti sono ora consultabili in modo interattivo anche sul portale dell'Osservatorio Ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
30.10.2017
Pubblicato nuovo formulario per la compilazione elettronica della dichiarazione dei redditi 2017 dei Patriziati, con la funzione di somma automatica
24.10.2017
Aggiornato il sito tematico del Parco del Piano di Magadino [www.ti.ch/ppdm]
19.10.2017
Pubblicati i dati del traffico sulla rete stradale in Ticino nel 2016 [www.ti.ch/conteggi]
19.10.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2017
18.10.2017
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da mercoledì 18 ottobre 2017 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Molestie:
TripAdvisor
segnala
hotel "insicuri"

"Brexit
alle 23
del 29 marzo
2019"