L'obesità ha proporzioni epidemiche, anche in Svizzera
Immagini articolo
Pericolosa epidemia
dei chili di troppo
CRISTINA GAVIRAGHI


Non ci sono di mezzo virus o batteri, ma il dilagare dei chili di troppo ha assunto ormai proporzioni epidemiche. Una crescita dai numeri impressionanti, fino ad arrivare a circa 1,9 miliardi di adulti in sovrappeso nel mondo e a oltre 640 milioni di veri e propri obesi, il 13 per cento della popolazione globale. Cifre più che raddoppiate dal 1980 a oggi.
Una fotografia impietosa scattata, neanche un anno fa su The Lancet, da ricercatori dell’Imperial College di Londra e dell’Organizzazione mondiale (Oms) della sanità da cui si evince come il diffondersi dei chili eccessivi sia ormai trasversale e universale.
Se un tempo il sovrappeso era per lo più un affare per Paesi benestanti, ora il fenomeno riguarda anche quelli in via di sviluppo con un reddito medio-basso. Qui, in mezzo a vaste sacche di malnutrizione, crescono a vista d’occhio sovrappeso e obesità. Asia e Africa registrano i più alti tassi di incremento di queste condizioni e il numero di chi ha più chili del dovuto ormai supera, nel mondo, quello di chi è sottopeso.
Guadagnare peso, in un mondo malnutrito, da dopo la rivoluzione industriale, è stato considerato segno di progresso e benessere, ma oggi l’obesità è più che altro sintomo di cattiva alimentazione, eccessiva pigrizia e ignoranza. Il cibo spazzatura, troppo lavorato, carico di grassi, sale e zuccheri, è facilmente disponibile e ha un costo più basso dei più salutari alimenti freschi come frutta e verdura. Ci si muove poi sempre di meno, anche per i piccoli spostamenti quotidiani e, specialmente tra le fasce sociali meno abbienti, manca la consapevolezza dei benefici di corretti stili di vita e dei pericoli legati al sovrappeso.
Pericoli che portano a patologie croniche come diabete di tipo 2 e a disturbi cardiovascolari come ipertensione, ictus, infarto. Senza contare che i chili di troppo pesano sulle articolazioni, sulla funzionalità renale e respiratoria e sulla qualità del sonno. Anche l’insorgenza di alcuni tumori è stata correlata all’obesità.
La questione, poi, tocca anche i più piccoli, con circa 40 milioni di bambini sotto i cinque anni stimati nel mondo oltre la soglia del normopeso. Giovani che, secondo l’Oms, nel 60 per cento dei casi saranno adulti in lotta con la bilancia con tutti i risvolti negativi del caso.
E la Svizzera sembra seguire il trend globale: un numero di individui in sovrappeso che supera ormai il 40 per cento e quello degli obesi il 10. Un raddoppio negli ultimi 20 anni, con una spesa legata alle malattie connesse all’eccesso ponderale intorno agli otto miliardi di franchi all’anno, triplicata dal 2002 al 2012. Magra consolazione il fatto che i dati ticinesi siano di poco sotto la media nazionale.
Una tendenza da correggere. L’Oms avverte: serve un intervento politico che non guardi più all’obesità come a una condizione individuale, ma che prenda atto che questa è fortemente condizionata dall’ambiente socioeconomico. Servono politiche che favoriscano un più facile accesso a un’alimentazione sana e ambienti urbani che promuovano l’esercizio fisico, oltre a un nuovo approccio educativo che stimoli l’adesione ai salutari stili di vita.
14.05.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Dalle risse ai coltelli
ecco il Ticino violento
L'INCHIESTA

I segreti di Madre Tekla
nella Banca di Lugano
L'IMMAGINE

Una settimana,
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Non è svizzero lucrare
sulle armi in guerra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La 'Trumponomics'
non ha alcun merito
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I nuovi pirati del mare
sono gli scafisti armati
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il secessionismo
scuote l'Europa
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il colore "pervinca"
emblema di artificio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.11.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2017
15.11.2017
Istituto della formazione continua - Pubblicato il nuovo programma gennaio-giugno 2018 dei corsi base per formatori di apprendisti
15.11.2017
Comunicazione di prassi cantonale concernente le deduzioni di spese professionali particolari degli espatriati domiciliati nel Canton Ticino
08.11.2017
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 8 novembre 2017 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
07.11.2017
I dati del censimento annuale dei rifiuti sono ora consultabili in modo interattivo anche sul portale dell'Osservatorio Ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
30.10.2017
Pubblicato nuovo formulario per la compilazione elettronica della dichiarazione dei redditi 2017 dei Patriziati, con la funzione di somma automatica
24.10.2017
Aggiornato il sito tematico del Parco del Piano di Magadino [www.ti.ch/ppdm]
19.10.2017
Pubblicati i dati del traffico sulla rete stradale in Ticino nel 2016 [www.ti.ch/conteggi]
19.10.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2017
18.10.2017
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da mercoledì 18 ottobre 2017 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Molestie:
TripAdvisor
segnala
hotel "insicuri"

"Brexit
alle 23
del 29 marzo
2019"