function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};




Il politologo Schumacher e la situazione del Bundestag
"La quantità non fa...
la qualità della politica"
STEFANO VASTANO DA BERLINO


"Deputati tedeschi in un container? La vita è un cantiere e qualche deputato in un container farebbe bene all’immagine della politica", risponde il politologo Hajo Schumacher in questa intervista esclusiva per il Caffè.
Già, ma un Bundestag con 800 o 1000 parlamentari non sarebbe troppo?
"Si monteranno altre sedie nel Bundestag e qualcuno lavorerà provvisoriamente nei container! Tutti i partiti vogliono un Parlamento più piccolo, ma nessuno riesce a fermare la crescita di deputati".
Di questo passo non entra in crisi la democrazia e la sua efficienza?
"Se i cittadini sono convinti che i nuovi deputati lavorano per il loro bene, l’aumento dei costi del Bundestag è coperto. Certo, anche in Germania registriamo una stanchezza della politica e di questo populismo è l’estrema destra di Afd ad aprofittarne".
Qualcosa nel vostro sistema elettorale, nel mix di mandati diretti e proporzionale, si è inceppato?
"All’inizio della Repubblica Federale il congegno elettorale basato su un mix di voto diretto e proporzionale puntava al maggior equilibrio possibile fra cittadini, partiti e opposizione. Ma il numero dei deputati in Parlamento è aperto verso l’alto e non credo che l’attuale "Grosse Koalition" trovi la forza, insieme ai verdi, per una riforma elettorale".
Insieme al Bundestag a Berlino ci sono anche 16 Parlamenti regionali…
"Trovo sempre più stimolante l’idea di una Europa delle regioni. Fra Germania, Olanda, Francia, Svizzera, Austria o Polonia crescono, al di là di nazioni e Parlamenti centrali, grandi regioni culturali ed economiche con nuovi impulsi democratici".
Anche in base a queste realtà regionali e multinazionali, non basterebbero 500 deputati a Berlino?
"Non è solo una questione di quantità, ma di qualità: qual è lo scopo di un parlamentare? Parlare con la gente, occuparsi dei loro problemi, comunicarli ai partiti. Meno deputati implicherebbe una migliore organizzazione del loro team. La questione dei costi della democrazia dipende dalla qualità che vogliamo dal lavoro politico".
In Francia, Italia o Spagna, è diffuso un risentimento populista contro i partiti. In Germania no, come mai?
"A differenza di francesi, spagnoli o italiani, noi tedeschi siamo troppi seri o troppi sudditi dentro, e crediamo che i nostri parlamentari siano potenti e seri abbastanza per occuparsi dei nostri problemi. Le rivolte di popolo non sono mai state una nostra specialità. E in Italia è stato raggiunto uno stadio postmoderno di politica-spettacolo a cui noi tedeschi, nonostante tutte le critiche a ‘quelli lì a Berlino’, non siamo giunti".
11.07.2020


Articoli Correlati
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
17.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, settembre 2020
14.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, agosto 2020
09.09.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 21 settembre 2020
09.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2020
27.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2019
21.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio 2020
21.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, luglio 2020
19.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, luglio 2020
17.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio 2020
17.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, luglio 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Gran Bertagna vive
sopra una "bomba fiscale"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Le trappole sessuali cinesi
per "arruolare" spie a Parigi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il culto della mascherina
accende il negazionismo
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ciclone
Ianos
spazza
la Grecia

Covid:
Londra aspetta
una seconda
ondata

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00