Il populismo inquina il confronto delle idee tra i liberali
Immagini articolo
Nel Plrt si è inceppata
...la politica culturale
LIBERO D'AGOSTINO


Sostenere la cultura quale motore di progresso civile ed economico", si legge nel programma di legislatura 2019-2023 del Plrt. Volenteroso impegno, ma altrettanto arduo per i liberali radicali, poiché quel "motore", oggi, si è inceppato. Sotto i colpi di un ottuso neonazionalismo che, con le sue perverse pulsioni protezionistiche ed etno-identitarie, ha brutalmente ristretto gli spazi di quella società aperta che, sino a qualche decennio fa, era stata la migliore palestra per un esercizio della cultura come propulsore della crescita civile e sociale.
È sull’infido terreno di questa "grande regressione" che si misura la debolezza della politica culturale del Plrt. Un partito che ha visto nell’ultimo trentennio suoi esponenti di punta artefici della realizzazione di prestigiose istituzioni culturali: Giuseppe Buffi e Giorgio Giudici per l’Università, Giovanna Masoni per il Lac di Lugano e Carla Speziali per il PalaCinema di Locarno, ma che al tempo stesso ha svilito questo slancio con le miserevoli ragioni della politichetta locale. Quelle che, ad esempio, hanno portato all’estromissione di Masoni dalla cabina di regia del Lac, dopo aver permesso, senza tentare un minimo di reazione, che la municipale luganese, "la principessa sul pisello", venisse per anni massacrata dalla Lega per la "megalomania faraonica del GuttaLax". Quel Centro culturale di cui ora si fregiano in tanti.
È sempre questa politichetta, nel suo risvolto più pateticamente strapaesano che, ancora a Lugano, ha portato al braccio di ferro con un artista di caratura mondiale quale Daniele Finzi Pasca, e che ha mortificato un Maestro, noto sulla scena musicale internazionale, come Diego Fasolis. E c’è, poi, un altro risvolto, quello biecamente primanostrista, che ha trascinato nelle polemiche personaggi come Lorenzo Sganzini e Michel Gagnon, rei di non aver rispettato la legge sulle commesse pubbliche, ossequiandone, assurdamente, lo spirito protezionista anche nel campo delle attività culturali.
Derive di una Lugano a maggioranza leghista, ma a cui il Plrt non ha trovato la forza, o il coraggio, di opporsi, per non finire "pittato" sul Mattino. Forza e coraggio che sono mancati anche per sabotare quell’iniziativa della Lega che ha addirittura portato il Gran consiglio ad istituire una speciale commissione parlamentare di controllo sull’Usi e la Supsi. Di cedimento in cedimento si è permesso che il dibattito pubblico e il lessico della politica venissero profondamente inquinati da un aggressivo populismo, segnando un vistoso arretramento della cultura civica del Paese.
Tra i liberali radicali c’è chi rimpiange i tempi di "Ragioni critiche" e dei convegni "Scienza e società" di Locarno, organizzati da quell’infaticabile promotore culturale che era Antonio Spadafora e da Giancarlo Olgiati. Allora il Plrt era al centro del dibattito culturale e, soprattutto, produceva una cultura politica capace di sollecitare il confronto delle idee.
Certo, oggi ci sono il Circolo liberale di cultura Carlo Battaglini,  grandi vecchi del liberalismo ticinese come Franco Masoni sono stati l’anima dell’Associazione Carlo Cattaneo, mentre a sinistra i radicali, riuniti attorno a Diego Scacchi, assieme ad esponenti del Ps hanno dato vita ad "Incontro democratico". Esperienze lodevoli, senza dubbio, che promuovono iniziative di notevole interesse ma a circuito chiuso. Inadeguati, perciò, per rivitalizzare quel legame tra cultura e politica che è il vero "motore del progresso civile ed economico".
ldagostino@caffe.ch
(2 - continua)
11.08.2019


Articoli Correlati
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
16.01.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2019
10.01.2020
Arge Alp: pubblicato un bando di concorso per un posto vacante presso il segretariato generale
08.01.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 20 gennaio 2020
16.12.2019
L’Ufficio dell’ispettorato del lavoro ha pubblicato le date dei corsi di formazione inerenti la Legge federale sul lavoro e relative Ordinanze, previsti durante l’anno 2020
12.12.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2019
11.12.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, novembre 2019
11.12.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2019
27.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 dicembre 2019
27.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2019
22.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Con il lavoro a maglia
si spiega la finanza
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Dalla tavola sovranista
a quella pro - global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Effetto serra costante
rischio del nostro futuro
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Prosegue
la protesta
antigovernativa
in Cile

Come evolve
la crisi
del vulcano
nelle Filippine

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00