Il difficile rapporto in un'area politica con tante anime
Immagini articolo
I volti della destra
dalla Lega sino all'Udc
CLEMENTE MAZZETTA


Nella destra ticinese, intesa come l’arco parlamentare che va dall’Udc alla Lega (27 deputati, il 30% del Gran consiglio), c’è chi scuote l’albero e chi raccoglie i frutti. È il destino del partito di Piero Marchesi, fin dalla campagna "Bala i rat" che nel 2010 prese di mira i frontalieri, lasciando l’anno dopo i voti alla Lega, che raddoppiò. Un destino da cui non si schioda, nonostante l’indubbia capacità propositiva evidenziata nel corso di questi anni. L’Udc lancia campagne. Iniziative. Proposte. Ma raccoglie poco. "Abbiamo perso il treno trent’anni fa a favore della Lega, e da allora siamo a rimorchio - dice Pierre Rusconi, ex presidente (vedi intervista sotto) -. L’imprinting dell’Udc è svizzero tedesco. Quella ticinese, e quella romanda, sono solo un riflesso di quella nazionale. Non si riesce a farla diventare credibile a livello regionale". Quando l’Udc vince in Ticino, come sul referendum sulla "scuola che verrà", il merito viene fagocitato dalla Lega, che si è impossessa dei meriti altrui con un paio di copertine del proprio settimanale. Quando invece perde - come sull’autodeterminazione - la sconfitta è tutta dell’Udc. Ma in questo gioco delle parti, la destra cresce, ruba spazio agli altri partiti, li condiziona. E costituisce un’area sempre più vasta, in grado di dare ospitalità, "posti" alla destra transfuga da altri partiti.  Il caso di Battista Ghiggia, l’ex candidato d’area (proveniente dal Ppd) arrivato ad un passo dagli Stati, fa scuola. Ma ridisegnando il quadro politico, sempre più ridotto per la sinistra, e sempre più stretto per il centro, si delinea un campo dove più destre si intrecciano. Vediamo come.

L’area liberal-conservatrice
L’inclusione del gruppo di Morisoli e Pamini ha garantito all’Udc di Marchesi una marcia in più da un punto di vista teorico-propositivo. Morisoli ha portato nell’Udc la visione della destra liberale del Plrt. Un cambio di pelle per il partito che quest’anno perderà un esponente come Gabriele Pinoja (non si ricandida), che rappresenta una delle famiglie storiche dell’Udc. È una destra che ha un programma di governo, ma che è all’opposizione. Paradossalmente, l’altra destra (la Lega), ha atteggiamenti d’opposizione, ma sta al governo.

L’area sociale
In questa destra che sta al governo, la Lega, resta poi ben poco dell’area sociale che fu il motore del leghismo di Giuliano Bignasca, a partire dalle iniziativa sulla tredicesima Avs "per i nos vecc" . L’area che fa riferimento a Boris Bignasca, non sembra avere molte frecce al proprio arco.

L’area identitaria
Sta acquistando invece maggior peso l’area identitaria (forse anche autoritaria) rappresentata dal consigliere di Stato Norman Gobbi all’interno dei gangli dello Stato. Forte il suo legame con l’Udc: Blocher nel 2015 lo propose per il Consiglio federale.

L’area ambientalista
Con Claudio Zali, il consigliere di Stato che ha avuto il coraggio di sposare battaglie ambientalistiche impensabili solo 10 anni fa, la Lega sta cavalcando la questione ambientale. Tutela del territorio, lotta all’inquinamento, tasse sui parcheggi, sul sacco dei rifiuti sono diventati parole d’ordine. Un eco-populismo che fa della tutela del territorio la propria bandiera.

E la destra economica?
In questo contesto, con la Lega che non si fa problemi a introdurre nuove tasse e l’Udc che promuove iniziative "ostili" alla realtà imprenditoriale, le ragioni dell’economia sembrano sostenute più dal Plrt, che dal Ppd che con Fiorenzo Dadò sta contendendo alla destra la difesa della manodopera residente con accenti populistici.

cmazzetta@caffe.ch
02.12.2018


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur