Le auto
Immagini articolo
Un boxer nel motore
per un'auto di razza
STEFANO PESCIA


Porsche 911 Gt3: un nome e una garanzia che anima al primo sguardo la passione di guida. La nuova generazione stabilisce un legame ancora più stretto tra uso quotidiano e pista. Per un modello speciale, con una qualità a 360 gradi, scegliamo un percorso stradale che permette alla vettura di presentarsi con le sue migliori credenziali. La nostra base di partenza è Andermatt. In circa 3 ore percorriamo quattro passi: San Gottardo, Nufenen, Grimsel e Susten, per un totale di 165 chilometri.
Una scelta ideale e di assoluto divertimento che mette subito in evidenza, come un sapore unico e sfizioso in una pietanza apprezzata, il punto di forza della Gt3. Si tratta del nuovo motore boxer sei cilindri da quattro litri aspirato. Lo stesso sviluppa una potenza di 500 cv, con una coppia massima di 460 Nm e un limite del fuorigiri a 9.000 giri/min. Un propulsore che è stato ripreso, quasi senza variazioni, dalla 911 Gt3 Cup, una vettura da corsa di razza pura. Una pregevole scelta perché permette alla Gt3 di offrire, il motore aspirato a iniezione diretta più potente e con la cilindrata più grande, che Porsche abbia mai realizzato a partire dal boxer a 6 cilindri per l’utilizzo su strada. Il telaio rielaborato è stato appositamente concepito per convertire la potenza del propulsore in una straordinaria dinamica di marcia. Il cambio Pdk a doppia frizione e sette rapporti, disponibile di serie, è una scelta certamente da preferire per un utilizzo quotidiano. Per la prima volta è possibile scegliere anche un cambio manuale sportivo a sei rapporti con una leva corta e cambi di marcia rapidi, innesti precisi particolarmente apprezzato da chi utilizza maggiormente la vettura in circuito.
Dopo un centinaio di chilometri di grandi emozioni, a sorprenderci e convincerci è anche la comodità degli sportivi sedili a conchiglia. Apprezzabile pure il sistema di ammortizzatori, che permette di combinare al meglio comfort e sportività per tutte le età. Mirata è pure la scelta dell’asse posteriore sterzante. Alla guida perfeziona la già ottima agilità della vettura in curva e garantisce un’ottima stabilità nelle manovre di guida a velocità più importanti. Buono anche il rapporto peso/potenza, pari a 2,86 kg/cv, pressoché al livello delle auto da corsa. Non vi è quindi da stupirsi se questa potentissima 911 accelera da 0 a 100 km/h in 3,4 secondi e raggiunge una velocità massima di 318 km/h. Rispetto alla 911 Carrera S, la nuova due posti vanta un assetto ribassato di 25 millimetri mentre l’alettone di coda è in fibra di carbonio.
L’impianto frenante è stato studiato per un utilizzo nelle gare automobilistiche. Dotato di pinze fisse monoblocco in alluminio a 6 pistoncini all’anteriore e a 4 al posteriore. Come opzione, per raggiungere prestazioni di frenata e una resistenza all’usura ancora superiori, è disponibile l’impianto frenante in ceramica.
20.08.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Povere chiese...
con meno denaro
L'INCHIESTA

Un bebè su quattro
ha genitori stranieri
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Il Piano B italiano
senza canone Rai
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Millennial al potere
ma non "correct"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Quelle vie d'uscita
per Gerusalemme
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La pizza nasce local
ma è diventata global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
11.01.2018
Prova delle Sirene 2018
10.01.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 22 gennaio 2018.
28.12.2017
Pubblicati online gli oggetti che sottostanno all’Ordinanza sulla protezione contro gli incidenti rilevanti (OPIR) con le loro aree di coordinamento [www.ti.ch/oasi]
28.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2017
22.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, novembre 2017
22.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2017
21.12.2017
Riqualifica del fondovalle di Airolo: credito di 50 milioni di franchi quale contributo cantonale [www.ti.ch/cantieri]
19.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
19.12.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 19.12.2017 [www.ti.ch/caccia]
15.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, terzo trimestre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Vienna:
"Non lasciate
governare
i nazisti"

Repubblica Ceca:
per le presidenziali
sarà
ballottaggio