Johnson fa i conti con il successo dei nazionalisti scozzesi
Immagini articolo
"Sindrome catalana"
dopo il trionfo di Boris
ALESSANDRO CARLINI DA LONDRA


Quanto dura un trionfo? Per il premier conservatore Boris Johnson il tempo di affrontare la dura realtà delle sue promesse elettorali, tante, troppe, troppo diverse, capaci di attirare milioni di voti dai ceti più lontani, dagli operai del nord Inghilterra ai ricchi e privilegiati del countryside, ai manager della City, ma che, come tanti sogni, dovranno essere esaudite. L’uomo del momento non può quindi starsene troppo adagiato sugli allori di numeri impressionanti: i suoi Tories hanno incassato 365 seggi, con uno scarto di più 80 su tutte le altre forze messe insieme, e una percentuale di suffragi al 43,6%, vicino ai massimi storici dell’era Thatcher. Il Labour è stato "asfaltato", come si dice in gergo calcistico, col leader Jeremy Corbyn dimissionario, mentre non è andata meglio agli eurofili Libdem, che hanno perso la leader Jo Swinson, non eletta per un centinaio divoti.
BoJo gongola, per il momento, e può, come promesso, offrire ai britannici la prima ratifica della legge sulla Brexit, con annesso accordo di divorzio già raggiunto con Bruxelles, come regalo di Natale. Entro la fine di gennaio deve arrivare anche il sofferto addio all’Unione.
Dopo però sono tante le incognite sui negoziati con i 27 sulle relazioni future e sulle intese di libero scambio con l’Ue a cui Boris punta, ma per le quali i tempi sono strettissimi, visto che la scadenza del periodo di transizione, con il temporaneo mantenimento dello status quo, è limitata alla fine del 2020. Lungo il percorso tanti temono che il primo ministro senza più freni, grazie alla schiacciante maggioranza su cui può contare in Parlamento, si lasci andare a decisioni avventate e si finisca comunque nell’incubo di una Brexit non consensuale. Nel frattempo si ritrova con l’assegno in bianco firmato per milioni di elettori che chiederanno di riscuotere.
Il tanto acclamato voto del nord Inghilterra "operaio", conquistato nelle ex roccaforti del Labour espugnate dai Tories, è arrivato sulla fiducia. Per mantenerlo Johnson deve realizzare infrastrutture, investire fortemente in una sanità in ginocchio e in generale nel welfare, quindi dire un vero "basta" all’austerity dei suoi predecessori (conservatori). Tutto questo mentre deve tagliare le tasse per la classe media e innescare la ripresa economica dopo anni di incertezza dovuta alla Brexit. Le contraddizioni non finiscono qui: una parte della popolazione chiede più sicurezza e frontiere controllate, mentre i più ricchi vogliono un Regno aperto al business e al mondo. Nel successo di Johnson quindi, che si basa sull’aver intercettato le istanze più diverse degli elettori, c’è anche il suo tallone d’Achille.
Per vincere, come è emerso da una analisi di First Draft, organizzazione no profit specializzata nel contrastare la disinformazione, spesso è ricorso a promesse infondate. Si calcola che quasi il 90% degli annunci elettorali pubblicati dai Conservatori su Facebook nei primi giorni di dicembre non siano veritieri: dai 40 nuovi ospedali da costruire ai 50mila infermieri da assumere. Una valanga di fake news quindi, che rischia di travolgere lo stesso Johnson. Intanto lui immagina un Paese forte e unito, che potrebbe sfaldarsi nelle sue mani. La Scozia, in maggioranza anti-Brexit, con la sua leader Nicola Sturgeon dà già battaglia per arrivare a un nuovo referendum sulla secessione dalla Gran Bretagna.
Mentre in Irlanda del Nord prevalgono i partiti nazionalisti e repubblicani: si parla quindi di referendum sulla unificazione tra le due Irlande. Una "sindrome" catalana è alle porte, con buona pace di Boris e della sua retorica sulla "one nation".
15.12.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
18.03.2020
Pubblicazione straordinaria: Decreto esecutivo concernente l’annullamento e il rinvio delle elezioni comunali per il periodo 2020-2024 del 18 marzo 2020
18.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2020
13.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2020
11.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
28.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2020
26.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 marzo 2020
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
L'economia malata
cambierà la società
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi



IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Coronavirus:
il business
della paura

Wuhan:
prove tecniche
di normalità

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00