Polemiche per la liberazione dell'ex presidente brasiliano
Immagini articolo
Lula contro i giudici
e Bolsonaro lo accusa
R. C.


La libertà e le polemiche. Sta scatenando un serrato dibattito la liberazione dell’ex presidente brasiliano, Luiz Inacio Lula da Silva. Uscito dalla prigione con il pugno alzato, e accolto da un mare di folla, ha subito detto di voler "continuare a lottare per il popolo brasiliano". E, ora in attesa della sentenza definitiva, ha aggiunto di voler continuare a "lottare, viaggiare in Brasile e in America latina. E sono davvero intenzionato a combattere il settore marcio del potere giudiziario, della polizia, della Procura e anche il settore marcio delle imprese". Lula era in cella dal 7 aprile dell’anno scorso con l’accusa di corruzione e riciclaggio di denaro nell’ambito dell’inchiesta Lava Jato, una sorta di Mani Pulite in versione brasiliana.
Ma la festa di Lula non è piaciuta affatto all’attuale presidente Jair Bolsonaro. Che sui social, in particolare su Twitter e senza mai nominare il suo vecchio avversario politico, si è rivolto agli "amanti della libertà e del bene", sostenendo che "siamo la maggioranza e non possiamo commettere errori". E ha aggiunto: "Non diamo munizioni alla canaglia, che è momentaneamente libera ma è colpevole".
Chi invece ha celebrato il rilascio dell’ex presidente sono i leader latinoamericani della sinistra oltre all’ex presidente socialista francese François Hollande e al candidato democratico alla Casa Bianca, Bernie Sanders. Tutti con messaggi postati sempre sui social. Il presidente argentino, Alberto Fernandez, ha salutato "il coraggio e l’integrità" con cui Lula "ha affrontato questa persecuzione". Il leader cubano, Miguel Diaz-Canel, invece, ha parlato di "trionfo dei popoli, della solidarietà, della verità". Il presidente venezuelano Nicolas Maduro, dal canto suo, ha detto di provare "una grande emozione" e ha dipinto Lula come "grande leader del Brasile, dell’America Latina e dei Caraibi". In Europa, ha twittato l’ex presidente francese François Hollande: "Il posto di Lula non era in prigione. Gli è stata restituita la libertà". Mentre il leader laburista britannico, Jeremy Corbyn ha sottolineato come la detenzione fosse "ingiusta e sbagliata". Infine, per il candidato democratico alla Casa Bianca, Bernie Sanders, "Lula ha fatto più di chiunque altro per diminuire la povertà in Brasile e difendere i lavoratori".
10.11.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
27.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 dicembre 2019
27.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2019
22.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2019
18.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, ottobre 2019
15.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2019
06.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 18 novembre 2019
04.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2019
30.10.2019
Pubblicati i dati del censimento rifiuti 2018 [www.ti.ch/gestione-rifiuti, www.ti.ch/oasi]
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Tassi negativi e liquidità
affondano le pensioni
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Il sanguinoso attacco
alla "Terra dell'alba"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
L'attentato a Londra
rilancia l'allarme jihad
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Emmental e pollo
tra i "falsi svizzeri"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Australia
impotente
davanti
agli incendi

Iraq:
sanzioni Usa
contro
la repressione

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00