function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};





Luciano Canfora
Immagini articolo
"Senza l'educazione
la democrazia è vuota"
GIANFRANCO QUAGLIA


Non usa perifrasi Luciano Canfora, filologo, storico, saggista e accademico italiano, lui che è padrone della lingua e della parola. E coglie l’attimo dell’attenzione che i lettori stanno rivolgendo a una delle sue più recenti opere letterarie di successo, "Fermare l’odio", per lanciare un appello a tutti, in particolare ai giovani, citando i Quaderni che Antonio Gramsci scrisse dal carcere. Una frecciata agli intellettuali, "i commessi del gruppo dominante senza i quali il gruppo non potrebbe esercitare il consenso". Non lesina neppure critiche ai giornalisti che a volte si fanno "commessi".
L’odio e i muri, l’antisemitismo, le scritte sulle abitazioni delle famiglie di origine ebrea. "Tra la fine del ‘900 e oggi - dice Canfora - si sono fatti passi indietro. Anche in Italia. Ciò che sembrava impensabile è diventato realtà: una spinta inneggiante a valori sconfitti. Il respingimento dell’altro e il sovranismo equivalgono a fascismo. Nel 1949 Concetto Marchesi, politico e latinista, diceva: le radici sono ancora turgide. Ecco, oggi come allora il fascismo non è morto, benché ai nostri giorni prima che sia un sussulto ce ne vuole. Se si dà l’allarme si corre il rischio di venire derisi".
Come è potuto accadere? Canfora parte dall’impoverimento del termine democrazia che "senza educazione è una scatola vuota. Le strutture educative non godono di buona salute, in Italia sono Cenerentola, al massimo una risposta maldestra al bisogno di cultura". Ma c’è qualcosa di ancora più sottile. E riprende: "Il discredito del sapere storico. La vecchia talpa della storia è l’alfabetizzazione. Tutti abbiamo bisogno di educazione, anche i ceti cosiddetti alti, anzi quelli di più. I pedagogisti oggi pensano che le date facciano male alla salute. Nozionismo uguale buonismo è un concetto inventato dai fascistoidi per deridere i buoni. In realtà è il rifiuto di fare i conti con il passato, in altre parole l’oblio". Un fiume in piena Canfora. "Prendiamo la Germania, grande Paese: per decenni ha messo il velo sul periodo nazista (c’era chi definiva Hitler un coetaneo di Bismark). Poi, con Willy Brandt, si è strappato quel velo e il Paese è diventato più consapevole, anche se sacche antiebraiche spingono molti ad andarsene. Da noi alcuni storici e osservatori sostengono che dopo Piazzale Loreto il fascismo non è più esistito. Ma si deve parlare di tanti fascismi: quello dei colonnelli greci, dei generali cileni, dei movimenti neonazisti americani supporter di Trump. Qual è il loro contenuto specifico? Sempre è peculiare la prevaricazione razziale, xenofobia e razzismo sono il germe sostanziale, ciò che i post-fascisti stessi hanno proclamato".
Si può invertire questa tendenza? "In Italia abbiamo un vasto dossier da esplorare, pensiamo solo all’applicazione delle leggi razziali. La scuola potrebbe fare molto, ma la storia del ‘900 è marginale nelle materie d’insegnamento. Bisognerebbe allungare il periodo scolastico se si vuole comprendere e studiare un intero secolo, ristrutturare tuto l’assetto. Nelle Università abbiamo ritenuto di allargare i freni, rendere il cammino stupidamente facile, inventare corsi post-universitari. Insomma, una situazione pessima sotto il profilo della qualità media". E Canfora non nasconde la propria preoccupazione. "Il liceo classico - prosegue - dovrebbe chiamarsi critico, perché è dalla critica che dovrebbe partire lo studio, occorre pensare con la propria testa. Forse prima di morire avrò la soddisfazione di assistere a un cambio di nome dei licei".
Tutti questi concetti hanno spinto a scrivere "Fermare l’odio". "Un libro - conclude - nato sotto la spinta vergognosa del blocco dei porti in Italia. E da una domanda: che fanno gli intellettuali?".
30.05.2020


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
13.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2020
06.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2019
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2020
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2020
12.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2020
10.06.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 22 giugno 2020
04.06.2020
Swiss Mobility: opportunità di stage professionale in Svizzera per neodiplomati 2020
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Libia è una polveriera
ormai pronta a esplodere
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Le gang dettano legge
in sessanta città Usa
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

25 anni
dal massacro
di Srebrenica

Belgrado:
assalto
al Parlamento

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00