Michele Placido
Immagini articolo
'L'età non è importante,
amore non è solo sesso'
ALESSANDRA COMAZZI


Michele Placido è appena stato in Puglia, sua terra d’origine, a fare sopralluoghi per un prossimo film dedicato a Caravaggio. "Sarò soltanto regista - dice -, Caravaggio aveva 40 anni quando è morto, io ne ho 73. Va bene che è finzione, ma non esageriamo". Dicono le biografie che il suo primo lavoro fu quello di poliziotto. "Non fu un vero lavoro - racconta -. Era il servizio militare, ai miei tempi obbligatorio in Italia. Io lo svolsi in Polizia, non ancora smilitarizzata. Per fare ‘sto servizio andai a Roma, io ero nato ad Ascoli Satriano in provincia di Foggia: quello volevo fare, arrivare a Roma per frequentare l’Accademia d’arte drammatica. Recitare. Mi sembrava che il teatro potesse aiutarmi a sviluppare la mia creatività. Le scuole servono soprattutto quando, come me, si arriva dalla provincia. Come fai a cominciare? Vai a scuola. È la cosa migliore. E all’Accademia conobbi Luca Ronconi, mio maestro. Era il 1969 e lui portò il mitico Orlando furioso a Spoleto. Accanto ad attori già famosi, scelse alcuni giovani dell’Accademia, per dei piccoli ruoli, e andammo in tournée. La compagnia era numerosissima, fantastica. Fu un’esperienza notevole, libera, selvaggia, era una scuola ma non lo era. Giravamo per i Festival, grandi e piccoli, volammo anche a New York. Per un ragazzo di 20 anni, un momento magico".
Forse meno magico il commissario Cattani della Piovra, un personaggio che l’ha seguito a lungo. "Ma non perseguitato - riflette Placido -. Mi ha dato il successo, gli sono gratissimo, è lui che mi ha fatto conoscere in tutto il mondo. Lui e il regista Damiano Damiani. Però, anche di fronte al successo a un certo punto bisogna dire basta. Infatti alla quarta stagione, morii, crivellato di colpi, e quella puntata lì della Piovra resta uno dei momenti di tv più seguiti in assoluto. Eppure, più passano gli anni, più ho voglia di teatro e meno di tv. Ma faccio anche cinema, sono fortunato, ho tanti pubblici. Al cinema ho cominciato con Pummarò, 1990: andò subito a Cannes. Adesso dal cinema sono un po’ deluso. Si esagera con la commedia. Oh, si può indagare anche con la commedia: che però deve far riflettere. Pummarò parlava di sfruttamento dei lavoratori extracomunitari, un bell’anticipo sui tempi".
Michele Placido ha cinque figli, due fanno gli attori, Violante e Brenno. "E certo non li ho dissuasi. Vogliamo scherzare? Violante ha cominciato con me al cinema, ma poi è sempre andata per conto suo. Brenno invece tentennava. E io l’ho praticamente obbligato. Ma scusi, che cosa dice un farmacista al figlio? Di fare il farmacista. E il macellaio? Di fare il macellaio. E io non dovevo dirgli di fare l’attore? Essere figli d’arte è una bella cosa, negarlo è distorcere la realtà della vita. L’ho trascinato con me in palcoscenico, abbiamo fatto Re Lear, il mio amato Shakespeare, e sul set Romanzo criminale e Il grande sogno. Ha realizzato lo spot di un profumo, ha lavorato nella serie In Treatment. Noi siamo una grande famiglia, e siamo anche un’impresa artistica familiare-artigianale, io ho sperato con tutto il cuore che Brenno proseguisse la strada. Per fortuna ce la sta facendo. Perché recitare non è un mestiere per tutti e non a tutti piace. Lui non era mica così convinto. Gli ho detto: prova. E si è appassionato".
Poi ci sono le donne... "Vengo da una famiglia dove le donne hanno sempre dominato la scena. Donne colte e appassionate. E la loro personalità appassiona me. Mia moglie Federica è di 37 anni più giovane, ma l’età non conta, davvero. Il paradosso è che conta soltanto se si riduce il rapporto di coppia alla carnalità. Mi piace invece pensare a tutto il resto, e vale per le donne e per gli uomini. Diciamo la verità, l’atto sessuale dura venti minuti: e poi? Ma io con mia moglie ci sto da 18 anni".
22.09.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
18.03.2020
Pubblicazione straordinaria: Decreto esecutivo concernente l’annullamento e il rinvio delle elezioni comunali per il periodo 2020-2024 del 18 marzo 2020
18.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2020
13.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2020
11.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
28.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2020
26.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 marzo 2020
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
L'economia malata
cambierà la società
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi



IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Coronavirus:
il business
della paura

Wuhan:
prove tecniche
di normalità

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00