Lino Guanciale
Immagini articolo
"Rispetto gli impegni
ma non dormo più"
ALESSANDRA COMAZZI


Lino Guanciale, 40 anni a maggio, è protagonista di tanta fiction della tv generalista, interpreta personaggi molto popolari, il dottor Conforti dell’"Allieva", il Guido Corsi di "Che Dio ci aiuti", l’avvocato Vinci di "Non dirlo al mio capo", il commissario Cagliostro, personaggio dal nome esoterico, nella "Porta rossa", tutti sceneggiati dal grandissimo ascolto. Nello stesso tempo, l’eclettico attore impiega buona parte del suo impervio tempo libero a parlare con i ragazzi delle scuole, a raccontare spettacoli di prosa. Porta gli altri attori, porta i registi, crede nel significato politico del teatro come luogo di formazione e, anche, di informazione. È stato inoltre un grande protagonista di "La classe operaia va in paradiso", dal film di Elio Petri, Grand Prix a Cannes nel 1972; ora è in tournée con "Ragazzi di vita", che Emanuele Trevi ha tratto dal romanzo di Pier Paolo Pasolini, regista Massimo Popolizio. In progetto anche la regia delle "Nozze", da Elias Canetti, lo stesso di "Massa e potere" - "un autore che amo moltissimo" - e che naturalmente è complicatissimo. Per non tralasciare alcuna esperienza, fa anche cinema.
Un attore è un attore, e recita. Ma in questo caso la natura del personaggio è particolarmente complessa. Quasi schizofrenica. "Certo, la tv mi ha dato fama - dice Guanciale -. Quando ho cominciato non immaginavo che ne avrei avuta così tanta. Ma quando è arrivata, ho cercato di usarla. La popolarità come un grimaldello, come un cavallo di Troia per far conoscere più facilmente quello che mi interessa veramente. È una specie di travaso. E il mio amato teatro è anche il figlio di tutta la tv che faccio. Senza contare che stare sul set è divertente". Lo farà forse per preparare il pubblico di domani: "Far conoscere la bellezza del teatro è bello - prosegue -. Se si fa teatro da 2.500 anni, e parliamo solo del mondo occidentale, vorrà dire qualcosa, no? La fascinazione del teatro è enorme, e si può parlare di tutto, anche delle emergenze, del lavoro, della povertà, della ricchezza, sempre con autonomia di sguardo. Il teatro è il veicolo didattico più forte di tutti". Guanciale, Massimo Popolizio, Claudio Longhi, praticamente una banda di ronconiani.  "Luca Ronconi era un grande nel suo modo di avvicinarsi a un testo teatrale. Questo è il suo insegnamento fondamentale che ci accomuna", osserva.
È pur vero che si dice che il teatro ha perso terreno perché non è più stato in grado di descrivere la realtà, soppiantato dalla tv. Ma Guanciale va oltre: "Infatti la meta è restituire al teatro una centralità comunitaria. Il linguaggio teatrale è un veicolo di informazione che sarebbe bello che tutti maneggiassero, un po’. Sicuramente, perché ciò accada, il teatro, sempre lui, deve fare qualche passo fuori da se stesso. Per questo andare nelle scuole è importante anche per noi, per gli attori. Come negli Anni ’40 del ‘900 i grandi della prosa si bagnavano ogni tanto nella rivista: ecco, anche noi, le generazioni più recenti, dobbiamo imparare a parlare, per consegnare il teatro a un pubblico giovane e competente. Inoltre gli spettacoli in cui recito sono sempre complessi ma popolari, spero raffinatamente popolari, rivolti a tutti".
Lino Guanciale dirige anche il teatro di Avezzano, la sua cittadina (abruzzese) d’origine. Chissà se farebbe Sanremo, come Pierfrancesco Favino, altro bravissimo attore di teatro e di cinema. "Adesso assolutamente no - riflette -. Nessuno mi ha contattato, peraltro. Ora è presto, ma chissà, prima o poi potrei anche pensare a un varietà. Quello che farei subito in tv, oltre alle serie, è un bel programma di divulgazione dedicato al teatro". Chissà come può conciliare tutto. "Ho smesso di dormire", dice. Ha 40 anni e sarebbe ora di pensare a una famiglia, ai figli. La chiude lì: "Soprassediamo".
17.03.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
22.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, luglio 2019
22.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, luglio 2019
22.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio 2019
20.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, luglio 2019
05.08.2019
Comunicazione Ustat: Pericoli naturali Ticino
30.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2019
29.07.2019
Avviso di prudenza del 29.07.2019 nell'accensione di fuochi commemorativi e d'artificio per i festeggiamenti del 1° agosto 2019 [www.ti.ch/incendi-boschivi]
15.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2019
14.07.2019
Traversa di Cavanna/Bedretto - coordinate 682/152 - Predazione 3 pecore
12.07.2019
Consultabili online le temperature dei fiumi misurate in continuo presso le stazioni idrologiche cantonali e federali [www.ti.ch/oasi]
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Gli affari con la Cina
garanzia per l'Australia
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La fuga dei miliardari
imbarazza gli Emirati
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"


La copertina
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Le pubblicazioni
di Rezzonico
Editore

Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Bandiere
dell’India
in fiamme
nel Kashmir

Il fuoco
dell’Amazzonia
incendia
le piazze

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00