function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
Martin Guevara
Immagini articolo
"Il mio cognome
mi ha reso migliore"
FEDERICO BASTIANI


Quando morì suo zio, Che Guevara, quel 9 ottobre del 1967, Martin aveva solo 4 anni. Il nipote del Che due mesi fa è arrivato in Italia per la camminata di 480 chilometri da Camarina a Mozia, in Sicilia (l’antica traversata sicula). "Non solo io sono legato all’Italia, anche mio zio lo era. Prima di incontrare Fidel Castro pensava di frequentare l’Università di Bologna per perfezionare i suoi studi in medicina. Il Che è cresciuto con la coscienza partigiana, antifascista e provava grande ammirazione per Garibaldi". Martin è il figlio del fratello più piccolo di Ernesto Guevara, Juan Martin, nato nel 1943. È cresciuto fra l’Argentina, Cuba (dove si è trasferito a 12 anni) e la Spagna. Ha sviluppato un pensiero critico nei confronti del sistema cubano che lo ha allontanato da una parte della famiglia Guevara. "Sono molto legato a mia zia Celia che considero la versione femminile del Che. Lei ha combattuto contro la dittatura in Argentina. Sono poi legato a mio padre ed alcuni cugini, preferisco invece non parlare delle altre persone della famiglia che non hanno perso occasione per attaccarmi solo perché esprimevo le mie idee", racconta al Caffè.
Cuba nell’immaginario collettivo di tanti movimenti di sinistra rappresenta l’unica alternativa concreta al sistema capitalista che ha portato, secondo alcuni storici, le popolazione di tanti paesi nel mondo, inclusa l’Argentina, a subire sofferenze. "Nei primi anni della rivoluzione, Cuba era molto più di un faro antimperialista, poteva rappresentare l’autentica rivoluzione culturale, di idee, di sviluppo, di utopie. Ben presto questo sogno è stato tradito". Quella che doveva essere una vera rivoluzione si è trasformata in una delle tante dittature. Eppure Cuba ancora oggi è ricordata per il suo sistema sanitario, per il livello dell’educazione. "Quello che hanno subito i cubani - dice Martin Guevara - un europeo non lo avrebbe accettato per più di due settimane". Martin poi ricorsa che i governi comunisti che sono nati nel Novecento erano ben lontani dai principi di solidarietà. La stessa Rivoluzione d’Ottobre in Russia che aveva ispirato suo zio, che aveva permesso ai figli di contadini di diventare astronauti o scienziati, non non si compiuta, così come è accaduto a Cuba. Poi ricorda che dopo tanti anni restano ancora dubbi sulla fine dello zio, che Fidel Castro non abbia fatto niente per salvargli la vita in Bolivia, che lo abbia abbandonato. "Non ho le prove per dirlo, certo è che mio zio non era ben visto dall’Unione Sovietica e in quel momento Cuba invece, aveva una disperata necessità della protezione sovietica".
Oggi Martin è uno scrittore. Il suo primo libro, "A la sombra de un mito", lo ha reso celebre. Essere cresciuto con un cognome così ingombrante non deve essere stato facile anche se Martin lo ha vissuto più come un onore, uno stimolo per essere una persona migliore. Che Guevara continua ad essere il simbolo mondiale contro le ingiustizie. "Credo si sia guadagnato tutto questo per la sua coerenza - afferma Martin -. Ha vissuto molto meno di Fidel Castro ma la sua immagine si rafforza ogni giorno. Nessun giovane ribelle insoddisfatto oggi indosserebbe una t-shirt di Fidel Castro novantenne".
Un mondo diverso è possibile? Per Martin la soluzione è a metà: il capitalismo di oggi ha spremuto i più bisognosi in modo crudele. Andrebbe sostituito con un sistema democratico con una forte presenza di ideali sociali in cui possa decidere il popolo, non le banche. E dove tutti possano avere una vita dignitosa e libertà individuali. Intanto Martin ha recentemente pubblicato il suo secondo libro, "Triangulo identitario", un’antologia di scritti divisi in quattro sezioni, Cuba Flash che parla di Cuba, l’Europa intossicata dai resti della destra fanchista in Spagna e le crescenti preoccupazione dei neo fascismi in tutto il Continente. Ed il suo prossimo libro? "Sarà ambientato in Italia".
20.01.2019


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
30.04.2020
Pubblicato il Rendiconto 2019 del Consiglio di Stato
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Notte
di violenze
nelle città
statunitensi

La lenta
ripartenza
della cultura
europea

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00