Fuori dal coro
Immagini articolo
Le alternative all'Ue
saranno pericolose
GIÒ REZZONICO


Sono convinto che l’Ue abbia un futuro", ha detto il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker in un’intervista del 30 dicembre su Repubblica. "Basta far visita a un cimitero militare - ha aggiunto - per rendersi conto di quale sia l’alternativa all’unificazione europea". Difficile non condividere questa affermazione. Certo l’Ue ha molti difetti, è sicuramente migliorabile, ma ha ragione Juncker: le alternative sono molto pericolose!
Nel 2019 la questione europea sarà fondamentale non solo a livello continentale, ma anche per la piccola Svizzera e per il minuscolo Ticino. Gli stretti rapporti che intratteniamo con l’Europa ci garantiscono notevoli vantaggi, basti pensare allo sviluppo dell’economia e della ricerca ma come sempre avviene hanno anche un prezzo. Prezzo forse più elevato per le regioni di confine come il Ticino, dove la libera circolazione delle persone mette sotto pressione i salari dei residenti, soprattutto quelli dei giovani che si affacciano al mondo del lavoro. Ma la soluzione non è chiudere le frontiere e la porta in faccia all’Europa, perché a rimetterci saremmo noi. Non serve nemmeno picchiare maldestramente i pugni sul tavolo, come si è fatto recentemente a livello cantonale. Bisogna trattare, cercare soluzioni di compromesso - arte in cui il nostro Paese è maestro - sia al nostro interno, sia nei rapporti con l’Ue. Il primo scoglio da superare sarà portare a termine la trattativa, che si trascina da anni, per un accordo quadro istituzionale con l’Ue, oggi fermo al palo per la malsana alleanza tra sinistra e Udc. C’è da sperare che il Ps - o almeno una parte di esso - si smarchi dai sindacati, di cui sembra essere ostaggio, e pensi agli interessi generali del Paese per sbloccare le trattative con Bruxelles.
Bruxelles che alle elezioni europee di maggio dovrà affrontare un esame storico: l’attacco incrociato dei partiti populisti e nazionalisti, che sono giunti al potere dall’Italia all’Austria e ai Paesi dell’Est. Qualora riuscissero a conquistare una maggioranza all’interno del parlamento europeo provocherebbero certamente la distruzione dell’Ue. Come potrebbero fare diversamente dei movimenti che hanno costruito il loro potere promettendo ai loro elettori che sono gli interessi delle singole nazioni a contare e che hanno sempre considerato l’Ue come un ostacolo alle loro politiche?
La questione europea sarà molto presente anche alle elezioni cantonali del prossimo aprile e a quelle federali dell’autunno. Anche in queste occasioni emergeranno due distinte mentalità: chi non guarda oltre l’uscio di casa e chi invece considera interessi più generali, rendendosi conto che nell’era della globalizzazione non è più possibile ripristinare frontiere o costruire muri per isolarsi.
13.01.2019


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

La privacy è morta
evviva la privacy
L'INCHIESTA

Gli affiti il business
delle Ferrovie federali
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

E il dentista incassa
i soldi dei contribuenti
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il gioco a scacchi
tra Trump e Kim
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il dopo Chavez
che avvelena Caracas
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.02.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da martedì 19 febbraio 2019 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
06.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 18 febbraio prossimo
01.02.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 1° febbraio 2019 alle ore 9:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
30.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2018
29.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole medie superiori per il periodo 2019-2023
28.01.2019
I giovani e le aziende interessate a partecipare al programma di scambio Swiss Mobility sono invitati a porre candidatura entro il 15.3.2019
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ultimo
assalto
all'Isis
in Siria

Francia:
gilet gialli,
atto
numero 14