Fogli in libertà
Il terrorista dell'Isis
e la boria di Trump
RENATO MARTINONI


E così gli Americani sarebbero riusciti a stanare il più temibile dei terroristi e a farla finita con i suoi crimini. Il loro presidente ha scelto di parlare dell’evento creando un po’ di suspence. "È successo qualcosa di enorme", ha annunciato urbi et orbi. Con la solita enfasi. Così tutti si sono sintonizzati per ascoltare le sacre parole di Trump. Che sugo ci sarebbe se la notizia non venisse pompata? Il terrorista si è macchiato di delitti inenarrabili. Chi non ricorda le stragi di innocenti o le immagini di uomini inginocchiati davanti a criminali pronti a sgozzarli come porci e che prima di farlo si divertivano a umiliarli? Loro che avevano magari soltanto la colpa di essere nati in Occidente o di avere cercato di aiutare le popolazioni povere del Medio Oriente?
Il terrorista numero uno al mondo sarebbe dunque morto. C’è da sperare che insieme a lui sia morta un’ala feroce dell’estremismo di matrice islamico-radicale. Non solo le modalità dell’annuncio hanno avuto il sapore dello scoop che concentra l’attenzione su una sola persona, anzi su due: il cane-criminale eliminato e il presidente-eroe. Anche la cronaca dell’attacco militare reca con sé tutti i caratteri di una storia che ha più i tratti di una favola all’incontrario che di una realtà che nessuno mai verrà a conoscere. Sappiamo che, quando parlano, i militari sono abilitati a costruire delle loro "verità". "Verità" che con quella vera non hanno necessariamente una relazione.
Il barbuto al Baghdadi non sarebbe soltanto stato ammazzato. Sarebbe morto da codardo, come nessun terrorista (pensiamo a Che Guevara) farebbe mai. Facendosi saltare in aria, una volta che si è visto senza via di fuga, con degli esplosivi. Portando con sé due mogli, tre bambini e chissà chi ancora. Un vero eroe muore combattendo. Un vero eroe si sacrifica per salvare la vita di chi gli sta accanto. Un vero eroe non mostra la schiena ai nemici come facevano (nei film) i pellerossa. Li guarda in faccia e li sfida, mentre muore. Nulla di tutto questo sarebbe successo con il capo dell’Isis. Che questa sia la vera storia non lo sapremo mai. Nessuno può spendere una parola di commiserazione per chi, della violenza e della crudeltà, ha fatto la propria bandiera. Ma noi saremmo più tranquilli se fossimo certi di conoscere come sono andate per davvero le cose. Così o in modo diverso? Purtroppo c’è di mezzo la ragion di stato, e questo si può capire. Meno facile è condividere la lingua di chi, come il borioso presidente degli Usa, trasforma tutto in successo personale e in melma per gli avversari. Neanche al tempo dei gladiatori, che si uccidevano nelle arene, mancavano certe regole. Non è questione di indulgenza. Ma di rispetto della verità.
03.11.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
27.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 dicembre 2019
27.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2019
22.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2019
18.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, ottobre 2019
15.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2019
06.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 18 novembre 2019
04.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2019
30.10.2019
Pubblicati i dati del censimento rifiuti 2018 [www.ti.ch/gestione-rifiuti, www.ti.ch/oasi]
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Tassi negativi e liquidità
affondano le pensioni
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Il sanguinoso attacco
alla "Terra dell'alba"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
L'attentato a Londra
rilancia l'allarme jihad
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Emmental e pollo
tra i "falsi svizzeri"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Australia
impotente
davanti
agli incendi

Iraq:
sanzioni Usa
contro
la repressione

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00