function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};

Stefano Modenini, direttore dell'Associazione industriali
Immagini articolo
"Arrivano segnali posiviti,
ordini superiori alle attese"
LIBERO D'AGOSTINO


Per l’industria ticinese il 2020 si è chiuso con una generale riduzione del fatturato, nei primi mesi del 2021 si sono, invece, registrati dei segnali positivi. "La situazione, per fortuna, è migliore di quella ipotizzata alla fine dell’anno scorso. Gli ordini per le aziende sono, infatti, superiori alle attese. Ovviamente, ci sono differenze da settore a settore e a volte persino tra le imprese di uno stesso comparto", spiega Stefano Modenini, direttore dell’Aiti, l’Associazione delle industrie ticinesi.
Quali sono le imprese ancora in difficoltà?
"A soffrire di più sono alcune imprese che lavorano per il settore dell’aviazione civile, da un anno ridotta ai minimi termini, che si ritrovano con gli ordinativi bloccati. In difficoltà ci sono poi decine di aziende, anche di medie dimensioni, che forniscono componenti ai grandi marchi dell’auto".
Le industrie non sono state coinvolte nei lockdown, ma hanno comunque subito i contraccolpi della crisi innescata dalla pandemia. Con quali conseguenze?
"L’impatto maggiore è stato sulla capacità d’investimento, perché le aziende sono comunque costrette ad investire se vogliono restare competitive. I crediti Covid li hanno utilizzati solo in parte, più che altro li hanno tenuti come riserva di liquidità, preferendo attingere ai capitali propri. Capitali che vanno però erodendosi. Non è certo una situazione facile, si è accentuato il rischio che alcune imprese si trasferiscano in Paesi che offrono condizioni quadro migliori".
Su quali carte puntare per il futuro?
"Su quelle di sempre: innovazione e formazione. Sull’innovazione, però, bisogna, essere chiari, non è che essa si traduca automaticamente in più occupazione. Innovazione significa anche specializzazione, quindi più posti sì, ma in numero limitato e più qualificati".
E per la formazione?
"Abbiamo innanzitutto il problema di una fascia intermedia di lavoratori, dai 40 ai 60 anni, che va accompagnata in un percorso di riqualificazione professionale, è c’è la necessità ormai inderogabile di riorientare il sistema formativo".
In che direzione?
"Siamo un Paese che in passato ha puntato sui lavori amministrativi, ma se vogliamo avere più aziende ad alto valore aggiunto, come si ripete spesso, dobbiamo anche avere il personale adeguato. Dunque, servono più scuole tecniche e meno scuole commerciali. Altrimenti andremo incontro ad un declino programmato".
Una sfida non da poco?
"La vera sfida è un’altra. Dobbiamo domandarci tutti che Cantone vogliamo tra dieci, vent’anni. Come Aiti lavoreremo per approfondire una visione del Ticino per il prossimo ventennio".
27.03.2021


Articoli Correlati
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Luna e Marte nuove mete
di imprenditori visionari
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Predicatori e Stato islamico
tra i guerriglieri della costa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Quei pochi cristiani in Iraq
tra le macerie di sé stessi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il mondo ha 44 sovrani
ma i "regni" contano poco
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Un viaggio tra i popoli
sull'idea del nuovo inizio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Una Greta, tante Grete
per difendere l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Si pensi anche ai costi
causati da altre limitazioni

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Londra,
omaggio
al principe
Filippo

La polveriera
Belfast
pronta
a scoppiare

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00