A Casa Rusca duecento opere firmate da Mario Botta
Immagini articolo
L'architetto del sacro
che riscopre il silenzio
RUDY CHIAPPINI DIRETTORE SERVIZI CULTURALI LOCARNO


Gli spazi della Pinacoteca comunale Casa Rusca di Locarno ospitano per la prima volta in assoluto, in modo organico, cronologico e completo, tutta l’architettura sacra di Mario Botta.
Una tipologia cara all’architetto ticinese che, in tanti anni di attività, ha avuto diverse occasioni di confrontarsi con la dimensione del sacro, tanto da giungere ad affermare che proprio attraverso gli edifici di culto ha avuto l’impressione di aver individuato le radici profonde dell’architettura stessa.
Il tema del sacro è infatti universale, oltrepassa le confessioni per raggiungere una dimensione spirituale. Nelle sue chiese così come nelle sinagoghe e nelle moschee costruite in tutte le parti del mondo dalla Svizzera alla Francia, dall’Ucraina a Israele alla Cina i concetti di gravità,
La mostra, promossa in occasione dei 75 anni di Mario Botta, presenta tutti i 22 edifici realizzati dall’architetto ticinese sull’arco di oltre di mezzo secolo a iniziare dalla Chiesa di Mogno progettata negli anni Ottanta tra le inevitabili polemiche locali, passando per l’imponente Cattedrale della Resurrezione di Evry, per la Basilica di Namyang in Corea del Sud fino alla suggestiva Mosche di Yinchuan, attualmente in costruzione in Cina.
Tutti i progetti sono documentati da modelli originali in scala, veri e propri gioielli, da schizzi e disegni che illustrano il procedere ideativo de Botta e da suggestive gigantografie che consentono di apprezzare in modo unico e privilegiato significativi dettagli delle sue realizzazioni.
Per l’occasione Botta ha inoltre appositamente ideato nel giardino del museo un sontuoso e quasi sacrale padiglione in legno argentato, prologo alla mostra, che presenta in una straordinaria sequenza tutti i suoi edifici introducendo il visitatore nella spazio della memoria e dello spirito.
Le oltre 200 opere esposte consentono di apprezzare appieno l’affascinante e intimo confronto di Botta con il sacro e di scoprire come la sua architettura viva di silenzi, di profili, di linee accarezzate dalla luce, come trovi solidi riferimenti in forme chiare e rigorose. Il suo processo creativo nasce dalla sintesi tra memoria collettiva e vissuto personale, dal ricupero di temi classici declinati al presente per dare vita a luoghi di culto del contemporaneo.
Lo spazio del sacro emerge con forza come ricerca di immagine identitaria, pur nelle storiche diversità di culto e di storia delle tre religioni monoteiste. La sua non è un’architettura dell’ovvio, dell’ossequio alle convenzioni dell’intrecciarsi di linee concave o convesse. È l’architettura della profondità, dell’introspezione, della radiosità, dell’emozione di chi, in una società secolarizzata come la nostra e pur nelle contraddizioni del vivere quotidiano ambisce a trovare uno spazio di silenzio, di meditazione e di preghiera; di chi, attraverso forme evocative, è alla ricerca di una dimensione spirituale.
25.03.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur