function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};




Dalla scienza all'economia, ecco il punto sul vaccino
Immagini articolo
Strategie e tattiche
contro il coronavirus
NATASCHA FIORETTI


Le notizie sul vaccino contro il Covid si rincorrono. La Russia tenta l’azzardo e per prima dice di averlo, l’ospedale romano Spallanzani inizia la sperimentazione sull’uomo, la Confederazione annuncia un importante accordo con l’azienda usa Moderna per l’acquisto di 4,5 milioni di dosi e la Commissione europea firma un contratto per trecento milioni di dosi con la britannica AstraZeneca, che aveva temporaneamente interrotto i test clinici per una reazione avversa seria e non spiegabile, riprendendoli negli ultimi giorni. Attualmente sono svariati i vaccini entrati nella fase tre e tra questi anche Moderna, che sin dalla sua fondazione (2010) non ne ha mai messo uno sul mercato. C’è chi solleva perplessità sulla sua nuova tecnica genetica e chi attribuisce la sua immagine di azienda leader a un’abile campagna di marketing. Il Caffè ha chiesto a vari esperti cosa significa essere arrivati alla fase tre e quali i passi successivi.   


Alessandro Ceschi
Dir. medico e scientifico Istituto Scienze Farmacologiche, 42 anni
"Non ci saranno quantità illimitate e inizialmente non sarà per tutti"

Direttore medico e scientifico dell’Istituto di Scienze Farmacologiche della Svizzera Italiana, il professor Alessandro Ceschi spiega che "i vaccini nella fase tre vengono testati su un ampio collettivo di volontari per avere dati finali avanzati sull’effettiva efficacia e sicurezza in diverse fasce della popolazione". Data la grande fretta "alcune fasi sono combinate. È importante che i criteri fondamentali siano applicati in modo rigoroso". Secondo l’iter "i risultati vengono sottoposti alle autorità normative di competenza come Swissmedic. Queste valutano se il vaccino sia efficace e sicuro". Una volta in utilizzo nella popolazione vanno "monitorati non solo gli effetti ma la sicurezza del vaccino. Su questo fronte come Istituto ci stiamo già muovendo con una proposta a Swissmedic". Supposto sia pronto "non sarà disponibile in dosaggi illimitati e non sarà possibile vaccinare da subito tutta la popolazione. Andrà chiarita la capacità di produzione dell’azienda, le procedure di approvvigionamento, le questioni del trasporto e della distribuzione. Le autorità competenti, in primis l’Ufficio della sanità, dovranno indicare a quali fasce della popolazione andrà indirizzato prioritariamente". C’è chi parla di un’eventuale obbligatorietà "è precoce parlarne. Prima si dovranno soddisfare una serie di criteri e di condizioni e pensare a come garantire l’accesso al vaccino senza barriere finanziarie o logistiche".


Simon Evenett
Economista, professore di commercio internazionale, 51 anni
"I Paesi poveri, con meno risorse riceveranno le cure con molto ritardo"

Economista, professore di commercio internazionale e sviluppo economico, Simon Evenett ha appena pubblicato un ebook dal titolo Covid 19 e le politiche commerciali: perché chiudersi non funzionerà. Secondo il professore dell’Università di San Gallo nel mondo globalizzato post crisi finanziaria abbiamo assistito ad una decrescita, in alcuni casi, ad uno stallo del commercio internazionale. Questa situazione si è accentuata con il Covid nel momento in cui molte nazioni hanno imposto delle restrizioni sulle esportazioni di forniture mediche e alimentari. Supponiamo di avere il vaccino, assisteremo ad una cooperazione globale? "Sarebbe auspicabile ma i segnali che arrivano dai governi dicono il contrario. Abbiamo visto molti governi acquistarlo in anticipo dai loro fornitori. L’azienda biofarmaceutica Astrazeneca ha venduto al governo inglese i diritti per acquistare 300 milioni di vaccini che ancora non ci sono. Voglio dire, non sanno nemmeno se funzionerà. Vediamo dunque come le grandi aziende farmaceutiche si impegnano a rifornire certi governi e non necessariamente il mercato globale. Significa che i paesi poveri con meno risorse avranno il vaccino con molto ritardo rispetto agli altri. Visto l’atteggiamento nazionalista emerso intorno al vaccino, ritengo molto improbabile che ci sarà una distribuzione equa".


Yann Hulmann
Portavoce dell’Ufficio federale della sanità, 41 anni
"Moderna  è promettente, i suoi risultati sono positivi"

La Confederazione ha stipulato un contratto con Moderna per l’acquisto di 4,5 milioni di dosi. Yann Hulmann, portavoce dell’Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp), spiega che è stata scelta perché "il suo vaccino è molto promettente, lo sviluppo è in fase avanzata e i dati scientifici sono molto positivi. Nel momento in cui il vaccino supererà gli ulteriori test clinici e sarà approvato per il mercato svizzero, il nostro Paese avrà rapido accesso a questo antidoto". Contemporaneamente la Confederazione guarda anche ad altri produttori "non si può dire con certezza quale azienda arriverà fino in fondo, diversificare la domanda aumenta le possibilità di avere un veloce e sicuro accesso al vaccino". Il comunicato stampa dell’Ufsp del 7 agosto dice che la Svizzera sostiene progetti multilaterali volti ad assicurare una distribuzione equa del futuro vaccino. "Quella della distribuzione equa è una questione alla quale la Svizzera fa molta attenzione. Per questo siamo impegnati sul fronte della ricerca, del coordinamento internazionale, dell’approvvigionamento e di una distribuzione equa del futuro antidoto". La Svizzera "sostiene l’organizzazione mantello Access to Covid-19 Tools (Act) Accelerator che coordina organizzazioni di rilevanza internazionale come l’Oms, la Coalition for Epidemic Preparedness Innovation (Cepi) e Gavi the Vaccine Alliance (Gavi)".


Gavi alleanza mondiale
Cooperazione di soggetti pubblici e privati
"Noi miriamo a fornire 2 miliardi di dosi sicure ed efficaci entro il 2021"

Gavi, l’Alleanza mondiale per le vaccinazioni, è una cooperazione di soggetti pubblici e privati che collabora con governi e produttori per migliorare l’accesso all'immunizzazione delle popolazioni in Paesi poveri. Secondo un suo portavoce, Gavi si impegna ad assicurare un accesso equo per tutti, "è tra i promotori dell’iniziativa Covax Global Vaccines facility, uno sforzo globale per assicurare in tempi rapidi un vaccino efficiente e equo. Covax mette al servizio di tutti le competenze per accellerare lo sviluppo, la produzione e la consegna dei vaccini". Quasi duecento i Paesi che hanno aderito all’iniziativa con il portafolio di vaccini più ampio e diversificato al mondo che mira a fornire 2 miliardi di dosi sicure ed efficaci entro la fine del 2021.
In linea con il quadro di assegnazione dell’Oms "ci sarà una prima tranche di dosi che verrà consegnata a tutti i Paesi partecipanti con l’intenzione di vaccinare quei gruppi ritenuti prioritari come gli operatori sanitari e sociali. La consegna dei vaccini continuerà man mano che verrano prodotti fin quando tutti avranno ricevuto la quantità necessaria. Covax è l’unica inziativa a livello globale che garantisce uguale accesso senza distinzione tra Paesi a reddito più alto e più basso". La Svizzera sostiene Gavi con 30 milioni di franchi.


Jean-Paul Saija
Co-ceo di Mindnow, agenzia digitale, 44 anni
"Gli under 25  dicono sì per difendere la qualità di vita"

Da un’indagine condotta dall’agenzia digitale zurighese Mindnow su un campione di 1700 persone residenti nei diversi cantoni e appartenenti a diverse fasce di età è emerso che sull’intero campione il 47,1% si lascerà vaccinare, il 35,6% è indeciso e l’11,2% è contrario. Gli over 65 (65%) sono i più favorevoli, le donne (43%) si dimostrano più scettiche rispetto agli uomini (54%). Indeciso (40%) è anche chi appartiene alla fascia d’età compresa tra i 35 e i 54 anni. Ci sono delle differenze anche tra i diversi cantoni: nella Svizzera orientale c’è più scetticismo nei confronti del vaccino rispetto alla Svizzera centrale e al Ticino. Jean-Paul Saija, Co-Ceo di Mindnow ci dice che "l’indagine chiedeva agli svizzeri come hanno trascorso questa prima parte dell’anno e come vedono il futuro. In particolare li preoccupa il fatto che nulla sarà più come prima (29,1%) e che possa esserci un nuovo lockdown (24,4%)". Emerge anche che le generazioni più giovani sono più propense a farsi vaccinare rispetto agli over 35 "gli under 25 sanno che non avranno più una vita così tranquilla come i loro genitori, avvertono che c’è stata una diminuzione della qualità della vita. Gli over 65 invece sono cresciuti in un tempo in cui vaccinarsi equivaleva a salvarsi la vita".
12.09.2020


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
17.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, settembre 2020
14.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, agosto 2020
09.09.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 21 settembre 2020
09.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2020
27.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2019
21.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio 2020
21.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, luglio 2020
19.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, luglio 2020
17.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio 2020
17.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, luglio 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Gran Bertagna vive
sopra una "bomba fiscale"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Le trappole sessuali cinesi
per "arruolare" spie a Parigi
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il culto della mascherina
accende il negazionismo
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ciclone
Ianos
spazza
la Grecia

Covid:
Londra aspetta
una seconda
ondata

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00