Speranze e preoccupazioni alla soglia della pensione
Immagini articolo
L'Avs è un punto fermo
il secondo pilastro no
MAURO SPIGNESI


Nonostante i giovani siano sempre meno, nonostante la popolazione sia destinata a fare i conti con un progressivo invecchiamento, il futuro appare meno nero. Soprattutto per chi veleggia verso i 65 anni, incontro alla pensione. Lo dice il "barometro" dell’Istituto di consulenze finanziarie VZ VermögensZentrum. Lo studio, svolto nel 2019, arriva alla conclusione che gli svizzeri sono fiduciosi per "quanto riguarda la loro rendita Avs". Una buona fetta della popolazione, in sostanza, non si preoccupa delle proprie finanze "una volta in pensione". E la maggior parte risponde anche che "le proprie finanze sono migliorare rispetto a un anno fa. Ed ha addirittura la sensazione che questa tendenza proseguirà nel prossimo futuro. Grande fiducia, dunque, è riposta nell’Avs".
A destare invece preoccupazione nel campione (circa 600 persone) preso in esame dai ricercatori di VZ VermögensZentrum, coordinati dall’economista Karl Flubacher, è invece l’altro "sostegno" della vecchiaia, la cassa pensione, la cui capacità "viene messa in dubbio dal 60% degli intervistati". E d’altronde, per fare un esempio, chi nel 2002 aveva 55 anni e uno stipendio annuo pari a 120mila franchi e poteva aspettarsi circa 75mila franchi di rendita, deve oggi attendersi una riduzione "presumibile" almeno del 20%, ovvero una rendita di circa 60mila franchi.
E che sia sempre più difficile ottenere una pensione che si avvicini al 60% dell’ultimo salario percepito sul lavoro, come avveniva un tempo, lo mette in evidenza anche un’altra ricerca, stavolta di Comparis.ch. Che avverte come "la politica dei tassi bassi potrebbe avere effetti devastanti sulla previdenza per la vecchiaia dei più giovani". Nell’ultimo decennio "i rendimenti degli averi previdenziali - dice Comparis - hanno segnato un calo molto forte". Secondo i calcoli di Comparis, dall’introduzione del regime obbligatorio della previdenza professionale, nel 1985, il rendimento annuale reale medio degli averi delle casse pensione è del 3,6%. Dal 2008 il rendimento reale che si ottiene sull’avere della cassa pensione è ormai sceso al 2,8%. Ma "per i prossimi anni - afferma l’esperto di finanze di Comparis Leo Hug - nemmeno una rendita del 2,8% è realistica". Questo perché "dopo la crisi finanziaria i mercati "hanno tratto particolarmente beneficio dal calo dei tassi d’interesse. Le iniezioni di capitale delle banche centrali "non hanno mai raggiunto davvero l’economia reale". Il denaro, sempre secondo l’analisi di Comparis, è finito nei mercati finanziari e ha causato, tra le altre cose, un boom azionario.
Un problema serio questo delle pensioni, soprattutto visto l’andamento demografico del Ticino. Lo scorso anno, secondo il bilancio della popolazione 2018 dell’Ufficio cantonale di statistica, come in passato cresce il fenomeno degli ultrasessantacinquenni, che raggiungono quota 22.6% della popolazione. E si conferma anche un altro dato: l’aumento dell’indice di vecchiaia (rapporto tra anziani e giovani), ora di 171 ultrasessantacinquenni ogni 100 giovani di età inferiore ai 15 anni. In pratica, sottolinea l’Ufficio di statistica, si "evidenzia ulteriormente lo squilibrio tra generazioni".
mspignesi@caffe.ch
08.09.2019



ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
18.03.2020
Pubblicazione straordinaria: Decreto esecutivo concernente l’annullamento e il rinvio delle elezioni comunali per il periodo 2020-2024 del 18 marzo 2020
18.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2020
13.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2020
11.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
28.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2020
26.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 marzo 2020
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Se si stampa il denaro
solo per indebitarsi
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Coronavirus,
negli Stati uniti
1500 decessi
in appena 24 ore

Francia:
accoltella persone
nel centro
di Romans-sur-Isère

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00