Il farmacista cantonale invita le farmacie a razionare le dosi
Immagini articolo
"L'abuso di antibiotici
rende più forti i batteri"
PATRIZIA GUENZI


Altri Paesi l’hanno già sperimentato. La distribuzione razionata di antibiotici ne riduce l’utilizzo di almeno il dieci per cento. Non solo. Elimina il rischio che il paziente possa in futuro utilizzare le pasticche restanti. Ma, soprattutto, evita gli sprechi e lo sviluppo di batteri resistenti. Ce n’è abbastanza per invitare le farmacie a vendere soltanto la dose necessaria, come ha recentemente fatto il responsabile dell’Ufficio del farmacista cantonale. Giovan Maria Zanini, infatti, sottolinea lo scopo principale della sua iniziativa: "È una questione di salute pubblica, vogliamo impedire l’automedicazione e lottare contro la resistenza agli antibiotici. Se andiamo avanti di questo passo tra qualche decina di anni rischieremo di morire di infezioni oggi curabilissime perché gli antibiotici non saranno più in grado di debellarle. Un ritorno al Medioevo insomma".
Viene chiamata "resistenza agli antibiotici" o "antibiotico-resistenza" la capacità dei batteri di adattarsi e di resistere all’azione degli antibiotici. Non sono quindi le persone a diventare resistenti agli antibiotici, ma i batteri. Batteri che possono poi passare da una persona all’altra, rendendo il trattamento delle infezioni più complicato e più lungo, talvolta impossibile. Un pericolo che ha già spinto oltre un centinaio di farmacie del cantone ad aderire all’invito di Zanini. Complice l’eco che la sua iniziativa ha avuto a livello nazionale. "Addirittura mi hanno detto che ci sono pazienti che chiedono di avere soltanto la giusta dose - riprende il farmacista cantonale -. In sostanza viene anticipata un’azione che tutti i consumatori dovrebbero fare: riportare in farmacia i medicinali non utilizzati. Se suggeriamo di togliere quelli non necessari alla cura prima dell’acquisto, è anche più comodo perché evita al paziente di dover tornare in farmacia". Inoltre, insiste Zanini, in questo modo si impedisce l’automedicazione. Avere degli antibiotici in casa potrebbe spingere ad utilizzarli senza prima chiedere consiglio al medico innescando così il pericoloso fenomeno dell’antibiotico-resistenza, "uno dei problemi che la medicina sta affrontando", sottolinea Zanini. Tocca ora ai farmacisti convincere i pazienti a pagare una scatola intera per portarsi a casa magari soltanto una parte del contenuto. Non si risparmia, dunque, ma in questo modo si contribuisce pure a salvaguardare l’ambiente. Ancora troppi farmaci finiscono nella pattumiera perché non riportati in farmacia. Soltanto in Ticino 25 tonnellate vengono bruciati ogni anno nell’inceneritore.
09.06.2019


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Ecco come sarà
il Cardiocentro 1.0
L'INCHIESTA

Sembrano giocattoli
... eppure uccidono
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Il formidabile esercito
...che ora si rinnova
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Quel Modi indiano
piace a Usa e Cina
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dall'Iran sino a Kim
donald alza il tiro
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
26.06.2019
L'ufficio dei beni culturali segnala la pubblicazione di un nuovo sito tematico dedicato al Monetario cantonale [www.ti.ch/monetario]
25.06.2019
Aggiornato il catasto del potenziale solare degli edifici con i dati di tettosolare.ch consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
19.06.2019
Nuova veste grafica, contenuti e funzionalità per il sito della Divisione della formazione professionale
17.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2019
13.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, giugno 2019
12.06.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 24 giugno 2019.
12.06.2019
Pubblicato il rapporto annuale 2018 sul programma di monitoraggio ICP-Waters [www.ti.ch/aria]
11.06.2019
Qualità dell'aria in Ticino: rapporto 2018 [www.ti.ch/aria]
07.06.2019
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha rinnovato il suo portale tematico, modificando e aggiornando parte della documentazione [www.ti.ch/commesse]
05.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Incendio
nel centro
di Parigi,
almeno 3 morti

Italia: così
gli scafisti
scaricano i migranti
a Lampedusa