Uno studio analizza l'evoluzione della criminalità organizzata
Immagini articolo
Storie di mafia
tra boss e nuove cosche
MAURO SPIGNESI


Le virtù dell’uomo sono tre: forte come il ferro, freddo come il ghiaccio e umile come la seta", ha raccontato Brunello Nesci, esponente della società di Frauenfeld, nel Canton Turgovia, una cosca scoperta nel 2014. Un’operazione che fece emergere ciò che tanti, tra politici, magistrati e criminologi, avevano ribadito più volte e cioè che la ‘ndrangheta è presente in Svizzera da ormai 40 anni. Ma non solo la ndrangheta. È la mafia, come fenomeno criminale, ad aver messo radici. Lo testimoniano una serie di inchieste. Dall’operazione Pizza Connection, a cavallo degli anni ’70 e ’80, sino ai casi recenti di questi ultimi tempi, come quello del killer Gennaro Pulice, poi diventato collaborare di giustizia, che viveva tranquillo gestendo un negozio di mobili a Pambio.
Una parabola, quella della criminalità organizzata, racchiusa in uno studio di 86 pagine realizzato dalla ricercatrice e giornalista di Losanna Madeleine Rossi, in collaborazione con la Scuola di formazione nella gestione delle emergenze (Sforge) di Firenze. Rossi ha collaborato a lungo con la Fondazione Antonino Caponnetto, dedicata al capo del pool antimafia del quale facevano parte Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. "Il mio lavoro - racconta Rossi - parte da una duplice esigenza. Da una parte raccontare la mafia in tutte le sue sfaccettature, perché in molti territori si tende a dire che non esiste e non bisogna parlarne perché ha riflessi negativi nell’economia. E dall’altra avevo l’esigenza di spiegare - soprattutto in Italia - come invece funziona il sistema giudiziario svizzero e come la Confederazione combatte il crimine e con quali strumenti legislativi".
Nelle pagine dello studio, che si intitola "Mafie italiane in Svizzera", è contenuto un lungo itinerario con le tappe di sangue, gli attentati e le stragi, le principali inchieste giudiziarie. Inchieste che quasi sempre partono dall’Italia e arrivano in Svizzera dove le mafie non soltanto hanno piantato radici, sviluppato business ma fatto crescere una rete di controlli e attività che si sta estendendo sempre più. Una istantanea di questa situazione si rintraccia nelle storie di boss e bande in Svizzera. Ma anche negli scandali che in qualche modo hanno avuto una sponda nella criminalità organizzata. Come il Ticinogate, che portò alla ribalta commistioni tra potere giudiziario e ambienti del malaffare anche grazie all’inchiesta giornalistica del Caffè. E a proposito di giornali, Rossi dedica una parte del suo lavoro proprio agli approfondimenti, alla percezione delle mafie nei media elvetici, dove si nota come quelli della Svizzera italiana abbiano sviluppato una sensibilità maggiore.
Ma come si contrasta la mafia? "Il problema di fondo - spiega Madeleine Rossi - è che in Svizzera, contrariamente all’Italia e alla Germania (dove esiste l’associazione Mafia? Nein, danke), non si è sviluppata una cultura dell’antimafia. Una cultura che in quei Paesi si è tradotta anche in norme penali". Come il regime duro in carcere per i mafiosi o il reato di concorso esterno in associazione di tipo mafioso. E tuttavia nella parte finale della ricerca partendo da una interrogazione del deputato socialista Didier Wyler, 1973, la prima che sollevava il problema della mafia, si passano in rassegna 57 atti parlamentari simili, l’ultimo sulla presenza a Bissone di un parente di un boss. Tanti. Il segno resta parecchio lavoro da fare.

mspignesi@caffe.ch
12.05.2019


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

"La nostra vita?
Un percorso a ostacoli"
L'INCHIESTA

I morti sulle strade
sono calati da 97 a 15
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Ci sono quelli convinti
che il sushi sia vegetariano
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La guerra di Trump
e il sorpasso cinese
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il muro di Trump
contro gang e miseria
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
17.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2019
10.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2019
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Europeisti
in marcia
con Tusk
e Weber

Rabbia
in Venezuela
per il carburante
che non c’è