Esperti, studenti e insegnanti sugli esercizi per le vacanze
Immagini articolo
"I computi delle feste?
Creano più autonomia"
MAURO SPIGNESI


Ogni caso è diverso, ogni scuola è diversa così come ogni classe. Ma la tendenza di questi ultimi anni è comune: durante le vacanze meglio non dare compiti. O comunque ridurli all’osso. Perché i ragazzi, è stato detto da più parti, hanno bisogno di ricaricarsi per ripartire dopo Natale e Capodanno. Giusto, sbagliato? In queste pagine ne discutono esperti, studenti, insegnanti e direttori scolastici  che portano il loro bagaglio di esperienza. Una esperienza che riemerge anche nei ricordi (vedi articolo pagina a fianco) di ex studenti.
Perché i compiti a casa continuano a far discutere. In Svizzera, secondo una classifica stilata dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse), gli studenti in media passano 13.3 ore alla settimana chini sulla scrivania di casa. In altri Paesi, come l’Italia, i compiti portano via in media 21.2 ore. Tanto che il ministro dell’Istruzione, Marco Bussetti, in una circolare ha chiesto ai docenti di limitare "il carico dei compiti durante le vacanze".
In Ticino il Collegio degli ispettori delle scuole comunali tempo fa aveva messo a punto un vademecum per evitare di oberare eccessivamente gli alunni di esercizi. "Però la questione dei compiti a casa - spiega Ilario Lodi, responsabile Pro Juventute Svizzera italiana - mette in evidenza un paradosso. Le famiglie da una parte chiedono più libertà per i figli, meno pressioni, e dall’altra non vogliono che i loro ragazzi restino indietro, li vogliono competitivi, capaci di reggere le prove della vita grazie agli strumenti che fornisce la scuola. A questo punto la domanda è una sola: che tipo di educazione vogliamo?".
Già, l’educazione. Ma anche la disciplina. E su questo aspetto i ragazzi sembra abbiano le idee chiare. "È fondamentale - spiega Ruggero Brooks, studente - capire al più presto che disciplina e impegno sono importanti per uno studente. Se vuole andare avanti deve imparare a gestire il proprio tempo e i propri impegni, anche fuori dall’aula".
Un giudizio, questo di Brooks, quasi in sintonia con quello di Giovanni Galli, docente e psicopedagogista: "Le vacanze, come diceva mio padre Elio, sono fatte per fare vacanza. Dunque - spiega - a Natale lasciamo in pace i ragazzi. Ma non sono contrario se si tratta di esercitare una competenza. Ovvero se i compiti sono legati alla capacità dei genitori di aiutare i ragazzi". Per un altro insegnante, Daniele Dell’Agnola, "gli esercizi, se si danno, devono avere un senso. Essere un aiuto alla preparazione, non un ostacolo. Bisogna evitare che siano una complicazione per i genitori". Secondo Ilario Lodi, tuttavia, "i compiti sono un’occasione educativa prima che formativa, oltre che uno strumento per rafforzare la relazione tra genitori e figli. Inoltre sono necessari per stimolare l’indipendenza dei ragazzi. Facendo gli esercizi da soli gli studenti crescono nella loro quotidianità".
Molti genitori, nonostante  le direttive, ritengono che gli esercizi a casa siano eccessivi. E  raccontano che i figli, una volta rientrati a casa, riescono a fare al massimo una pausa di un’ora per poi mettersi alla scrivania sino all’ora di cena.
Le indicazioni per le scuole comunali dicono che è consigliabile privilegiare il doppio compito settimanale e lasciare libero il week end. Ma non sempre succede. "Sono un difensore della classe docente - spiega Lodi - e dico che gli insegnanti conoscono i ragazzi, sanno quali sono i bisogni educativi. Bisogna dar fiducia a chi ha studiato una vita per offrire strumenti di conoscenza e di apprendimento agli studenti".

m.sp./c.m./an.b.
16.12.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

La rivolta dei medici
contro il loro vertice
L'INCHIESTA

"Col telelavoro avremo
impiegati più motivati"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

L'Emmental migliora
con il rock e Mozart
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il sogno globalista
sulla "via della seta"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La labile ideologia
dei nuovi terroristi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
a Londra marcia
per un nuovo
referendum

Gilet gialli,
un sabato
tranquillo