Dietro il sequestro in Kenya della cooperante italiana
I fedeli a Bin Laden
sono oggi 'cani sciolti'
GUIDO OLIMPIO


Il sequestro di Silvia Costanza Romano in un villaggio del Kenya è avvenuto lungo l’asse di instabilità. Il Paese africano, pur meta di turisti, risente del contagio somalo, sotto forme diverse. Il pericolo rappresentato dalla criminalità comune - sospettata del rapimento della volontaria italiana - può saldarsi con quello rappresentato dagli Shebab, il movimento rimasto fedele a Osama bin Laden che ha nell’ex colonia italiana la sua base. Più volte i servizi di sicurezza hanno segnalato come gli estremisti stiano progettando nuove azioni spettacolari dopo quelle che insanguinarono, negli anni passati, un grande centro commerciale a Nairobi e il college di Garissa.
Sono essenzialmente cinque i pilastri sui cui poggia la campagna della fazione in Somalia: operazioni di guerriglia contro il contingente africano e unità locali; attentati con mezzi riempiti d’esplosivo, la copia di quelli usati in Iraq o in Siria; possibili sconfinamenti per punire il Kenya; tentativi di usare ordigni a bordo di aerei passeggeri (un attacco è riuscito solo parzialmente) facendo ricorso a trappole ben studiate (la bomba celata in un lap top); traffici e contrabbando.
La forza degli Shebab è ancora più significativa se si considera l’impegno del Pentagono e della Cia per fermarli. Gli Stati Uniti hanno martellato basi e accampamenti ricorrendo spesso all’aviazione, con missioni spesso affidate ai droni. Durante il 2018 gli strike sono stati già 35, bombardamenti che hanno causato molte perdite.
Piuttosto profonda poi la spaccatura nel fronte jihadista a causa delle iniziative dello Stato Islamico che, al pari di altri scenari geografici, è alla costante ricerca di spazi e di recente ha dichiarato guerra ai rivali. Per farlo ha cooptato dissidenti degli Shebab e militanti convinti che il Califfato sia il vero interprete della Jihad globale. Contrasti feroci destinati a provocare altre vittime in una regione stretta tra povertà, corruzione, violenza politica e manovre di attori esterni.
02.12.2018


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

"La nostra vita?
Un percorso a ostacoli"
L'INCHIESTA

I morti sulle strade
sono calati da 97 a 15
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Ci sono quelli convinti
che il sushi sia vegetariano
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La guerra di Trump
e il sorpasso cinese
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il muro di Trump
contro gang e miseria
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
17.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2019
10.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2019
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Europeisti
in marcia
con Tusk
e Weber

Rabbia
in Venezuela
per il carburante
che non c’è