Arriva l'interrogazione sugli esami di idoneità alla guida
Immagini articolo
"Si tolga il monopolio
al medico milionario"
ANDREA STERN


Lugano, Chiasso, Castione, Mesocco, Coira, Milano, Como, Catania, Trapani, Barcellona e Tunisi. Cos’hanno in comune queste località? Sono tutte sedi di studi medici in cui opera o ha operato il dottor Andrea Bonanno. "Ma come medico del traffico ricevo solo a Lugano - precisa il chirurgo estetico -. E sono regolarmente iscritto all’ordine dei medici grigionese".
Bonanno è uno dei due medici che in Ticino possono fregiarsi del titolo di "medico del traffico" di livello 3. Dopo che il Caffè ha raccontato la surreale storia della 91enne convocata alle 21.15 per un esame di idoneità alla guida, altri ticinesi hanno raccontato le loro disavventure con questo professionista del bisturi che riceve gli automobilisti in centri estetici o palestre. Le vicende curiose non sono poche. D’altronde, secondo i dati forniti dal Dipartimento delle istituzioni, ogni anno sono circa 400 i conducenti obbligati a recarsi da uno dei due medici del traffico di livello 3.
Ma ora ad attirare l’attenzione della politica è la collega di livello superiore, la dottoressa Mariangela De Cesare, l’unica autorizzata a svolgere qualsiasi tipo di esame in materia di idoneità alla guida. "Un mio conoscente ha pagato 1’300 franchi per una visita di poco più di venti minuti" racconta Cleto Ferrari, deputato udc, che ha appena presentato un’interrogazione al Consiglio di Stato. Ferrari denuncia la situazione di monopolio di cui gode la dottoressa e chiede che sia garantita "un’alternativa ai ticinesi che devono sottoporsi a questi esami". Già nel 2016 il governo aveva assicurato di avere quale obiettivo l’individuazione di un secondo "medico del traffico" di livello 4. Ma a oggi non è stato trovato. E così i conducenti che commettono infrazioni stradali che comportano la revoca della patente, circa 500 all’anno, "devono recarsi sul confine a Chiasso e sottoporsi a visite mediche parecchio salate, con fatture poco trasparenti", sostiene Ferrari.
L’Ordine dei medici ne è consapevole, ma precisa che spetta al governo rimediare a questa fumosa situazione. "Manca chiaramente trasparenza - afferma il presidente Franco Denti -. Se una persona riceve un mandato dal Cantone è chiamata a riferire sul suo operato. Ci vorrebbe inoltre una commissione che possa valutare le perizie della dottoressa. Perché oggi lei può fare il bello e il brutto tempo senza nessun controllo".
Ferrari, nel suo atto parlamentare, scrive che "i più maligni che operano all’interno del mondo medico ipotizzano un salario annuo superiore al milione di franchi per questa dottoressa". Denti suppone invece che la cifra d’affari del "medico del traffico" di livello 4 sia attorno agli 800mila franchi. In ogni caso tanti, molto più di quelli percepiti dalla stragrande maggioranza dei camici bianchi. E soprattutto si tratta di soldi pagati di tasca propria dai conducenti. Ferrari chiede quindi che ai "pazienti" sia data la possibilità di domandare uno o più preventivi e di scegliere presso quale medico recarsi. Onde "evitare imposizioni che agli occhi dei cittadini sanno di privilegi professionali poco trasparenti".

a.s.
04.11.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

La rivolta dei medici
contro il loro vertice
L'INCHIESTA

"Col telelavoro avremo
impiegati più motivati"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

L'Emmental migliora
con il rock e Mozart
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il sogno globalista
sulla "via della seta"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La labile ideologia
dei nuovi terroristi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
a Londra marcia
per un nuovo
referendum

Gilet gialli,
un sabato
tranquillo