I sindacati denunciano i risparmi degli istituti per over 65
"Si pensa più ai costi
che agli ospiti anziani"
PATRIZIA GUENZI


Sa qual è il problema? È tutto legato ad una gestione delle cure in cui la centralità della persona, del paziente anziano in questo caso, è andata a farsi benedire a favore dell’economicità". Non usa mezze parole Stefano Testa, segretario cantonale aggiunto del sindacato Vpod, per descrivere la situazione degli istituti per over del cantone. "È brutto dirlo - aggiunge Testa -, ma i tempi per le cure e la gestione del paziente sono sempre più ristretti, bisogna risparmiare sui costi, di conseguenza il personale è sottoposto a ritmi di lavoro molto intensi".
Insomma, i sindacati non nascondono di essere consapevoli di quanto i dipendenti siano sottoposti a stress e turni massacranti, spesso poco supportati dai diretti superiori. "Noi assicuriamo un sostegno - sottolinea Testa -. Ovviamente non siamo lì, non viviamo la loro realtà. Ascoltiamo quello che hanno da dirci, a questo servono le assemblee, e poi facciamo da tramite con le direzioni. Ho comunque notato che spesso, oltre agli aspetti gestionali, vi sono anche attriti caratteriali. E quando si lavora in team è facile che vi siano scontri dovuti a visioni differenti".
Per Carlo Vanoni, sindacalista Ocst, la situazione tutto sommato è abbastanza sotto controllo. "A Casa Rea - dice -, si sta cercando di sistemare le cose. La persona che creava problemi (il responsabile delle cure sospeso da un giorno all’altro, ndr.) è stata allontanata. È comunque evidente che va migliorata la gestione". E Testa aggiunge: "Non abbiamo ragione di pensare che il municipio non voglia al più presto risolvere la questione". Tempo al tempo, suggeriscono i sindacati. Mentre i dipendenti non ne possono più di pazientare. Anche al San Carlo di Locarno, assicura Vanoni, "c’è la volontà di rimettersi in gioco. Malgrado la presenza di alcuni ‘vecchi’ dipendenti che sembrano volersi mettere di traverso a tutti i costi".
Audit terminato al San Donato di Intragna, dice Vanoni, "a cui è seguito un incontro con la commissione interna del personale. Un altro è già previsto ai primi di gennaio col consiglio di fondazione dell’istituto". In questo caso, spiega Vanoni, "il problema principale sta nei rapporti tra le persone, tra direzione e dipendenti, a mio avviso si tratta di parole, frasi e atteggiamenti percepiti male. A volte basta un niente per scatenare una reazione". Anche se in questo caso, stando alle proteste dei dipendenti, il malessere si trascina da una decina di anni.
10.12.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Povere chiese...
con meno denaro
L'INCHIESTA

Un bebè su quattro
ha genitori stranieri
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Il Piano B italiano
senza canone Rai
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Millennial al potere
ma non "correct"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Quelle vie d'uscita
per Gerusalemme
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La pizza nasce local
ma è diventata global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
11.01.2018
Prova delle Sirene 2018
10.01.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 22 gennaio 2018.
28.12.2017
Pubblicati online gli oggetti che sottostanno all’Ordinanza sulla protezione contro gli incidenti rilevanti (OPIR) con le loro aree di coordinamento [www.ti.ch/oasi]
28.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2017
22.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, novembre 2017
22.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2017
21.12.2017
Riqualifica del fondovalle di Airolo: credito di 50 milioni di franchi quale contributo cantonale [www.ti.ch/cantieri]
19.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
19.12.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 19.12.2017 [www.ti.ch/caccia]
15.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, terzo trimestre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Vienna:
"Non lasciate
governare
i nazisti"

Repubblica Ceca:
per le presidenziali
sarà
ballottaggio