La previsione dell'esperto per le "croste" ticines
Immagini articolo
I ghiacciai si consumano
come giganti morenti
ANDREA BERTAGNI


Tra vent’anni in Ticino non ci saranno più ghiacciai". Giovanni Kappenberger, glaciologo, guarda preoccupato al futuro. "Di questo passo - continua - ci resteranno solo le fotografie: i primi a scomparire saranno quelli più piccoli, poi toccherà al Basodino". Kappenberger non fa previsioni a caso. Lui sul Basodino ci va spesso. L’ultima volta poche settimane fa. E il bilancio è sempre lo stesso. Arretramento. Un termine per descrivere quello che sta succedendo in cima alle montagne della Svizzera italiana. Una tendenza del tutto simile si sta verificando anche nel resto del Paese. "Solo che da noi lo scioglimento dei ghiacciai - osserva il glaciologo - non avrà chissà quali conseguenze sull’ambiente: in fondo si tratta solo di piccoli massici, per nulla paragonabili a quelli del resto delle Alpi". Dove le ripercussioni saranno ben altre. Come del resto ha fatto notare recentemente l’Accademia di scienze naturali, che per descivere la progressiva riduzione del volume dei ghiacciai elvetici ha spiegato che l’intera superficie della Svizzera potrebbe essere coperta di 25 centimetri con l’acqua discioltasi in 10 anni.
Come tanti giganti morenti pian piano scompariranno sotto i nostri occhi. Ne è consapevole Kappenberger, che da decenni si occupa di misurare la profondità del Basodino. "In media il ghiaccio si scioglie di un metro l’anno". Fatti due conti, significa che del Basodino, oggi profondo 26 metri, tra un paio di decenni non  resterà più niente. Stessa sorte capiterà ai più piccoli Cavagnoli, Corno, Valleggia, Croslina (Campo Tencia) e Bresciana (Adula). Di loro resterà solo il ricordo. Le fotografie. Del resto la ritirata non è solo vistosa. Ma è anche testimoniata dalle misurazioni. Dal 2013 al 2017 il Basodino è arretrato di 50 metri, il Cavagnoli di 37 metri, il Corno di 47, il Valleggia di 37, il Croslina di 10 e il Bresciana di 60. Particolare non da poco, non c’è mai stata nel corso del secolo scorso un’inversione di tendenza. Dal 1892 il Basodino si è accorciato di circa 700 metri e oggi è lungo poco meno di 1,5 chilometri. Il Corno, situato in valle Bedretto, misura 550 metri e non si è mai ristretto nella sua storia così velocemente come negli ultimi 4 anni. Il Cavagnoli nel comune di Bignasco in Vallemaggia ha perso quasi un chilometro di lunghezza dal 1893. Stessa cosa il Bresciana.
Quasi uno scioglimento programmato. Che non mette solo in pericolo le riserve di ghiaccio, ma pure gli escursionisti. Come capitato lo scorso agosto sull’Adula, dove due uomini sono morti precipitando per una sessantina di metri in un crepaccio. "Oggi ci vuole più prudenza - avverte la guida alpina Massimo Bognuda -, prima di salire bisogna informarsi, telefonare ai guardiani o agli esperti. La forma e la struttura dei ghiacciai non sono più quelli di vent’anni fa: se si prende un libro stampato qualche decennio fa è molto facile che l’itinerario non sia più lo stesso. Dieci anni fa si scalava più a sinistra, mentre oggi ci si inerpica dalla parte opposta, a destra".
Ma non è tutto. "Nelle stagioni estive - continua Bognuda - occorre essere ancora di più accorti, lo strato di neve si assottiglia e in numerosi tratti ci si ritrova a camminare con i ramponi sul ghiaccio vivo. Bisogna avere la tecnica, sapere come camminare con i ramponi: chi sceglie di scalare deve sapere che il ghiacciaio è cambiato".
Il progressivo arretramento dei massicci ticinesi va di pari passo con quelli svizzeri dell’arco alpino che la scorsa estate si sono contratti in volume del 2,5%. La situazione sarebbe stata ancora più drammatica senza l’eccezionale innevamento in altura dello scorso inverno, ha sottolineato recentemente l’Accademia di scienze naturali. A soffrire di più sono ovviamente quelli più piccoli. "Molti si stanno proprio disintegrando", hanno concluso gli scienziati.

an.b.
04.11.2018


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

La rivolta dei medici
contro il loro vertice
L'INCHIESTA

"Col telelavoro avremo
impiegati più motivati"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

L'Emmental migliora
con il rock e Mozart
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il sogno globalista
sulla "via della seta"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La labile ideologia
dei nuovi terroristi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
a Londra marcia
per un nuovo
referendum

Gilet gialli,
un sabato
tranquillo