La nuova moda delle gare "clandestine" nelle città
Immagini articolo
Altro che... Stralugano
ecco le corse segrete
CLEMENTE MAZZETTA


Ci sono le corse clandestine in auto. In moto. A cavallo… e ora anche a piedi. Stesso concetto: abbinare velocità e trasgressione. In segreto, senza autorizzazioni, senza permessi, senza segnalazioni. Perché in questa competizione tutto quello che è legale, previsto, programmato, è da buttar via. Altro che la Stralugano, altro che la media Blenio. Non è come la "Lodrino-Lavertezzo Skyrace", o la "Scenic trail", la spettacolare corsa fra le creste della Capriasca, dove si sa quando si parte, quanti chilometri si fanno e dove si arriva.
Con "Secret Race series" (che dà anche il nome al sito internet a cui ci si iscrive) tutto s’improvvisa. Dal percorso, all’orario della partenza. Il gruppo di atleti che ha ideato "Secret Race series" ha voluto distinguersi dagli eventi di massa riducendo il numero di partecipanti per queste corse "segrete"a 30 atleti. Non uno di più. Nessun permesso viene richiesto ai Comuni, nessuna assistenza è prevista sul percorso, nessun striscione finale accoglie il vincitore di turno. E queste corse che stanno avendo un successo in tutto il mondo, secondo Le Temps, potrebbe arrivare presto anche in Svizzera. O potrebbero esserci già, ma essenso clandestina pochi lo sanno.
"Pur non conoscendo il fenomeno, mi par di capire che fra le motivazioni di queste corse segrete, clandestine, sia predominante la ricerca di emozione, di adrenalina - commenta Giona Morinini, psicologo dello sport - Questi atleti si mettono in gioco anche per vedere fin dove si può arrivare... senza farsi prendere.  Non bisogna dimenticare che uno dei motivi per cui la gente fa sport è la ricerca di emozioni intense che può dare un goal segnato o un traguardo superato".
"Secret Race series" consiste  in corse nelle principali città europee chiamando a raccolta solo 24 ore prima gli atleti attraverso i social network per sportivi quali "Strava". Atleti che nulla sanno del percorso. Anche la distanza, che può essere di 10 o 21 chilometri, è una sorpresa. Ci si iscrive e poi si aspetta la convocazione. "Un altro aspetto da mettere in evidenza è che le persone che fanno sport rischiosi, estremi, non sono dei pazzi come si è portati a credere. Hanno ben presente il concetto del limite - aggiunge  Morinini -. Sanno fin dove si possono spingere e fanno di tutto per restare al di qua del limite, nella sicurezza. Spingendo ogni volta in alto l’asticella. Altro che scriteriati. Pianificano bene le loro performance. Si allenano. Studiano ogni dettaglio. Si preparano fisicamente e mentalmente. Cosa che invece molto spesso non succede negli nelle competizioni di massa. È in questi contesti che le persone non valutano appieno i rischi dell’attività sportiva e rischiano di mettersi in pericolo seriamente".
Tanto è vero che le  casistiche degli infortuni nello sport amatoriale sono spesso superiori a quelle dello sport professionistico. Ma l’idea  delle corse clandestine è anche quella reinventare la corsa su strada, ritornare alle origini, ai percorsi cittadini recuperando una nuova visione urbana. Per partecipare, basta registrarsi e pagare la somma di 5 euro, che verrà utilizzata per pagare birre e altri aperitivi a fine della gara, si legge sul sito. "Si vuole riproporre semplicemente un incontro per un circuito improvvisato in cui tutti danno il massimo per il piacere di correre", dicono gli organizzatori.

cmazzetta@caffe.ch
12.05.2019


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

"La nostra vita?
Un percorso a ostacoli"
L'INCHIESTA

I morti sulle strade
sono calati da 97 a 15
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Ci sono quelli convinti
che il sushi sia vegetariano
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La guerra di Trump
e il sorpasso cinese
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il muro di Trump
contro gang e miseria
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
17.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2019
10.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2019
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Europeisti
in marcia
con Tusk
e Weber

Rabbia
in Venezuela
per il carburante
che non c’è