function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
Maythm Ghazi trapiantato grazie all'organo di un'amica
Immagini articolo
'Senza il rene di Leticia
ormai sarei già morto'
PATRIZIA GUENZI


Quando sei nel bisogno un aiuto lo trovi sovente al di fuori della cerchia familiare. Una constatazione amara ma sovente vera. L’ha provata sulla sua pelle Maythm Ghazi, 38 anni, di origine irakena, dal 1982 in Svizzera, quando s’è ritrovato ad aver bisogno di un rene. "Mi ha salvato la vita una sconosciuta, Léticia, grazie a lei potrò godermi la mia famiglia e veder crescere i miei tre figli".
Beh, proprio una sconosciuta Leticia Hinojosa, 36 anni, non lo era. In realtà, i due erano amici d’infanzia. Poi si sono persi di vista. Si sono sposati, hanno avuto dei figli. E pur abitando ambedue nel canton Vaud non si sono più rivisti. Professioni totalmente diverse, nessuna occasione per incontrarsi. Ma il destino, si sa, non dimentica. E così, quando Maythm lancia un appello sui social per chiedere un rene, tra chi s’è messo a disposizione c’è anche Leticia. Ha riconosciuto l’amico d’infanzia. "Ricordo ancora quella notte che mi ha telefonato - racconta Maythm -. Non si è persa in tanti discorsi. Mi ha detto ‘cosa devo fare?’. E l’ha fatto. Ha seguito passo passo tutti gli esami, le visite, i controlli... Sino alla fine. Ed effettivamente è risultata compatibile. Un miracolo! C’è chi aspetta mesi e mesi prima di avere un organo". Era il 2016. "Non potevo ignorare il suo appello - ha spiegato la donna a Le Matin Dimanche che ha raccontato la loro storia -. Ho cinque figli e ho subito pensato ai tre bambini di Maythm, rischiavano di restare senza un padre. No, non potevo ignorare quel messaggio". Un paio di anni per completare tutti gli esami e lo scorso luglio l’intervento.
La salute dell’uomo ha iniziato a vacillare seriamente nel 2016. Il diabete aveva compromesso i suoi reni e i medici gli avevano diagnosticato una grave insufficienza renale. "Lavoravo, mi occupavo con mia moglie dei bambini... poi ad un certo punto non ce l’ho più fatta. Ero sempre stanco. Solo un trapianto mi poteva salvare. I miei reni erano completamente andati. Purtroppo i medici, che avevano iniziato l’iter per portarmi al trapianto, mi hanno avvertito che prima di trovare un rene compatibile avrei povuto aspettare anche cinque anni. Mi è caduto il mondo addosso. E così ho pensato di fare un appello sui social". La famiglia, anche se informata solo parzialmente della gravità della situazione, "non si è mai proposta. E allora ho lasciato perdere, non ho nemmeno chiesto di provare a verificare se uno di loro era compatibile".  
Solitamente poco incline a parlare della sua vita, Maythm racconta tutta la sua storia su Facebook. Si apre e spiega di cosa ha bisogno. Chiede un aiuto o anche solo una condivisione per dare più visibilità al suo messaggio. "Ho ricevuto molto sostegno - dice -, non me l’aspettavo. Ma in realtà nessuno mi ha contattato per il test sulla compatibilità. Solo in quel momento ho capito che forse la mia era una stata un’idea folle. Come potevo pensare che un estraneo consentisse a darmi una parte del suo corpo?".
E invece Leticia l’ha fatto. Per quasi due anni s’è sottoposta ad ogni tipo di esame. Un bell’impegno con una famiglia così numerosa e un lavoro a tempo pieno. Nel frattempo, la salute di Maythm non doveva peggiorare. Purtroppo, invece, nel 2018, ha dovuto iniziare la dialisi. "Quattro ore ogni due giorni - racconta -. Avevo tutto il tempo per meditare sul gesto di Leticia che probabilmente non avevo ancora compreso sino in fondo in tutta la sua grandezza. E lì ho capito che solo una bella persona come lei poteva fare una cosa simile. Perché Léticia è davvero speciale". E Maythm, nelle lunghe ore della dialisi, tornava col pensiero alla sua infanzia, assieme a Leticia. "Già allora eravamo molto legati. Oggi lo siamo ancora di più, oggi il nostro è un legame di sangue".
pguenzi@caffe.ch
13.10.2019


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
30.04.2020
Pubblicato il Rendiconto 2019 del Consiglio di Stato
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Notte
di violenze
nelle città
statunitensi

La lenta
ripartenza
della cultura
europea

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00