Altri articoli
di 0
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2020
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, gennaio 2020
05.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 17 febbraio 2020
16.01.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2019
10.01.2020
Arge Alp: pubblicato un bando di concorso per un posto vacante presso il segretariato generale
08.01.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 20 gennaio 2020
16.12.2019
L’Ufficio dell’ispettorato del lavoro ha pubblicato le date dei corsi di formazione inerenti la Legge federale sul lavoro e relative Ordinanze, previsti durante l’anno 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Se il virus ci trascinerà
in una recessione
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Dalla tavola sovranista
a quella pro - global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Si scenderà a patti
con il sistema-Terra
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

NUMERI di Loretta Napoleoni
La tecnologia 5G
decolla tra i dubbi
Loretta Napoleoni


Una delle dispute più accese tra Washington e Pechino verte intorno al ruolo che la Huawei, il gigante dell’elettronica cinese, gioca nell’introduzione del 5G. Trump sostiene che usare la tecnologia cinese nel nuovo sistema di telefonia mobile è rischioso per motivi di sicurezza. Si teme che Pechino possa spiarci attraverso le onde magnetiche emesse dalle antenne del 5G. Fantascienza? Forse non è così.
La minaccia più seria che il 5G pone al mondo, comunque, potrebbe non concretizzarsi nel settore dello spionaggio ma in quello della salute pubblica. Il Dipartimento federale dell’ambiente (Ufam), ha preso in considerazione questa eventualità e ha deciso di indagare più a fondo sull’impatto che l’introduzione del 5G avrà sulla salute degli abitanti dei vari cantoni. La notizia arriva nel bel mezzo dei preparativi per il lancio del 5G in Svizzera dove circa duemila antenne sono già state erette e mentre da mesi i servizi di telefonia anticipano ai clienti con annunci promozionali l’arrivo della super veloce nuova tecnologia.
L’Associazione dei medici svizzeri sembra d’accordo con le precauzioni di Berna, da tempo mette in guardia sul 5G e sulla mancanza di dati relativi al suo impatto. In effetti non esistono studi approfonditi, ad esempio, sulle conseguenze che le nuove antenne avranno sulla nostra salute. Secondo l’Associazione esistono ancora troppe domande senza risposta per dare il via libera al 5G. Né l’industria elettronica né quella telefonia si sono preoccupate di fornire chiarimenti perché non esiste un sistema di standard internazionali relativi al funzionamento delle nuove antenne ed alla diffusione del 5G. Sorprende che un’istituzione come l’Unione europea, alla quale piace tenere sotto controllo tutti i settori non lo abbia ancora introdotto.
Intanto in Europa la corsa al 5G è in pieno svolgimento, la nuova tecnologia viene infatti vista da chi la promuove come uno strumento per migliorare la concorrenza, allargare il mercato e conquistarne grosse fette. Proprio per questo si cerca di minimizzarne l’impatto ambientale e sulla salute, un compito condiviso da tutti i servizi di telefonia. Ma se tutto ciò era fattibile alcuni anni fa, quando venne introdotto il 3G, oggi il consumatore è più cosciente dell’impatto ambientale e più incline alla difesa della salute e dunque chiede garanzie maggiori. Anche se molte aziende storceranno la bocca riguardo alla decisione dell’Ufam, i comuni cittadini vogliono essere sicuri che la tecnologia 5G non faccia male alla salute.
16-02-2020 01:00

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Prove
di Olimpiadi
con la paura
del coronavirus

Messico: donne
in marcia
contro
i femminicidi

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00