function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};




Altri articoli
di 0
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
17.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, settembre 2020
14.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, agosto 2020
09.09.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 21 settembre 2020
09.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2020
27.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2019
21.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio 2020
21.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, luglio 2020
19.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, luglio 2020
17.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio 2020
17.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, luglio 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Gran Bertagna vive
sopra una "bomba fiscale"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Le trappole sessuali cinesi
per "arruolare" spie a Parigi
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il culto della mascherina
accende il negazionismo
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
NUMERI di Loretta Napoleoni
I test universitari ripartono
da una sana individualità
Loretta Napoleoni


Tra i grandi cambiamenti che la pandemia ci ha imposto c’è quello relativo all’insegnamento. Dopo mesi di lezioni virtuali a settembre si è tornati in classe. Ed alla riapertura delle scuole nell’emisfero occidentale la regola principale è quella dell’adattamento. Adattamento alle nuove condizioni societarie per evitare una seconda ondata di contagi. Molti gli esperimenti: classi con banchi distanziati, classi dimezzate, turni di mattina e di pomeriggio, mascherine nelle mense, nei corridoio, nei bagni e così via.
I cambiamenti non sono limitati alla scuola ma si estendono alle università. Interessante è la trasformazione in atto in quelle americane, templi della conoscenza e costosissimi atenei dove non è mai stato facile entrare a causa degli innumerevoli test di ammissione richiesti. Ebbene il Covid ha fatto riflettere sui vantaggi di verificare la conoscenza accademica e nozionistica degli studenti attraverso prove scritte standardizzate rispetto a valutazioni relative alla creatività, ingegno e maturità dei giovani aspiranti studenti espressi attraverso interviste o resoconti scritti.
La seconda opzione ha guadagnato terreno tanto che negli Stati Uniti il 60 per cento delle università ha abbandonato il sistema dei test di ammissione per introdurre interviste o temi relativi all’esperienza Covid, si chiede insomma agli studenti di raccontare come hanno vissuto o sopravvissuto la pandemia ed il lockdown e cosa hanno imparato da questa esperienza eccezionale.
Dietro il trionfo della tecnologia, che ha mantenuto in vita il tessuto sociale durante il lockdown, la rivoluzione del Covid sembra adesso dare sempre più spazio all’individuo e sempre meno al cosiddetto "sistema". Questa costatazione non è circoscritta ai cambiamenti in atto nella trasmissione della cultura ma si estende anche alle attività produttive. Si lavora da casa ed il ritorno in ufficio appare sempre più lontano non tanto a causa del contagio ma per motivi di comodità, produttività ed efficienza. Che il virus sia riuscito ad aprire un varco nella massificazione della società restituendoci un po’ di quell’individualismo sano che rende eccitante l’interazione sociale? È possibile. La diversità, non dimentichiamolo, è un attributo indispensabile per la socialità, chissà, forse nell’era della globalizzazione tecnologica lo eravamo dimenticato.
19-09-2020 23:30

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ciclone
Ianos
spazza
la Grecia

Covid:
Londra aspetta
una seconda
ondata

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00