Altri articoli
di 0
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Povere chiese...
con meno denaro
L'INCHIESTA

Un bebè su quattro
ha genitori stranieri
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Il Piano B italiano
senza canone Rai
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Millennial al potere
ma non "correct"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Quelle vie d'uscita
per Gerusalemme
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La pizza nasce local
ma è diventata global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
11.01.2018
Prova delle Sirene 2018
10.01.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 22 gennaio 2018.
28.12.2017
Pubblicati online gli oggetti che sottostanno all’Ordinanza sulla protezione contro gli incidenti rilevanti (OPIR) con le loro aree di coordinamento [www.ti.ch/oasi]
28.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2017
22.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, novembre 2017
22.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2017
21.12.2017
Riqualifica del fondovalle di Airolo: credito di 50 milioni di franchi quale contributo cantonale [www.ti.ch/cantieri]
19.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
19.12.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 19.12.2017 [www.ti.ch/caccia]
15.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, terzo trimestre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

NUMERI di Loretta Napoleoni
Immagini articolo
E l'emigrato inventò
il business Italian style
Loretta Napoleoni


Londra onora Antonio (Tony) Mascolo, morto questa settimana all’età di 75 anni, celeberrimo parrucchiere creatore di Tony and Guy, la catena internazionale di parrucchieri. Il suo ritratto è stato tratteggiato da riviste e quotidiani, non solo inglesi. La sua e quella del fratello Gaetano (Guy) è la straordinaria storia di una famiglia umile di immigrati italiani che vale la pena ricordare in un momento in cui l’emigrazione viene spesso guardata con sospetto.
I due fratelli aprirono il primo locale a Clapham cinquant’anni fa promettendo messe in piega e tagli "Italian Style". Erano gli anni Settanta e nessun barbiere o parrucchiere londinese sapeva trattate i capelli lunghi e ricci che andavano di moda. Ma, soprattutto, la moda dei ‘capelloni’ richiedeva un tipo di capello mediterraneo che nel nord Europa era raro. Ecco perché la formula "Italian Style" funzionò benissimo. Tony and Guy, comunque, sapevano il loro mestiere: conoscevano i tagli giusti, usavano i prodotti giusti, erano bravissimi con le permanenti e sapevano come trattate i capelli lunghi degli uomini anglosassoni. In altre parole erano in grado di valorizzare ogni tipo di capello. E così divennero prima famosi nel quartiere e poi in tutta Londra
Nel 1988 aprirono il primo parrucchiere in franchising a Brighton, in 12 anni il numero dei loro affiliati saliva a 112, con 12 parrucchieri Tony and Guy all’estero. Sono stati due autentici pionieri delle catene di negozi nel Regno Unito, neppure Vidal Sassoon, altro celeberrimo nome degli anni Settanta, può essere reggere il confronto, la sua catena di parrucchieri è venuta dopo ed è molto più piccola.
La formula vincente dei due fratelli fu puntare tutto sulla qualità. Prima di Tony and Guy gli inglesi andavano a Londra per farsi fare i tagli alla moda. Loro due decisero di insegnare il mestiere a chi voleva usare il loro nome in provincia e così nel 1984 aprirono un’accademia per parrucchieri a Londra che in pochi anni sfornò diversi giovani talenti. I diplomati migliori aprirono locali con l’insegna Tony and Guy in tutte le più grosse "high street" britanniche, spesso con l’aiuto anche finanziario di Antonio e Gaetano.
Da cosa nasce cosa, dopo l’accademia vennero altre occasioni, la linea di prodotti per i capelli, i servizi fotografici, i tagli per i divi. Una carriera lunga e piena di soddisfazioni e che ha reso la famiglia Mascolo più che ricca. Nel 2017 secondo il Times il suo patrimonio ammontava a 270 milioni di sterline. Una fantastica carriera che fa anche onore a chi è costretto ad immigrare ed a chi lo riceve.
17-12-2017 01:00

I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Vienna:
"Non lasciate
governare
i nazisti"

Repubblica Ceca:
per le presidenziali
sarà
ballottaggio