Altri articoli
di 0

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
18.03.2020
Pubblicazione straordinaria: Decreto esecutivo concernente l’annullamento e il rinvio delle elezioni comunali per il periodo 2020-2024 del 18 marzo 2020
18.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2020
13.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2020
11.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
28.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2020
26.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 marzo 2020
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Se si stampa il denaro
solo per indebitarsi
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
LE PAROLE di Franco Zantonelli
Immagini articolo
Il vero pericolo
sono i "covidiot"
Franco Zantonelli


Stando ad alcune supposizioni, probabilmente non infondate, il confinamento della popolazione per la pandemia, avrà come effetto un aumento delle nascite. Vedremo! Per il momento assistiamo alla nascita di neologismi. Come "covidiot", un termine anglofono riferito a chi non ha ancora capito la gravità della situazione.
Quanto a noi tentiamo di rispettare la "distanza sociale" e i "rapporti intragenerazionali". Si sprecano, inoltre, i riferimenti storici dei protagonisti dell’emergenza. Così Merlani è diventato una sorta di generale Guisan, mentre Cocchi è stato paragonato a Churchill. "Cala giò do dit", avrebbe commentato un nostro collega, ormai a beneficio della letargia.

Chissà se nella New York blindata dal Coronavirus Woody Allen troverà, finalmente, il tempo di leggere Moby Dick. In Zelig, uno dei suoi film più significativi, il regista attribuiva le ansie e il sentimento di inferiorità del protagonista proprio al fatto di non aver letto, come molti suoi coetanei, il romanzo di Melville.
Fatto sta che in queste lunghe giornate in cui ci troviamo costretti a trovare un riparo dall’insidia del Covid-19, la lettura può costituire un rimedio contro la noia e le angosce, generate dall’impotenza di dover fronteggiare un nemico letale e misterioso. Diceva, in un aforisma di tanti anni fa un intellettuale altrettanto controverso di Woody Allen, Adriano Sofri, che "i decenni volano, sono certi pomeriggi che non passano mai". E allora impieghiamoli tornando a sfogliare dei libri, ascoltando della musica, perché "sa far sorridere" come afferma Arbore. Oppure guardiamo dei film che ci rimandino all’epoca, per nulla distante, in cui ci ritenevamo indistruttibili. Assolutamente da evitare titoli quali Armageddon e L’alba del giorno dopo.

"Albanesi incalliti". È il titolo di una prima pagina del quotidiano Il Manifesto degli anni in cui, dall’altra parte dell’Adriatico, dopo la caduta del Muro, si registravano continue partenze di persone disperate verso l’Italia, considerata una sorta di terra promessa.
Oggi la situazione si è ribaltata, l’Italia è in ginocchio a causa della pandemia e, allora, proprio dall’Albania, parzialmente risparmiata dal Coronavirus, è arrivato in aiuto un contingente di medici e infermieri. "Sono 30 anni che ci aiutate e supportate: è il minimo che potevamo fare", il leitmotiv della spedizione albanese. Un gran bel gesto di solidarietà, anche considerando tutte le difficoltà, non di rado accompagnate da atteggiamenti di rifiuto, che la comunità albanese, oggi costituita da poco meno di mezzo milione di persone, ha incontrato prima di riuscire ad integrarsi nella società italiana.
05-04-2020 01:00


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Coronavirus,
negli Stati uniti
1500 decessi
in appena 24 ore

Francia:
accoltella persone
nel centro
di Romans-sur-Isère

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00