Altri articoli
di 0

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
18.03.2020
Pubblicazione straordinaria: Decreto esecutivo concernente l’annullamento e il rinvio delle elezioni comunali per il periodo 2020-2024 del 18 marzo 2020
18.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2020
13.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2020
11.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
28.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2020
26.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 marzo 2020
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Se si stampa il denaro
solo per indebitarsi
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
IL PUNTO di Michel Guillaume
Le due svizzere
nate con il Covid-19
Michel Guillaume


Cinque settimane dopo la comparsa del primo caso di coronavirus in Ticino, il 25 febbraio, la Svizzera mostra due volti della sofferenza. Una sanitaria e una economica. Il virus ha già colpito quasi 20.000 persone e ha causato più di 600 morti. Colpisce i cantoni vicini agli epicentri europei della pandemia, la Lombardia per il Ticino, e Mulhouse per Ginevra, Vaud e Basilea Città.
Anche dal punto di vista economico la situazione è molto preoccupante. La Svizzera non potrà evitare un anno di recessione, come ha già annunciato il ministro dell’economia, Guy Parmelin. Più di un milione di lavoratori saranno costretti all’orario ridotto, dieci volte tanto rispetto alla crisi finanziaria del 2009. Sebbene il Consiglio federale abbia messo a disposizione 42 miliardi di franchi per evitare una cascata di fallimenti, questo importo non sarà mai sufficiente. La somma necessaria sarà di quasi 100 miliardi di franchi, come ipotizzato dall’Istituto Kof.
Eppure, nel bel mezzo di questa crisi senza precedenti, la Svizzera mostra anche una resistenza ammirevole. Si sta riscoprendo come Consiglio federale. Unito, questo governo si sta assumendo le sue responsabilità ascoltando i cantoni, anche se nei confronti del Ticino con un po’ di ritardo. Ha avuto il giusto tono, rinunciando a qualsiasi metafora di guerra che potesse rendere ancor più drammatica la situazione. Ha rinunciato al rigido isolamento chiedendo la solidarietà di tutti. E, nel complesso, la popolazione si è dimostrata molto disciplinata, molto più che in Francia, ad esempio, dove le forze dell’ordine hanno difficoltà nel far rispettare le severe misure introdotte dal presidente, Emmanuel Macron.
Inoltre, il sistema sanitario svizzero, sì molto costoso, si è dimostrato robusto grazie alla notevole professionalità del personale infermieristico ma anche alle ottime infrastrutture. In tempi record, infatti, la maggior parte degli ospedali hanno riorganizzato e almeno raddoppiato la capacità dei letti per la terapia intensiva, così come per primo ha fatto il Ticino. In Svizzera i medici degli ospedali non sono ancora stati costretti a decidere quale paziente far beneficiare di un respiratore artificiale e quale no.
Infine, il settore pubblico e quello privato hanno sepolto la loro antica rivalità, impensabile sino a pochi mesi fa. In tutta la Svizzera, le cliniche private si sono alleate con gli ospedali pubblici. In poco tempo, le barriere ideologiche e amministrative sono state abbattute. In mezzo al dramma, quindi, qualche notizia rassicurante.
05-04-2020 01:00


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Coronavirus,
negli Stati uniti
1500 decessi
in appena 24 ore

Francia:
accoltella persone
nel centro
di Romans-sur-Isère

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00