Altri articoli
di 0
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2020
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, gennaio 2020
05.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 17 febbraio 2020
16.01.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2019
10.01.2020
Arge Alp: pubblicato un bando di concorso per un posto vacante presso il segretariato generale
08.01.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 20 gennaio 2020
16.12.2019
L’Ufficio dell’ispettorato del lavoro ha pubblicato le date dei corsi di formazione inerenti la Legge federale sul lavoro e relative Ordinanze, previsti durante l’anno 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Se il virus ci trascinerà
in una recessione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Dalla tavola sovranista
a quella pro - global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Si scenderà a patti
con il sistema-Terra
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

FOGLI IN LIBERTÀ di Renato Martinoni
Storie di partigiani
e ricordi di spray e tv
Renato Martinoni


Il 27 gennaio, Giornata della Memoria, sulla casa di una donna, nel Piemonte, una mano ignota ha scritto: "Crepa sporca ebrea". La signora presa di mira non solo è ebrea. È anche figlia di partigiani. Due colpe imperdonabili, nell’Italia dei sovranismi e dell’ignoranza storica, per una ebrea di famiglia partigiana che, c’è da immaginare, lavora, va al caffè, paga le tasse, gioca magari a tombola la domenica all’oratorio e ascolta le canzoni di Iva Zanicchi. La cronaca italiana è riempita quasi giornalmente di offese contro gli ebrei e contro chi ha avuto a che fare, fra il 1943 e il 1945, con l’opposizione al Fascismo. Di scritte con lo spray ("qui vive un ebreo", "partigiano infame", "abbasso la Resistenza"), di lapidi oltraggiate, di svastiche sui muri, e soprattutto di messaggini e di tweet che se fossero tutti seri poveri noialtri. Naturalmente nessuno, pubblicamente, si prende la responsabilità per quello che succede. Anche se basta seguire certi dibattiti alla tv per capire dove stanno le radici di questi spiacevoli, preoccupanti fenomeni.
Pensare che fino a qualche decennio fa poter dire, in Italia, "ho fatto il partigiano" (o "la partigiana") era un grande titolo di merito. Oltre agli studi, all’esperienza, alla lunga militanza in un partito (la Democrazia Cristiana, quello Comunista, quello Socialista, quello Socialdemocratico, quello Repubblicano, perfino per alcuni monarchici), il fatto di avere combattuto contro i Fascisti era un valore aggiunto inestimabile. Basterebbe ricordare la figura, amatissima, di Sandro Pertini, il "Presidente degli Italiani", il partigiano che aveva conosciuto la prigione, il confino e la condanna a morte per il suo impegno contro il regime mussoliniano.
Non che la lotta partigiana non abbia avuto i suoi squallidi lati oscuri. Non ci sono solo eroi e antieroi, santi e mascalzoni. E se da un lato, finita la guerra, c’è chi per ragioni ideologiche ha esaltato la Resistenza oltre ogni ragionevole misura, ci sono stati anche dei grandi scrittori, come Pavese, Calvino e Fenoglio, che, pur stando con i partigiani, l’hanno descritta per quello che era. Del resto in guerra, in barba ai trattati internazionali, non ci sono regole e codici. In un diario ancora inedito, scritto da una donna veneta, si parla di giovani partigiani appesi per la gola, ancora vivi, con gli uncini che usano i macellai. Destinati tutti a "crepare" dopo una lunga e atroce agonia. Essere la figlia di un partigiano, oltre che ebrea, non può essere un motivo di demerito, di derisione o di offesa. Anche a settantacinque anni dalla fine del conflitto, della lotta partigiana e degli eccidi nei lager. Nemmeno nell’Italia dei nazionalismi e dei sovranismi.
16-02-2020 01:00

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Prove
di Olimpiadi
con la paura
del coronavirus

Messico: donne
in marcia
contro
i femminicidi

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00