Altri articoli
di 0
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
22.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, luglio 2019
22.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, luglio 2019
22.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio 2019
20.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, luglio 2019
05.08.2019
Comunicazione Ustat: Pericoli naturali Ticino
30.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2019
29.07.2019
Avviso di prudenza del 29.07.2019 nell'accensione di fuochi commemorativi e d'artificio per i festeggiamenti del 1° agosto 2019 [www.ti.ch/incendi-boschivi]
15.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2019
14.07.2019
Traversa di Cavanna/Bedretto - coordinate 682/152 - Predazione 3 pecore
12.07.2019
Consultabili online le temperature dei fiumi misurate in continuo presso le stazioni idrologiche cantonali e federali [www.ti.ch/oasi]
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Gli affari con la Cina
garanzia per l'Australia
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La fuga dei miliardari
imbarazza gli Emirati
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"

FOGLI IN LIBERTÀ di Renato Martinoni
Il pane congelato
e gli applausi forzati
Renato Martinoni


Un amico mi ha scritto dall’Oriente. Carissimo, dice, nel paese in cui vivo i temi su cui si discute, in questi ultimi mesi, sono solo due. Il pane e gli applausi. Non credere che voglia divertirmi alle tue spalle. So benissimo che questi due argomenti non hanno nulla a che vedere l’uno con l’altro. Il pane è pane. Gli applausi sono applausi. Eppure da noi sono in corso dimostrazioni di piazza, azioni di rivolta, perfino qualche scontro con la polizia. Hanno dovuto usare i lacrimogeni. Che c’entra il pane con gli applausi? Beh, cominciamo dal primo argomento. La gente non ne può più del pane quotidiano. Sulle confezioni c’è scritto: "prodotto artigianale" e "cotto nel forno a legna". Se però prendi una lente e leggi bene scopri che il pane è stato impastato nel Kazakistan, congelato nell’Uzbekistan, precotto nel Kirghizistan e cotto nel Turkmenistan, prima di una ripassatina nella macchina-forno dei nostri supermercati. Altro che il pane del prestinaio!
E veniamo al secondo tema. Hai mai visto un politico che parli da solo davanti a un microfono? Cascame d’altri tempi. Ora in secondo piano ci vuole un codazzo di gente. Uomini e donne che sorridano con trentadue denti, che sventolino bandierine, che facciano sì sì sì con la testa e che soprattutto applaudano, clac clac clac, dopo ogni parola dell’eroe. A che serve governare? Conta il consenso. Finisce poi sempre con tutta quella calca che accorre a fare selfie con il politico. Magari con una mano sulla sua spalla. Succede anche da voi? Da noi, in Oriente, è la regola. Ora però è capitato, nel Paese dove vivo, che la gente si è stufata. Prima ha mugugnato. Poi ha alzato la voce. Infine è scesa sulle strade a protestare. "Viva il pane fresco", ha gridato in coro. "Abbasso gli applausi".
I più sfegatati pensano che lo Stato debba badare al bene dei cittadini. Ecco dunque la proposta. Primo, bisogna incentivare la produzione di pane artigianale. Secondo, si deve multare la gente che applaude. Facciamola finita con il pane finto che sembra di plastica! Lo Stato, dicono i cartelli di protesta, sostenga i veri panettieri. Vogliamo il pane genuino, ben lievitato, cotto come Dio comanda, croccante, con un velo di farina sopra. Nato in una notte. Non vecchio di sei mesi tra pseudoforni e congelatori. Bisogna eliminare il pane dai supermercati. Vanno riaperte le panetterie artigianali. A vendere il pane dev’essere gente con la faccia infarinata. Per finanziare la novità basta multare quelli che si spellano le mani a furia di batterle dietro la schiena dei politici. Prenderemo due piccioni con una fava. Mangeremo un pane che è pane e eviteremo il clac clac dei leccaculo. Sono certo comunque che da voi tutto questo non succede.
25-08-2019 01:00

La copertina
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Le pubblicazioni
di Rezzonico
Editore

Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Bandiere
dell’India
in fiamme
nel Kashmir

Il fuoco
dell’Amazzonia
incendia
le piazze

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00