Altri articoli
di 0

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
18.03.2020
Pubblicazione straordinaria: Decreto esecutivo concernente l’annullamento e il rinvio delle elezioni comunali per il periodo 2020-2024 del 18 marzo 2020
18.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2020
13.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2020
11.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
28.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2020
26.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 marzo 2020
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Se si stampa il denaro
solo per indebitarsi
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
DIARIO di Giuseppe Zois
Ma dopo la quarantena
torneremo a festeggiare
Giuseppe Zois


Caro Diario,
è difficile sollevare lo sguardo e coltivare pensieri vestiti di primavera. È un tempo così, in cui anche la speranza pare appesantita dalle troppe croci. C’è da auspicare che Pasqua con la sua serenità riesca a dissipare le troppe nubi sul futuro. Possiamo anche stare bene di salute, al riparo dentro case-fortezza, relativamente protetti e al riparo dal nemico occulto, poi però subentra di prepotenza la parte oscura, difficile da controllare, con le mille facce dell’ansia, del "chissà", del dolore.

DOVREMMO prendere esempio, e potrebbe anche farci bene, dai bambini e dalla loro lieta fiducia nei genitori. Come potrebbero crescere distesi se fossero consapevoli come gli adulti che nulla dura per sempre? Non a caso si dice che il domani ha due volti: quello rosa e felice dell’infanzia e l’altro con le rughe della maturità, ma anche con la ricchezza dell’esperienza. I bambini hanno le loro abitudini e le mantengono con l’unico mutamento dello spazio fattosi ristretto e senza la vivacità degli incontri in libertà per giocare con gli amici.

AGLI ADULTI sono venuti di colpo a mancare molti rituali che riempivano le ore: la partita a carte, il bianchino o il caffè al bar, le quattro chiacchiere in compagnia, insomma la quotidianità. Di più: mancano anche i momenti insieme per condividere una passione - concerti, teatro, calcio… - o di fede nelle chiese. Stiamo provando anche la caduta dei riti. Ce ne accorgiamo soprattutto adesso, quando sappiamo di persone con cui avevamo legami forti che ci lasciano e alle quali non possiamo portare un segno di vicinanza. Impossibilitati anche di esprimere partecipazione - che è anche motivo di conforto e calore umano - ai parenti. In queste lunghe settimane tutto è diventato freddo: si muore senza un congiunto accanto, senza un funerale. E questa è la negazione stessa della relazione, che è l’architrave della comunità. Ci siamo dovuti congedare a distanza da amici fraterni, senza un ultimo gesto di gratitudine (viene prima, e si capisce, il dovere primario di proteggere la salute di tutti).

USCIREMO dal tunnel e ci rifaremo dal vivo. Dopo l’astinenza a tempo indeterminato da abbracci, strette di mano, baci, sarà una grande gioia ritrovare la libertà e manifestarci reciproci sentimenti. Con un valore aggiunto: che le nostre effusioni saranno più vere e più sentite. Non c’è come una rinuncia che sappia poi rivalutare il piacere di un recupero. E anche questa sarà una Pasqua.
05-04-2020 01:00


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Coronavirus,
negli Stati uniti
1500 decessi
in appena 24 ore

Francia:
accoltella persone
nel centro
di Romans-sur-Isère

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00