function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};

LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Cina un Paese-partito
frenato dai suoi leader
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
"Le navi delle ong
attirano i barconi"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La tranquilla città
del killer fantasma
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
I movimenti verdi europei
colorano la sbiadita politica
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Un viaggio tra i popoli
sull'idea del nuovo inizio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
La protesta dei giovani
dalla piazza vada nelle urne
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Si pensi anche ai costi
causati da altre limitazioni



LE PAROLE

diFranco
Zantonelli
Leggi »
Colpi di testa
Sfoglia l'archivio »


Il dopo Brexit si fa sempre più complicato

La variante Delta
rovina la festa a BoJo

“Mission accomplished” (missione compiuta). Boris Johnson - che ieri ha incassato le dimissioni del ministro Matt Hancock - ha salutato così il quinto anniversario dello storico referendum che nel 2016 ha sancito la vittoria della Brexit. In realtà, il premier conservatore ha ben poco da ...
Il barometro politico vira verso la tempesta

In Italia scricchiola
la pace imposta da Draghi

Attualmente la chiamano "pax draghiana". È la pace dei partiti che in Italia sostengono il governo di Mario Draghi. Ma sarebbe meglio chiamarla tregua, perché è destinata a non durare a lungo. Il barometro del rissoso mondo politico italiano segna la calma piatta, o quasi, ...
Immagini articolo
 
A scrutinio parziale ha ottenuto il 62% dei consensi

Il nuovo presidente iraniano
è l'ultraconservatore Raisi

Ebrahim Raisi, il candidato ultraconservatore alle presidenziali in Iran, è il nuovo  presidente dell’Iran. Ha ricevuto quasi 18 milioni di suffragi in una consultazione  dove ha votato il 48,8% degli aventi diritto, la percentuale più bassa dalla nascita della Repubblica islamica. L’annuncio ufficiale dei risultati ...
Piano del G7 alternativo all'influenza economica della Cina
Immagini articolo

Il vertice delle democrazie
contro "la via della seta"

Economia, politica estera (in contrapposizione alla Cina) e assistenza sanitaria hanno tenuto banco, ieri, sabato, al secondo giorno del vertice del G-7 in Cornovaglia, in Inghilterra. Al termine delle discussione, i leader delle sette maggior economie (non c’è più la Russia) si sono impegnati a ...
Tre donne in corsa per la poltrona di sindaco

Le regine di New York
alla conquista di City Hall

Dal 1898 solo 18 candidati hanno rivestito a New York l’importante ruolo di Primo Cittadino. Tre italo-americani, un nero, vari cattolici, ebrei e protestanti. Mai una donna, ma nel 2021 questo potrebbe cambiare perché ben tre di loro - Maya Wiley, Dianne Morales e Kathryn ...
Come nel Mediterraneo anche in Usa la rotta dei migranti

Il sogno americano tradito
dei "boat people" cubani

Li hanno cercati per giorni, con elicotteri, velivoli da ricognizione, motovedette. Hanno "pettinato", come si fa in questi casi, un tratto di mare a sud di Key West. Ma alla fine la Guardia costiera americana ha sospeso le operazioni: non c’erano più speranze di trovare ...
La fragile alleanza in Israele fatta di partiti ex nemici

Tutti contro Netanyahu
ma in ordine sparso

Sino ad ora ha prevalso la "pars destruens", ma molto più complicato sarà tenere in piedi quella "costruens". Valeva per la filosofia di Francesco Bacone e senz’altro si applica bene per descrivere la situazione politica israeliana di questi giorni. In altre parole: ben otto partiti ...
Le sette maggiori economie contro l'elusione fiscale
Immagini articolo

Il G7 si accorda per tassare
le aziende del "Big Tech"

Accordo "storico per una tassa minima per grandi imprese". Il G7, le sette maggiori economie del mondo,  hanno raggiunto ieri, sabato, a Londra, un accordo che le impegna a introdurre, Paese per Paese, una tassazione minima globale di almeno il 15% sulle grandi imprese.  Lo ...
È rimasto poco delle proteste in Tunisia del 2010

La primavera araba tradita
da troppe false promesse

Tutto inizia in una cittadina della Tunisia il 17 dicembre 2010. Giorno in cui, spinto dalla disperazione, il venditore ambulante Mohammed Bouazizi si dà fuoco (la polizia gli aveva sequestrato la merce). Da quel gesto disperato la protesta si sparge nelle altre città tunisine, e ...
Dopo l'arresto del giornalista Protasevich

Ora i profughi bielorussi
tremano anche in Polonia

C’è un palazzo nel distretto governativo di Varsavia. Dalla finestra sventola una bandiera bianca e rossa con un cavaliere sul suo destriero. È la "Pahonia", lo stemma storico della Bielorussia - sulla quale si è abbattuta anche la scure delle sanzioni americane dopo quelle europee ...
Immagini articolo
 
Dopo il vertice a Roma, si vuole sospendere i brevetti

"Senza vaccino nessuno
sarà ancora al sicuro"

Chiuso a Roma il Global Health Summit, il vertice sulla salute che ha riunito (virtualmente, a parte il premier italiano, Mario Draghi, e la presidente della Commissione europea, Ursula Von der Leyen) i leader del G20 - per la Svizzera c’era il presidente Guy Parmelin ...
Alle radici di un conflitto simbolo di una tormentata storia
Immagini articolo

Fra Israele e palestinesi
è una guerra senza fine

Chi, nella sua vita, sia stato anche solo un giorno a Gerusalemme sa quanto grande sia il dramma che vi si sta svolgendo: non soltanto per le violenze che vi avvengono, ma per la straordinaria portata della sua bellezza, che non è soltanto un fatto ...
Johnson si afferma nelle lezioni locali in Gran Bretagna

Nella sconfitta del Labour
resistono le città e il Galles

I laburisti mantengono il potere in Galles, mentre il premier inglese Boris Johnson esulta per i primi risultati del voto in Gran Bretagna. I dati di un’elezione dei poteri locali, che ha portato al voto 48 milioni di britannici, stanno infatti certificando una vittoria del ...
Il capo della Casa Bianca convince metà degli americani

I primi 100 giorni di Biden
da presidente degli Usa

Si fa dai tempi di Franklin D. Roosevelt, il cui ritratto Joe Biden ha fatto appendere al posto d’onore, sopra il caminetto dell’Ufficio Ovale: da quando nel 1933 il presidente del New Deal si impegnò nel vasto piano di misure contro la Grande Depressione, i ...
Immagini articolo
 
Le tragedie dei migranti strumentalizzate politicamente
Immagini articolo

"Le navi delle ong
attirano i barconi"

Oltre 130 migranti morti nelle acque di fronte alla Libia tra il 20 e 22 aprile. L’ennesima tragedia del mare, la cui cronaca viene largamente strumentalizzata in Europa, e specialmente in Italia, per fini politici. Le organizzazioni non governative internazionali (ong) non esitano anche questa ...
Sofisticate operazioni di "intelligence" del Mossad
Immagini articolo

Lo strisciante conflitto
tra Gerusalemme e Iran

Incidenti ma non tali. Attacchi fatti passare per incidenti. Manovre all’interno dell’Iran e lungo le rotte marittime. Il conflitto strisciante tra Gerusalemme e Teheran prosegue a ritmo incalzante, con evidenti implicazioni di politica interna.Il sito di Natanz, dove sono ospitate le centrifughe per l’arricchimento dell’uranio, ...
Polemiche dopo la strage di migranti nel Mediterraneo

"Hanno supplicato un aiuto
prima di morire tra le onde"

Chi è arrivato in quello specchio di mare, al largo delle coste della Libia, ha detto d’aver navigato tra i cadaveri. L’ultima strage di migranti nel Mediterraneo, oltre cento morti, ha riacceso polemiche, rimpalli di responsabilità e accuse. Chi doveva soccorrere quelle persone? Secondo le ...
Gli Usa dopo 20 anni lasciano il Paese ormai devastato

La guerra senza fine
e vincitori in Afghanistan

Sono passati vent’anni. Venti, difficili anni da quando le truppe Usa insieme a quelle del Regno Unito, sono entrate in Afghanistan, dove era in corso una guerra civile. Un intervento legato agli attentati dell’11 settembre 2001 e la caccia a Osama bin Laden. Il capo ...
Immagini articolo
 
Il ruolo delle attentatrici e le cellule "familiari" in Asia

Le donne del terrorismo
ora passano all'azione

Una tendenza allarmante su un doppio binario: il ruolo delle attentatrici e le cellule su base familiare. Avviene in alcuni Paesi dell’Asia, come le Filippine e l’Indonesia, ma ha avuto un "anticipo" in altri quadranti geografici.Ripartiamo dalla cronaca, con una sequenza iniziata nel 2018.  In ...

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

50 anni fa
moriva
Jim Morrison

Tigre:
allarme Onu
sulla carestia

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00