Dello stesso autore
di 0
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.09.2019
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o per incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– per l'anno 2018 [www.ti.ch/commesse]
19.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, agosto 2019
17.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2019
11.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2019
09.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2019
04.09.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 16 settembre prossimo
03.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio 2019
02.09.2019
Aggiornati e completati i dati sugli impianti di depurazione delle acque [www.ti.ch/oasi]
30.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, luglio 2019
27.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2018
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Per ora fare il pieno
costerà a tutti di più
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Killer, boss e agguati
al clan dei marsigliesi
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

Guido Olimpio
Killer, boss e agguati
al clan dei marsigliesi
Guido Olimpio
Chi è
Si occupa di terrorismo internazionale e Medio Oriente, lavora al "Corriere della Sera" come inviato negli Stati Uniti
Gli ultimi agguati nei primi giorni di settembre, con due persone sorprese in strada da sparatori poi fuggiti. Le vittime hanno riportato ferite gravi. Ben diversa la sorte di Farid Tir, un boss della regione marsigliese, fatto fuori a fine agosto. Un delitto di peso perché ha coinvolto uno degli esponenti più in vista del mondo criminale nella splendida quanto dura città mediterranea. Dall’inizio dell’anno - secondo i media - sono stati almeno 8 i morti in attentati collegabili al mondo del narco-traffico. Numeri importanti, ma non sorprendenti.
Marsiglia, da anni, è un campo di battaglia, con attacchi e incursioni da parte delle bande che si contendono il mercato dell’illegalità e in particolare i giri della droga. Lo scontro coinvolge numerose "famiglie" e una serie di sottogruppi collegati. I Remadnia, i Berrebouh, i Tir sono alcuni dei nomi.
Farid, 29 anni, apparteneva ad uno dei cartelli, aveva il ruolo di leader e portava avanti le attività dell’organizzazione falcidiata da molte perdite. Diversi esponenti del suo clan stati liquidati in modo brutale da assassini rapidi e letali. Stessa fine per alcuni rivali. Il sangue chiama sangue. Se perdi un elemento devi reagire con eguale forza. Per non dimostrare debolezza, per imporre il tuo ordine e proteggere il territorio, composta da quartieri e rotte. Farid era consapevole dei rischi, si muoveva con una guardia del corpo portandosi dietro anche il giubbotto anti-proiettile. Misure che non sono bastate. I suoi nemici lo hanno scovato in un motel a Pennes-Mirabeau, comune a nord di Marsiglia: sono entrati senza alcun timore, hanno raggiunto la stanza-nascondiglio ed hanno fatto fuoco. Un’irruzione sfrontata che potrebbe avere conseguenze di lungo termine in un quadro sempre più fragile e agitato. Da tempo i metodi mafiosi hanno contagiato anche altre regioni francesi.
I criminali utilizzano armi da guerra. Il fucile preferito è il Kalashnikov: non è difficile procurarselo, esiste una filiera ramificata. I "pezzi" arrivano dall’Est Europa oppure al Vicino Oriente, dove i mitra abbandonano e possono essere inviati verso l’altra sponda del Mediterraneo usando le vie clandestine utilizzate per eroina, hashish o altro. In alternativa i banditi impiegano fucili a pompa, "utili" da distanza ravvicinata e dal grande impatto. Oppure le pistole, d’ogni calibro. Il ricorso a questo tipo di arsenale è scontato: consente di portare colpi duri e, al tempo, stesso trasmette un segnale di forza. Verso gli avversari, ma anche nei riguardi delle forze dell’ordine. In un’occasione, una cellula di presunti gangster ha agito in pieno giorno, bloccando un paio di strade di un quartiere. Erano incappucciati, vestiti di scuro, con dotazioni "pesanti". Sembravano dei terroristi.
Altro aspetto chiave è la filatura del possibile target. Le indagini hanno rivelato che in alcune occasioni chi ha preparato l’attacco ha seguito per giorni la "preda" usando sistemi Gps nascosti nelle vetture del bersaglio. Materiale acquistabile sul mercato civile, utile per tracciare a distanza personaggi che sanno di essere nel mirino. Non di rado, poi, una volta eseguita la missione di morte, gli esecutori danno alle fiamme la loro auto. Così cancellano eventuali impronte, Dna, qualsiasi cosa possa servire all’inchiesta della Scientifica.
15-09-2019 01:00



La copertina
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Spagna: studiava
per colpire,
arrestato jihadista

Germania, accordo
con il Messico
per reclutare
infermieri

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00